Magazine Poesie

I Trasumani (eutanasia estatica)

Da Cinabro

I Trasumani (eutanasia estatica)

Eutanasia estatica

Si premono le tempie attorno ai pensieri e più questi diventano saturi di risposte, più non soddisfano gli insulti che ci concediamo per placare la coscienza.
Il suicida sfugge dal suo dolore ricercando la morte, ma è un salto nel vuoto, non sapendo cosa vi sia, sperando vi sia una soluzione all'insormontabile dolore attuale. Sadico l'intento di ritrovare tutto il peso degli errori anche dopo l'estremo atto? Niente di più facile, l'essere umano è abitudine e respiro della sua malevolenza. Il suicida non è un codardo è qualcuno che trascende la sua stessa disperazione, rivolta il suo annichilire i giorni e tutti i futuri possibili, il suicida è presuntuoso, pensando di aver provato e aver vissuto ogni cosa, senza possibilità vi sia qualcosa di meglio della sua disperazione.
Ed era questo che stava succedendo ai suoi figli, suicidi senza voler morire, ma fermamente convinti a non voler vivere.
Era un dilemma imbalsamato, degno di esser sepolto in millenarie tombe, per poi farlo ritrovare da archeologi concettuali in un lontano e impervio futuro.
< Ti sembra giusto crescere e limitare i nostri slanci? Poter limitare l'aria e nasconderci al blu del cielo dentro quattro mura? No padre, noi scegliamo l'eutanasia, il morire secondo i canoni imposti dalle "regole comuni", l'eutanasia estatica per non esser colpevoli verso i nostri poteri, le qualità, i nostri sogni. Quale futuro può avere una genere umano che castra la sua potenzialità? No padre, noi da oggi non esistiamo più. Siamo morti per tutto il genere umano costituito, un genere che non ha più il diritto di farsi chiamare umano, poichè la compassione verso il prossimo è sprecata, poichè dovrebbero risolverla verso di loro. Da oggi noi siamo i trasumani.>
Il padre si accorse solo in quel momento del suo errore, non aver generato figli, ma cavie di se stesse. Cavie protese verso l'assoluto di se stessi, no ndisse nulla e se ne andò a cercare di capire il suo dolore.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Credere negli altri, credere in se stessi

    Credere negli altri, credere stessi

    Da sempre la nostra società ha una connotazione razziale. Quante volte abbiamo assistito a gesti offensivi, oppure siamo stati testimoni di parole dure e... Leggere il seguito

    Da  Marta Saponaro
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Eutanasia

    Eutanasia

    Buon giorno oggi vorrei parlare di Eutanasia, un argomento che ha suscitato grandi dibattiti. Non voglio però parlare se sia giusto o no decidere di terminare i... Leggere il seguito

    Da  Marta Saponaro
    CULTURA, DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • “Ora o mai più, storie dalla A alla Z” di Alessia Rocco

    “Ora più, storie dalla alla Alessia Rocco

    “Ora o mai più storie dalla A alla Z” è una raccolta di ventuno racconti brevi, nella quale un groviglio di speranze, dolori, un vortice di luci ed ombre che no... Leggere il seguito

    Da  Vivianap
    CULTURA, LIBRI, RACCONTI, TALENTI
  • La rapina.

    rapina.

    E glielo dissi a Giuseppe. Glielo dicemmo tutti che doveva essere più accorto. Che vada a farsi fottere quel testone di un pugliese. Leggere il seguito

    Da  Astronautaperduto
    TALENTI
  • Mitografie

    Mitografie

    Giuseppe Vetromile, Aldo Ferraris, Vincenzo Di Maro, Paola Casulli, Mitografie, Kairos 2012Quattro poeti si confrontano, per progetto, con un mito:... Leggere il seguito

    Da  Narcyso
    POESIE, TALENTI
  • Eutanasia, una scelta difficile ma di civiltà

    Eutanasia, scelta difficile civiltà

    “Ho rischiato girando un film non provocatorio. Il mio film non è contro la politica o contro le leggi: ma penso che sia giusto gestire il proprio corpo e la... Leggere il seguito

    Da  Perla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Dossier Paperblog

Magazines