Magazine Cultura

Fleet Foxes - Helplessness Blues (Sub Pop)

Creato il 06 giugno 2011 da Makomatteo
Di Giacomo Bellini

Robin Pecknold e Skyler Skjelset sono due sopravvissuti a quell’olocausto nucleare anche noto
come “Punk”. Mentre tutto il mondo era in preda a spille, borchie e creste si sono rintanati in un
rifugio anti-atomico, nutrendosi di Bob Dylan, Hank Williams, The Band, Crosby Still Nash e
l’immancabile Neil Young. Rimasti così al riparo dalle radiazioni che hanno portato a New Wave,
Grunge, Post-Punk e quant’altro quando sono usciti a fine primo decennio del nuovo millennio ci
hanno portato questi due album dai sixties incontaminati dalle nuove correnti musicali di questi
ultimi 40 anni. Questa è l’unica spiegazione che riesco a dare all’uscita di un gruppo del genere in questi anni.
Sembra invece che Robin e Skyler siano due ragazzi del nord-ovest degli US poco più che
ventenni. In un’epoca in cui la contaminazione elettronica è sempre più invadente, specialmente dell’universo “Indie” in cui l’innovazione e la sperimentazione sono la stella cometa da seguire, loro hanno fatto un drastico passo in dietro di una quarantina d’anni rifiutando l’utilizzo di intetizzatori e campionamenti vari imbroccando una strada fatta di chitarre acustiche, cori, percussioni e, sporadicamente, un flauto o un violino nella più classica delle tradizioni Folk americane.
Sin da “Montezuma”, primo pezzo di questo secondo album, si è trasportarti in quell’atmosfera
tipica del nord-ovest americano reso celebre da Twin Peaks ad inizio anni ’90. Cullati da cori
polifonici, caratteristica principale delle Volpi, ci ritroviamo a passeggiare nel mezzo a immensi
boschi di conifere indossando una pesante camicia di flanella e con una lunga barba da sfoggiare (non a caso il look dei nostri) in cui il tempo è scandito da una soffice percussione in sottofondo e la melodia nell’aria non è che un semplice arpeggio di chitarra. Il disco risulta molto compatto e i brani hanno tutti più o meno lo stesso stile…in qualcuno sono le percussioni in rilievo (Battery Kinzie), in altri ancora è la voce di Robin (Montezuma), in altri la chitarra (Helplessness Blues) e nella maggior parte sono i cori a farla da padroni.
Detto questo la torta sul davanzale si dovrebbe essere raffreddata, l’assassino di Laura Palmer
catturato, non vi resta che godervi questa piccola chicca degli anni sessan…ehm…2000.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Blues dal Mississipi

    Blues Mississipi

    Pianista e cantante americano, considerato uno dei più grandi artisti del blues internazionale, Pinetop Perkins è scomparso ieri a causa di un arresto cardiaco... Leggere il seguito

    Da  Achess
    CULTURA, MUSICA
  • Fleet Foxes - Helplessness Blues

    Fleet Foxes Helplessness Blues

    E' online il video di "Grown Ocean", ultimo singolo dei Fleet Foxes, estratto dall'album “Helplessness Blues", disco che, a detta deicomponenti della band, ha... Leggere il seguito

    Da  Wordsinsound
    CULTURA, MUSICA
  • Fleet Foxes - Grown Ocean - Video Testo

    Fleet Foxes Grown Ocean Video Testo

    Manca un mese all'uscita del secondo cd dei Fleet Foxes.Si intitola "Helplessness Blues" la nuova fatica del gruppo indie-folk di Seattle che ha messo... Leggere il seguito

    Da  Lesto82
    CULTURA, MUSICA
  • La magica melodia antica del moderno: Fleet Foxes

    magica melodia antica moderno: Fleet Foxes

    Australia, Fremantle. Sono le otto e mezza di sera e la luce della sera disegna, dalle persiane socchiuse, liste sul letto sfatto, sulle lenzuola dorate come... Leggere il seguito

    Da  Treasures
    CULTURA, INDIE, MUSICA
  • Pistoia Blues 2011

    Anche quest' anno il Pistoia Blues ospiterà grandi nomi del panorama internazionale, anche se non legati espressamente alla musica blues.La 3 giorni pistoiese... Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Buon compleanno Iggy Pop

    Se c'è un cantante che ha saputo incarnificare la prepotenza ed il nichilismo nel rock è proprio Iggy Pop, che non a caso è ritenuto uno dei padri ispiratori de... Leggere il seguito

    Da  Jagming
    CULTURA, MUSICA, POP / ROCK
  • Blues

    Blues

    Ogni volta che imbraccio una chitarra mi viene da svisare, alla ricerca di qualche passaggio blues. Ciò non significa che io sia autorizzato a farlo, che la mi... Leggere il seguito

    Da  Athos Enrile
    CULTURA, MUSICA