Magazine Società

Fragole rosse a piazza Vittorio

Creato il 10 dicembre 2010 da Andreapomella

Fragole rosse a piazza VittorioA piazza Vittorio le luci fluttuano, il Natale lo annusi dagli addobbi dozzinali che decorano le bancarelle sotto i portici, uno stereo con il volume fuori portata massima stona le note di un pezzo hip hop commerciale. Ho un appuntamento con un amico che non vedo da quindici anni, sono in anticipo di qualche minuto e non mi perdo lo spettacolo dell’umanità trascurata che produce i suoi traffici dietro gli angoli delle colonne, nei brevi spazi urbani che separano i muri dai cassonetti della spazzatura, tra la prima fila di macchine parcheggiate e l’ingresso dei giardini. È un circuito elettrico in perenne movimento compiuto sotto l’ombra imponente dei palazzi umbertini, in quella che (in pochi lo sanno) è la piazza più grande di Roma. Ormai passo di rado da queste parti, un tempo ci venivo spesso, in un ufficio qui vicino, in via Napoleone III, ho passato un anno della mia vita, l’anno di servizio civile che lo stato italiano mi ha rapinato al tempo della mia giovinezza. Era il ’96, e a quanto pare le cose, da queste parti, non sono molto cambiate. Quello che succede a un certo punto è qualcosa di strano e fuori dal tempo. Mentre affondo le mani nelle tasche del mio cappotto nero vedo passare accanto a me una donna ivoriana con un vestito di raso giallo e una vaschetta di plastica tra le mani. L’appariscenza del vestito stonerebbe in qualunque altro luogo della città, qui invece, nel tripudio multiculturale che distingue il quartiere, direi che il vestito passa quasi inosservato. Ciò che invece risalta è il fatto che la donna, con un gesto aggraziato e soave, dalla vaschetta di plastica sollevi con la punta delle dita delle piccole fragole rosse. Siamo in quella parte dell’anno in cui trovare delle fragole così rosse è pressoché impossibile, qualcuno dice che per far maturare le fragole d’inverno i produttori usino l’acetilene, altri sostengono che il segreto sta in un gene prelevato dai pesci che vivono nel freddo artico. In ogni caso le fragole devono avere un sapore spaventoso. La guardo meglio, la donna ha le labbra macchiate di un rosso così intenso da sembrare l’organo interno di un animale esposto nel banco di una macelleria. Do un’occhiata all’orologio e passo oltre. Venti metri più avanti c’è il banchetto di un venditore ambulante di dolciumi. Tra cartocci di caramelle di liquirizia, confetti gommosi e bastoncini, vedo un cesto di un rosso abbagliante. È pieno di fragole di zucchero. Sembrano piccoli baci, o suggelli di sangue.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Vittorio Arrigoni

    Vittorio Arrigoni

    Solo un pensiero a questo ragazzo, uno come tanti che metteva il cuore al primo posto. La sua morte mi colpisce tante volte, ripetutamente, come un pugnale... Leggere il seguito

    Da  Luz
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Ciao Vittorio.

    Stamattina Seavessi voleva scrivere un post pieno di cuoricini, su come ieri l'Infanta sia andata ai giardinetti con l'asilo e per tutto il tempo si sia tenuta... Leggere il seguito

    Da  Seavessi
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Ucciso Vittorio Arrigoni

    E' stato ucciso Vittorio Arrigoni a Gaza, rapito ieri, è stato ritrovato il corpo stamattina.Per chi non lo conoscesse, questo era il suo... Leggere il seguito

    Da  Yokoso
    SOCIETÀ
  • Gaza : Ucciso Vittorio Arrigoni

    Gaza Ucciso Vittorio Arrigoni

    Purtroppo, Vittorio Arrigoni ,l’attivista pacifista rapito ieri a Gaza City da un comando di estremisti salafiti, è stato assassinato senza aspettare la scadenz... Leggere il seguito

    Da  Crazyideas
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ, SOLIDARIETÀ, VOLONTARIATO
  • Vittorio Arrigoni e' morto

    E poi arrivano notizie come questa, che mi sconvolgono la coscienza.Non voglio aggiungere retorica alla retorica che sicuramente uscira' dalle bocche dei... Leggere il seguito

    Da  Vpostulato
    ATTUALITÀ, POLITICA, SOCIETÀ
  • Addio Vittorio

    Se chiudi gli occhi non è successo. Domani ci sveglieremo, apriremo Guerrilla Radio e leggeremo i resoconti di altre notti e giorni di quotidiano terrore,... Leggere il seguito

    Da  Hyblon
    POLITICA, SOCIETÀ
  • Vittorio Arrigoni

    Vittorio Arrigoni

    Chi resta umano non svanisce. Wikio Hello there! If you are new here, you might want to subscribe to the RSS feed for updates on this topic. Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ