Magazine Cultura

I migliori racconti di gennaio

Da Marcofre

Premessa necessaria: il titolo del post, così come l’argomento che affronto, sono del tutto pretestuosi, e pure presuntuosi.
I migliori racconti di gennaio sono quelli pubblicati da me su questo blog, e il giudizio è il mio. Certo, il peggior consigliere per chi scribacchia è il proprio ego, ma è inutile menare il can per l’aia: anche Garcia Marquez ha i suoi romanzi preferiti, e probabilmente il suo giudizio non collima affatto con quello dei critici.
Lungi da me il desiderio di paragonarmi a un Nobel, ma spero si sia capito cosa intendo.

Ho riletto, di notte o giù di lì, i miei racconti relativi al mese di gennaio. Quando si invecchia, dormire diventa sempre più difficile; e piuttosto che rigirarmi nel letto, resto alzato sino a tardi.
Ho già visto dove intervenire: le scorie, col trascorrere del tempo, si depositano sul fondo e tutto o quasi, appare più limpido.

Credo che “L’intervista“, assieme a “Selezione del personale“, siano i migliori racconti che sono riuscito a produrre. Tutt’altro che perfetti, certo. C’è una presenza dell’autore decisamente seccante, mentre il suo tocco, la sua visione del mondo (se vogliamo usare questa frase), dovrebbe essere più lieve. I fatti devono parlare, così come i personaggi, senza che chi scrive debba sottolineare, indicare o peggio, censurare. Ma forma e narrazione, assieme al tema affrontato, si presentano sufficientemente bene.

Non male “La morta“, forse si avvicina di più al mio ideale di scrittura, anche se ancora un po’ pesante. I fatti, i fatti, i fatti, e basta, a quello solo si deve badare. Ma il racconto è affetto da una debolezza che non riesco a definire; se qualcuno ha individuato il suo male, gliene sarei grato.

Che dire de “Il cappotto“? Mi piace l’incipit, e sino al termine della prima parte (prima della scena dell’obitorio), è interessante. Dopo: “Boh!”. Pecca di frettolosità forse, ma tutti i racconti sono scritti di fretta. Qui risalta di più, però.

E tu, che dici?


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Riscrivendo i racconti

    Lo so: i titoli dei post dovrebbero essere bla bla bla, perché in questo modo i motori di ricerca bla bla bla, e si diventa delle blogstar, per di più letterari... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • Carezzate i divini dettagli

    Leggendo “Scrivere zen” mi sono imbattuto in questa frase di Nabokov. Di lui non ho mai letto nulla, ma mi sono ricordato di un suo saggio dedicato a “Casa... Leggere il seguito

    Da  Marcofre
    CULTURA, TALENTI
  • I ricercatori di Tokyo

    ricercatori Tokyo

    Non oso immaginare i prossimi sviluppi o meglio gli immagino fin troppo bene di questo dispositivo. L'unico inconveniente che i ricercatori tuttavia dovranno... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • I racconti di titina

    La prima volta è stata parecchi anni fa, quando si poteva andare solo con determinati pochi tour operator, e poi lì, come ha detto Nash, ti facevano salire su d... Leggere il seguito

    Da  Astonvilla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Capitolo i

    I. PrologoEra da poco l'alba e come al solito mi trovavo sulla spiaggia, sopra un letto fatto di foglie di palma. Ne avevo creato uno per rilassarmi la mattina... Leggere il seguito

    Da  Arkavarez
    TALENTI
  • I draghi di romagna

    draghi romagna

    La Romagna ha visto fiorire racconti sulla figura del drago. Le leggende sono diverse, c' è chi vuole ricondurle al ricordo di animali reali che un tempo erano... Leggere il seguito

    Da  Teoderica
    TALENTI
  • “I desideri sciocchi”

    desideri sciocchi”

    di Tiziana Mignosa I desideri sciocchi sono quelli sorpassati quelli che negli altri vedi ma che in te sono già andati. Quelli che in precedenti vite t’hanno... Leggere il seguito

    Da  Danidom57
    POESIE, TALENTI