Magazine Cultura

Il castello sulla roccia

Creato il 15 gennaio 2011 da Auroradomeniconi

Appassionati e appassionandi della Scozia, buonasera!

Come vi avevo anticipato, sono pronta a darvi qualche elemento visivo in più su quello che considero un elemento imprescindibile per una vostra eventuale futura visita in Scozia. Qualsiasi sia il vostro itinerario, qualunque cosa decidiate di vedere, qualunque siano le vostre preferenze, questo posto non potete proprio farvelo mancare; lo consiglio vivamente come conditio sine qua non di un Tour della Scozia degno di questo nome. Come recita il depliant, “in una posizione spettacolare sulla costa, visita uno dei castelli in rovina più impressionanti di Scozia”. Signori e signore, parlo del Castello di Dunottar, altrimenti detto Dunnottar Castle.

Si dice che già dal V secolo esistesse in questo luogo una comunità paleocristiana, in ricordo della quale nel 1276 venne costruita una chiesa andata però distrutta una ventina d’anni dopo. La fortezza i cui resti sono visitabili oggi risale alla fine del 1300, una fortezza che la posizione rendeva inespugnabile. Pensate che ai tempi di Oliver Cromwell una piccola guarnigione riuscì a resistere ad un’assedio di otto mesi per proteggere le insegne regali scozzesi ivi custodite (corona, scettro e spada furono trafugati prima della resa degli assediati e sono oggi conservati al Castello di Edimburgo). Sempre in questo luogo, nella sua lotta per l’indipendenza della Scozia dal giogo inglese William Wallace diede fuoco a una cappella gremita di soldati inglesi.

Quindi oltre che essere una località fantastica, dove ci si ritrova veramente a contatto con la natura in una delle sue espressioni più indomite, Dunnottar Castle è anche un luogo profondamente intriso di lasciti storici. Ci si arriva tranquillamente in macchina e vi si accede con una breve passeggiata dal parcheggio; oppure, se siete fortunati e trovate condizioni atmosferiche favorevoli, potete partire a piedi da Stonehaven e godervi una splendida passeggiata panoramica di 45 minuti. Il biglietto di ingresso è davvero un affare perchè costa solo 5 £. E’ vero che sono rimaste solo le rovine da visitare, ma l’emozione che sa dare un paesaggio come questo non ha prezzo. Volete un esempio? Come promesso, eccovi una carrellata di foto scattate  a Dunnottar da me e mia cugina.

Click to view slideshow.

And do not forget to make a stop at Dunnottar!
See you guys!

Aury 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “Il Messaggio”

    Messaggio”

    1976: The Message (Al Rasala) di Moustafa Akkad Sicuramente il più grande kolossal libico di tutti i tempi: l’ambizione è di raccontare la storia della religion... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • Il bidone

    bidone

    Agosto è un mese meraviglioso per il cinema in tv. Ti può capitare di svegliarti, fare colazione vedendo un film dimenticato. Il regalo stamane me lo ha fatto... Leggere il seguito

    Da  Filmdifio
    CINEMA, CULTURA
  • Il pozzo

    pozzo

    A volte ti sprofondi, cadi nel tuo buco di silenzio,nel tuo abisso di collera orgogliosa,e puoi appena tornare, ancora con segnidi ciò che trovasti... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Il veleno

    veleno

    Il vino sa rivestire il più sordido tuguriod'un lusso miracolosoe portici favolosi fa sorgere nell'orodel suo vapore rossocome il tramonto in un cielo nuvoloso. Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • Il rifugio

    rifugio

    Anche Il rifugio conferma, nel bene e nel male, la cifra cinematografica degli ultimi film di Ozon, soprattutto se si pensa a Ricky (2009) e 8 donne e un mister... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA
  • Il rock

    Cos'è il rock? Questo:In parole? Emozioni, gioia, grida, salti, amore, fratellanza, coinvolgimento, passione, commozione, dono e tante altre cose... ovvero, la... Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, MUSICA
  • Il lercio

    lercio

    La cupidigia è un fattore ereditario. Roberto Rossi, nato in una famiglia di avari senza cuore, vive fin da piccolo la sua esistenza con l’unico interesse di... Leggere il seguito

    Da  Taxi Drivers
    CINEMA, CULTURA