Magazine Cinema

Giovanni Lindo Ferretti – Bologna 30-03-2012

Creato il 31 marzo 2012 da Maxscorda @MaxScorda

31 marzo 2012 Lascia un commento

P1060287 (Medium)
Cercando informazioni sul concerto, orari e quant’altro, m’imbatto in una serie di siti solerti nell’appellare Ferretti come "fondamentalista cristiano" e lo appiccicano li’ come un avvertimento, un marchio stampigliato sulla carne come facevano altri simpaticoni prima di loro, accostamento certo non gradito a nessuno dei due gruppi. Faccio mente locale ricordando se in passato avessi letto dentro a schede informative altri tatuaggi come ebreo, buddista, islamico, ateo ma credo sia questo un privilegio riservato a pochi.
Non m’interessa in cosa crede Ferretti Lindo Giovanni, perche’ la questione e’ in cosa credo io e io credo in lui, ci credo da quando non m’interessava in cosa credesse, da quando cio’ che credeva non era cio’ che credevo io e l’ho seguito in ogni suo viaggio, in qualunque manifestazione della sua musica, in ogni rivolo scavato dal suo pensiero e dalla sua esperienza.
Credere ed e’ sapere che vivo le sue parole da oltre un quarto di secolo e oggi come allora sono idee che si schiudono, risposte che si svelano e brividi di una verita’ che si avvicina.
Questo e’ l’uomo che sono andato ad ascoltare, questi i motivi per i quali non mi vergogno a definirlo Maestro, forse l’unico che abbia mai avuto veramente.
La sala non e’ gremita ma gli under-30 sono  la maggioranza e mi sorprende, cosi’ come sorprende la varieta’ degli astanti, studenti ed ex-studenti in gran parte casual, nostalgici post-qualcosa rigorosamente in nero ma anche ragazze fashion piu’ da happy-hour che da Ferretti e altre pronte per la funzione domenicale.
Alcuni rispolverano magliette di lotta contro qualcosa, altri semplicemente se ne fregano ma il concerto inizia e tutti cantano tutto, s’ondeggia fluidi scivolando sulla voce che ben riconosciamo, modulata su canti di popoli lontani in dialogo con la nostra terra e sono trent’anni di storia ma potrebbero essere trecento non fosse che eravamo li’ e ricordiamo ogni cosa. Trent’anni che solo uno sprovveduto potrebbe pensare ed ascoltare diversi, come se l’anima dei CCCP prima, dei CSI poi e PGR dopo non sia sempre la stessa, come se le diverse formazioni non fossero tappe di un solo viaggio attraversate da un unico viaggiatore, cio’ che Ferretti infatti e’, un viaggiatore partito da casa tanto tempo fa e alla fine dopo infinito peregrinare, dopo infinite anime incontrate, il ritorno con le mani graffiate e gli occhi colmi di sapere e Fede in un unico, grande, imperfetto cosmo in cerca di un evangelista che sappia spezzare i recinti di epica, etica etnica e pathos. Ecco come anime tanto diverse si trovano riunite, lontanissimi ma vicini innanzi la voce e narrazioni come parabole del nuovo millennio.
Per riuscire ad amalgamare suoni che in tanti anni hanno preso strade lontane, Ferretti s’avvale di Ezio Bonicelli e Luca Rossi straordinari musicisti ex Ustmamò, gruppo che non ho mai dimenticato e smesso d’amare a spingere sui ricordi ma ancor meglio capaci di ridefinire sonorita’ molto diverse vestendole con la tradizione del violino e l’elettrico della chitarra. Tra loro Ferretti e’ Verbo, egli colonna portante, Pietra prima di cattedrale e i nuovi paramenti di "Mi ami?", "Annarella, "Tomorrow", "Barbaro" o "Radio Kabul" fluttuano possenti nelle onde sonore, tautologicamente senza eta’, arrangiamenti straordinari che passando dal folk al minimalismo, sorprendono e incantano, suadenti ed ammalianti.
Se in ogni settore della nostra vita non fossimo guidati da ciechi, riconosceremmo nella musica di Ferretti l’ultima Chiesa ed egli profeta e sacerdote di una umanita’ smarrita e forse, dico forse, non perduta.
Un evento dal sapore del mito, dalla mistica del rito, con la gioia della preghiera e nel presente mercato, fatevi sotto bambini e come sempre, occhio agli spacciatori, occhio agli zuccherini.

NoMusic – Tour management
Giovanni Lindo Ferretti – Reduce


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Re Giovanni

    Giovanni

    di William Shakespeare Voto: 8/10 And why rail I on this commodity? But for because he hath not wooed me yet; Not that I have the power to clutch my hand When... Leggere il seguito

    Da  Phoebes
    CULTURA, LIBRI
  • Omaggio a: giovanni frezza

    Omaggio giovanni frezza

    Giovanni Frezza (Potenza, 8 settembre 1972) è un attore italiano, ex enfant prodige che apparve in numerosi film horror nel corso degli anni ottanta. Leggere il seguito

    Da  Close2me
    CINEMA, CULTURA
  • "Bandiera" di Giovanni Giudici

    "Bandiera" Giovanni Giudici

    Adesso è un sogno dentro un sogno Fu nel ‘33 o ‘31 Forse all’infuori di me Non si ricorda più nessuno - Di quella nave mi ha narrato Uno che è morto sotterrato... Leggere il seguito

    Da  Lucabilli
    CULTURA
  • Don Giovanni

    Giovanni

    Nel video, alcuni momenti dell'edizione di Don Giovanni per la regia di Robert Carsen che ha aperto ieri la stagione del Teatro alla Scala di Milano e che... Leggere il seguito

    Da  Rita Charbonnier
    ARTE, CULTURA, MUSICA
  • From Bologna :)

    From Bologna

    Un tardo pomeriggio in biblioteca. A Bologna. All'Urban Center della Sala Borsa: una biblioteca grande, anzi spaziosa, elegante, ben organizzata, piena di... Leggere il seguito

    Da  Tazzina
    DIARIO PERSONALE, LIBRI
  • Astara Giovanni Maria

    Astara Giovanni Maria

    Nato a Benetutti intorno al 1863, pastore. Bandito di grosso calibro, compagno inseparabile di Francesco Campesi, un altro grande fuorilegge di Tula. Leggere il seguito

    Da  Alessioscalas
    CULTURA
  • Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo, una coppia da Oscar

    Gli scenografi Dante Ferretti e Francesca Lo Schiavo hanno conquistato la loro terza statuetta alla 84esima edizione della notte degli Oscar di Hollywood per... Leggere il seguito

    Da  Diarioelettorale
    CINEMA, EVENTI