Magazine Carriere

Il caso ilva di taranto

Creato il 03 settembre 2012 da Pps @ppsposato
Il caso Ilva di Taranto riporta, in modo amplificato, il discorso sulla responsabilità sociale d'impresa; leggendo una delle biografie non autorizzate di Emilio Riva, alla guida del gruppo siderurgico al quale appartiene l'Ilva di Taranto,si può concludere che è stato un imprenditore molto oculato finanziariamente, abile opportunista, riservato e grande lavoratore, ma con un discutibile approccio alla responsabilità sociale d'impresa. Emilio Riva è conosciuto per la gestione efficiente delle aziende, affidate ai figli e a tecnici di fiducia, ma non a manager esterni, malgrado le dimensioni e le caratteristiche degli impianti; un'estrema attenzione ai costi che gli ha permesso, da una parte, di far fronte a momenti anche molto difficili ma, dall'altra, forse di non investire abbastanza per la modernizzazione degli impianti, sia dal punto di vista produttivo che da quello della sicurezza.
Quello che però sconcerta il grande pubblico è come il caso Ilva di Taranto sia scoppiato dopo anni che i problemi dell'acciaieria erano ben noti e sia arrivato a contrapporre il sacrosanto diritto alla salute della popolazione con l'altrettanto sacrosanto desiderio dei dipendenti di conservare il loro posto di lavoro. Sono le istituzioni pubbliche che devono intervenire, quando un'azienda di quelle dimensioni, che da lavoro a migliaia di dipendenti, dimostra di non avere una sufficiente responsabilità sociale, mettendo a rischio la salute di dipendenti e della popolazione circostante. Dove sono stati sino ad ieri gli assessorati alla sanità della provincia, della regione, gli organismi di controllo del Ministero della Sanità ed i sindacati? C'è voluto un provvedimento di sequestro dell'impianto, firmato dal gip Patrizia Todisco, per far esplodere il caso dell'Ilva di Taranto; quello che inoltre pochi sanno è che l'eventuale chiusura definitiva degli impianti, oltre a provocare la perdita di migliaia posti di lavoro, richiederebbe una spesa forse di 200 milioni di euro e potrebbe provocare l'esplosione degli altiforni con danni alla salute maggiori di quelli odierni.

Autore : Pier Paolo Sposato

Consulente Risorse Umane Via F.lli Cervi, 6 Segrate, MI 20090 Italia Phone: +39-347-3841457 Email: [email protected]   Google

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog

Magazines