Magazine Cultura

FOLLIE E SCOMMESSE - A due anni dal sisma, L'Aquila sta morendo

Creato il 07 aprile 2011 da Calcisulcalcio
FOLLIE E SCOMMESSE - A due anni dal sisma, L'Aquila sta morendoSe provaste a camminare per le vie di L’Aquila sarebbe più facile da capire, e non parlo del centro storico che tutt’ora è inaccessibile o che ha le strade ristrette piene di macerie transennate ai lati, ma parlo di qualsiasi via, anche ai margini della città, guardando piccole crepe nei palazzi che rispecchiano i cuori di ogni singolo abitante.
Nulla è dimenticato, lo vedi negli occhi di un aquilano, non sono passati due anni per lui, è come se avesse le immagini scorrere nei suoi occhi mentre ti parla, e se non si distrae rischia di mettersi a piangere, ma un aquilano vero non piange, e allora si allontana e ricomincia a lavorare. Se vi venisse in mente di chiamarla rassegnazione vi fermo subito, perché se le tremila attività che sono crollate nel vero senso della parola fossero state realmente tutte rilocalizzate, non si parlerebbe affatto di città morente, ma di rinascita, solo che come al solito, se puoi con i tuoi mezzi riaprire il tuo negozio altrove va bene, ma se apetti il piano previsto dalle istituzioni puoi anche morire di fame. E allora non è rassegnazione, spostarsi, perdere il contatto con tutto quello che fino alle 3 e 32 del 6 aprile 2009 era il tuo piccolo mondo e la tua realtà quotidiana, non è rassegnazione voler cominciare altrove piuttosto che avere sotto gli occhi la tua casa devastata nella quale hai anche perso una persona cara, è semplicemente un tentativo di ricominciare a vivere, di non impazzire, di recuperare la forza di sorridere ancora.
FOLLIE E SCOMMESSE - A due anni dal sisma, L'Aquila sta morendoCome si può far risorgere una città se chi ne ha il potere cerca il profitto? Come si può dire davanti ad una telecamera ed entrando nelle case della gente che è stato un miracolo italiano quando si sta solo svendendo ogni singola proprietà privata e si sta costruendo poco o nulla?
Nel piano case in seguito al censimento del 2009 si sta cercando in ogni modo di eliminare soggetti non idonei, ovvero anziani, malati e disoccupati. Persone che non possono produrre è vero, ma persone che una casa l’avevano, e magari anche un’occupazione che ora non esiste più.
Se nel piano case si comincia fra mille problemi a ridare un tetto a molte persone, che comunque non hanno mezzi di sostentamento o servizi pubblici, a poco serve, se non si cerca di risollevare l’economia. Si ricostruisce lontano dal centro, anche presidi sanitari, e le fabbriche e le grandi aziende hanno chiuso, e riapriranno molto lontano da L’Aquila, le persone fortunate che avevano un lavoro e lo hanno mantenuto saranno costretti a pagare le tasse del 2008 e del 2009 anche se la produttività è stata ferma a 0 nel biennio, e questo è piuttosto strano se si pensa ai diversi trattamenti per Umbria e Marche quando hanno vissuto analoghe situazioni, ma ora c’è la crisi, i soldi non ci sono, e allora conviene vendere ad un privato che costruisce un residence di lusso, piuttosto che recuperare una struttura ospedaliera, e poco importa se le visite hanno attese di 7-8 mesi e chissà da fare dove. Poco importa se le Asl di L’Aquila e dintorni (tutte quelle in zona sismica) erano assicurate contro il terremoto e quindi hanno incassato, ma hanno pensato bene di ricostruire altrove non di salvare e rimettere apposto dove si era.
FOLLIE E SCOMMESSE - A due anni dal sisma, L'Aquila sta morendoCi sono gruppi che vigilano, che cercano di controllare gli appalti selvaggi, che provano a informare con assemblee e iniziative le persone, di ciò che accade a L’aquila, come il comitato 3e32, che a Collemaggio ospita chiunque non ha un posto dove andare, che organizza eventi e manifestazioni per far conosce i disagi e non per esprimere violenza. Ci sono gruppi che cercano nuovi modi di vivere, costruendo giorno dopo giorno un piccolo quartiere, magari con case improvvisate in attesa di un aiuto concreto.
Le speculazioni sulla ricostruzione sono il coltello che sta aprendo il petto a questa città, imprenditori con le mani in pasta che ridevano nei loro letti la sera del terremoto (che schifo), come a dire che se non fai parte della “cricca” della protezione civile (non di tutta, ci sono un sacco di persone che aiutano e fanno del bene a chi ha bisogno), o se non sei amico di comanda la ricostruzione è impossibile che tu abbia l’appalto, anche se la zona da ricostruire è quella in cui sei nato e cresciuto, ed ecco quindi che spuntano progetti di costruzioni di Milano, Venezia ,Bologna e quant’altro, senza che gli aquilani ne siano al corrente, appalti facili e che poi di fatto restano fermi (il centro storico non ha visto iniziare i lavori, così come la maggior parte dei progetti approvati), ma di L’Aquila nessun progetto. E poi le imprese locali che hanno lavorato intensamente: ferramenta, artigiani, falegnami, costruttori, operai delle cave, che non sono mai state pagate per il lavoro svolto per ricostruire la propria città, o se sono state fortunate, pagate di meno e in ritardo.
FOLLIE E SCOMMESSE - A due anni dal sisma, L'Aquila sta morendoI media filtrano da più di un anno l’informazione sulle situazioni reali di L’Aquila, fanno vedere solo ciò che fa comodo, impongono conflitti tra tutte le piccole realtà per non permettere l’unione delle forze, descrivono le manifestazioni come atti di violenza o atti politici, li dove di violenza o politica c’è poco o nulla, c’è solo la rabbia di persone terremotate che non vengono ascoltate, e quando davanti alle forze dell’ordine si presenta una mamma aquilana che non ha nessuna intenzione di scontrarsi ma solo di passare per far sentire la propria voce è li che diventa pericolosa una persona, perché non ha paura, non ha più paura di niente, vede il poliziotto di turno come un possibile figlio e non come un nemico, e non si ferma, perché la sua voce deve arrivare ai governanti e non deve sfociare in violenza.
Se la voce di chi cerca di resistere viene smorzata, se le forze di chi lavora vengono abbattute dalle tasse, se chi ha lavorato per ricostruire non viene sostentato, se chi aveva attività non viene rilocalizzato, se chi ha il potere di aiutare impone il suo guadagno personale, se chi vuole riprendere la vita e l’economia viene ostacolato, il risultato è solo uno, L’Aquila è destinata a morire.
di Cristian Amadei

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog