Magazine Consigli Utili

Il congelatore: la scatola del gelo

Da Riparotto @riparotto
Il congelatore: la scatola del geloOrmai i  sistemi di refrigerazione hanno cambiato il nostro modo di vivere e le nostre abitudini alimentari: cibi e bevande possono essere conservate per molto più tempo e, soprattutto d’estate, frigorifero e congelatore diventano preziosi alleati in casa.
Il congelatore permette di conservare i cibi per settimane o addirittura mesi. In estate è un’opportunità straordinaria per diverse categorie di persone: pensiamo ai padri di famiglia che lavorano mentre moglie e figli sono in vacanza o a chi non ha la possibilità di fare la spesa tutti i giorni.
Il congelatore consente un’operazione molto utile: conserva i cibi già preparati e cotti potendoli così tirar fuori e poterli servire in tavola in pochi minuti.
Il congelatore: la scatola del gelo
I congelatori indipendenti sono essenzialmente di due tipi: orizzontale e verticale.
Il congelatore orizzontale, detto anche a pozzetto, è dotato di coperchio superiore e gli alimenti si depositano l’uno sull’altro a partire dal fondo e, a volte, sono dotati di cestelli mobili per stivare le provviste che devono essere reperite più facilmente.
Questo tipo di congelatore mantiene la temperatura in modo più efficace e con minori dispersione del freddo.
Il congelatore che si sviluppa in verticale adotta invece una struttura a cassetti; in questo caso ogni volta che si apre la porta anteriore la dispersione del freddo è superiore.
Il congelatore: la scatola del geloIl corretto funzionamento del congelatore ha una grande importanza nella gestione della casa; l’arresto del congelatore può portare perdita di cibo, tempo e denaro.
Il modo migliore per evitare la formazione di cattivi odori e per assicurare una buona conservazione degli alimenti è di affidarsi, in maniera preventiva, ad un centro assistenza specializzato che potrà riparare nel minor tempo possibile il congelatore, salvando, così, la maggior parte di cibo al suo interno.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :