Magazine Cinema

I nostri ragazzi, la recensione del nuovo film di Ivano De Matteo

Creato il 06 settembre 2014 da Oggialcinemanet @oggialcinema

Il giudizio di Federica De Masi

Summary:

A due anni di distanza il regista de Gli equilibristi, torna al Festival di Venezia all’interno dei Venice Days – Le giornate degli autori con un I nostri ragazzi

Due fratelli, Alessandro Gassman e Luigi Lo Cascio, opposti nel carattere come nelle scelte di vita, uno avvocato di grido uno, l’altro pediatra impegnato e le loro rispettive mogli (Barbara Bobulova e Giovanna Mezzogiorno) perennemente ostili l’una all’altra s’incontrano da anni, una volta al mese in un  ristorante chic. Parlano di nulla: cibo di classe, film d’essai, l’aroma fruttato di un vino bianco, il politico corrotto di turno. Fino a quando una sera delle videocamere di sicurezza riprendono una bravata dei rispettivi figli e l’equilibrio delle due famiglie va in frantumi.

I nostri ragazzi è liberamente ispirato al romanzo di Herma Koch La cena e si addentra nella borghesia romana per raccontare quanto sia cambiata la generazione di adolescenti di oggi. Sempre assenti, poveri a sensibilità, scostanti, sprezzanti, presi dalle chat sul cellulare, dai video di youtube che parlano di niente, il gruppo di Jackass che tortura il corpo per divertimento, perché i nuovi ragazzi non hanno paura di nulla. Se ne sentono tante al telegiornale e la violenza che si vede sullo schermo potrebbe tranquillamente passare durante il tg delle 20:00.

I nostri ragazzi - Alessandro Gassman

Dopo Il capitale umano l’asse si sposta. Dalla Brianza atterriamo a Roma, per un dramma psicologico fondato sul dubbio: qual è la cosa giusta da fare? Confessare l’errore o nasconderlo per evitare di distruggere tutto? E’ possibile che i genitori non conoscano più i propri figli? Che scioccati dai loro atteggiamenti non riescano a non giustificarli per mascherare gli errori che i genitori stessi hanno commesso? Ma perché i ragazzi di oggi, ovattati e coccolati, hanno bisogno di infrangere qualsiasi regola morale per riuscire ad affermare se stessi?

Fra etica morale e una leggera nota di tensione sullo sfondo, I nostri ragazzi è un film che si pone molte domande e si segue fino in fondo grazie ad una buona prova degli interpreti (Gassman e Lo Cascio come sempre convincenti) e una narrazione ben costruita che accompagna lo spettatore per mano lungo un percorso sotto certi aspetti agghiacciante. Sarebbe stato bello rendere maggiormente quel menefreghismo dei due adolescenti pariolini, che hanno le facce di due nuovi talenti Rosabell Laurenti Sellers (che vedremo anche nella prossima stagione di The game of thrones) e Jacopo Olmi Antinori (già visto in Io e te di Bernardo Bertolucci).

I nostri ragazzi è al cinema dal 5 settembre distribuito dalla 01 Distribution.

Federica De Masi per Oggialcinema.net


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog