Magazine Cinema

Green Zone

Creato il 03 maggio 2010 da Sostiene Pereira...
Green ZoneUltimamente, sempre più spesso, mi ritrovo a domandarmi se ciò che vedo al cinema, quello che percepisco come immagini in movimento su uno schermo, corrisponda a quelle che sono le visioni dei critici affermati, che in un certo senso mi stimolano ulteriormente alla visione di film che di suo, vuoi per la trama, vuoi per certi aspetti percettivi o di sensazioni a pelle, mi portano a decidere di fruirlo aspettandomi uno spettacolo soddisfacente e appagante.
Green Zone di suo si presenta come un intrigante punto di vista su una realtà ben nota ormai a tutti, ma inevitabilmente sopita e dimenticata, quella dell'assenza delle fantomatiche armi di distruzione di massa, mescolato al cinema d'azione di cui Greengrass è un rappresentante meno fracassone e si potrebbe dire più intellettuale di altri suoi colleghi, come dimostra la saga dell'agente segreto Bourne, risollevata a partire dal secondo episodio, grazie al suo intervento in cabina di regia.
Il film ha come punto di partenza un libro inchiesta, che nella versione italiana ha ripreso il titolo e l'immagine della locandina per creare una continuità di riconoscimento tra i due medium e in modo da trainare il testo di partenza, che non è un semplice romanzo, ma con la stessa intensità narrativa di un romanzo riesce ad approfondire aspetti, che il film non considera per ovvie esigenze di adattamento e di spunto narrativo.
Per quanto mi riguarda, Greengrass, a parte Bloody Sunday non mi ha mai esaltato con il suo stile frenetico di montaggio, in cui i corpi inseguentisi e in velocità, per quanto futuristi possano sembrare mi restituiscono un'idea di caos e di confusione; e altrettanto volutamente il regista opera questo rimescolio di voci e rumori nella sequenza iniziale del film, che ha un suo realismo, ma che alla lunga disturba e infastidisce.
Forse non sono un fruitore sufficientemente attento e anche un po' passatista nel concepire il montaggio cinematografico, per quanto non disdegni affatto l'azione al cinema, ma lo stile Greengrass non riesce a coinvolgermi come vorrebbe e dovrebbe, tant'è che l'inseguimento finale, che ha una sua frenesia che inevitabilmente mi ha ricordato la sequenza del secondo episodio della saga di Bourne, anche perché regista e attore protagonista sono gli stessi, alla lunga ha un che di beffardo e ridicolo nella sua conclusione, anche se a suo modo serve a suggellare quella che è l'idea di fondo del regista, ovvero la democrazia non la si può imporre ed esportare come se fosse la Coca Cola, ma è una scelta che deve essere lasciata al popolo.
Infatti, il discorso di fondo del film, che preme sull'azione, è quella di uno scontro interno tra rappresentanti stessi della CIA e del Governo degli Stati Uniti, alla ricerca di un generale dell'esercito iraqueno, che per una fazione può essere una utile fonte di informazioni e di aiuto per la rinascita del paese, per l'altra solo una scomoda pedina da eliminare.
Da qui la caccia aperta per il militare interpretato da Matt Damon, che appare più umano del super agente interpretato in precedenza, ma l'iconografia cucitagli addosso rimane e certi aspetti di fondo permangono inevitabilmente, poichè volutamente i produttori hanno pensato di sfruttare questi elementi ricognitivi per rendere più appetibile un film che dispiega verità o meno scomode, seppur celate attraverso un cinema d'azione, che potrà sicuramente soddisfare la critica e i palati in cerca di cinema frenetico, ma che al momento mi ha lasciato abbastanza freddo e snobisticamente distaccato.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Rob Green: The Bunker

    Green: Bunker

    Seconda guerra mondiale: un gruppo di militari nazisti riesce a prendere riparo in un bunker tedesco dopo essere caduto in agguato ad opera di soldati nemici, m... Leggere il seguito

    Da  Scenamadre
    CINEMA, CULTURA
  • Green Snake

    Green Snake

    1993, Tsui Hark.2 demoni serpente si sono addestrati per centinaia d'anni a vivere come umani e piombano in un piccolo villaggio dove domina un monaco buddista... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Adam Green: Frozen

    Adam Green: Frozen

    Adam Green sarà noto ai più per esser il regista dello slasher movie Hatchet, chissenefrega direte voi non avendo tutti i torti, ma almeno così sappiamo o... Leggere il seguito

    Da  Scenamadre
    CINEMA, CULTURA
  • Hatchet - Adam Green (2006)

    sub itaFilm horror, sottogenere splatter, incredibilmente buono e ben fatto.Si parte con una scena ben realizzata e slasher il giusto con Englund. Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA, HORROR
  • Frozen – God save Adam Green!

    Frozen save Adam Green!

    Erano anni che un film non riusciva a farmi girare la testa di lato per un momento, sorpreso dalle immagini crude mostrate. Ci è riuscito alla grande Frozen e... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • Frozen - Adam Green

    Frozen Adam Green

    Adam Green dopo quelle merdate di Hatchet e Spiral ci propone questo Frozen, un filmettino dall'idea minuscola che batte il sentiero di Open Water. Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Green Zone

    Green Zone

    Previsto nelle sale italiane dal 23 aprile, Green Zone è il nuovo film di Paul Greengrass, che ritrova Matt Damon dopo la doppia esperienza in The Bourne... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    AVVENTURA / AZIONE, CINEMA

Magazines