Magazine Internet

Il contenuto? Non è un accessorio.

Da Robven

Il contenuto? Non è un accessorio.
Riprendo, attualizzandolo, un mio articolo di un po' di tempo fa, ripubblicandolo sul blog per arrivare a più vaste masse di lettori. Anche perché mi sembra ancora maledettamente di attualità, viste le cose che mi è toccato vedere ultimamente in Rete...
Un paio di considerazioni derivanti dalla mia esperienza quotidiana di consulente, di Digital Planner. Di persona che per mestiere si trova a mettere le mani su come devono essere pensati e organizzati i siti e le altre attività di comunicazione digitali. Anzi, sostanzialmente una, considerazione: non sottovalutiamo l’importanza del contenuto. E i casini che il contenuto può crearci, aziendalmente.
Tre cose che possiamo dare - e il contenuto è alla base
Online (semplificando un po' le cose) possiamo dare ai nostri visitatori - in cambio della loro attenzione - tre cose: emozioni, servizio, e contenuti. 
E spesso sono proprio i contenuti lo strumento che da' servizio e - anche attraverso lo storytelling - emozioni. Molti siti sono un mix di queste tre cose, in misura diversa lo possono essere anche altri strumenti di comunicazione Internet - come i Social Media.
E i contenuti chi li scrive?
Restringendo il discorso ai siti, molto spesso quello che ho visto fare è stato concentrarsi sulla strategia (correttissimo - anche perché è il mio mestiere), poi sviluppare l'idea del sito (corretto), la sua mappa (inevitabile) e poi iniziare a realizzarlo graficamente. E cosa ci va dentro il sito, dentro la pagina Facebook?  Beh, solo una volta pronto e approvato il progetto, qualcuno si è posto il problema dei contenuti. E lì sono saltati fuori i pasticci :-(
A volte invece si parte dal definire quali dovrebbero essere i contenuti del sito, costruire la mappa, pensare il sito attorno a questi contenuti, disegnare le pagine… e poi scoprire che nessuno ha idea di come e a chi far fare questi contenuti.
Quindi fermi tutti, trova la persona o l'agenzia, scopri quanto costa, controlla se ci sta nel budget... massimizzazione del casino. Anche perché un buon contenuto non te lo fa mica il primo che passa per strada. O quello che ha due giorni di esperienza compreso domani e dopodomani. 
Il trappolone dell'archivio
Ho visto aziende decidere di fare siti basati sulla loro eredità storica, sul loro passato. Solo per scoprire quando era troppo tardi che nessuno sapeva dove fosse finito l'archivio, o scoprire che per estrarre cose interessanti dall'archivio storico e tradurle in immagini scansionate e testi sintetizzati ci sarebbero volute parecchie settimane di lavoro e di conseguenza costi per la ricerca e riscrittura - cosa che era stata data per scontata (e costi non budgettati).
Faccio io, tanto che ci vuole?
OK, non ci stiamo nel budget, allora ci facciamo le cose in casa.  Quindi decidere di farsi il sito (o il Social) in casa, senza usare consulenti, agenzie e copywriter (o autori) esterni. Tanto che ci vuole? Wordpress è semplice, con un minimo di smanettamento i siti li fa chiunque.  
Così come, con un paio di libri di cucina uno è in grado di cucinare. Ma non in un ristorante.
La tentazione è forte specialmente quando il sito deve basarsi su una serie di contenuti di alto livello per un pubblico specialistico.
Ancora più subdolo il caso analogo in cui invece c'è qualcuno in azienda in grado di occuparsi di questi testi, quindi si parte tranquilli. Salvo poi rendersi conto che, per lanciare il nuovo sito, la persona in questione deve scrivere parecchie decine di pagine (magari equivalenti a  due o tre settimane di lavoro full time sul progetto) e che ne dovrà poi scrivere tre o quattro alla settimana per il resto della sua vita.
Peccato che, spesso, questa persona magari è il responsabile del prodotto o un commerciale bravo, quello che più di ogni altro conosce il prodotto e quindi è sempre in prima linea per vedere, risolvere problemi...  
E proprio per questo una persona che ha pochissimo tempo a disposizione, che già farebbe fatica a darci mezz'ora la settimana, figuriamoci smettere di fare il suo lavoro commerciale o tecnico per parecchie settimane per permetterci di lanciare il sito.
Fondamentale organizzarsi Forse è proprio in quest'area che ci sono i problemi maggiori: rendersi conto che per fare un sito (o un'attività sui Social o un blog... questi sono ancora peggio) bisogna ragionare in termini di una redazione, magari anche part time, ma che abbia un piano editoriale (definire, l'abbiamo già detto, ogni giorno/settimana o mese cosa pubblicare, per potersi organizzare per farlo) e abbia un'allocazione di tempo e risorse, in modo da poter sposare il loro lavoro primario con quello di occuparsi anche dei contenuti aziendali.
Meglio niente, che male Naturalmente, forse non sarebbe nemmeno il caso di citarlo, il caso peggiore di tutti e quando ci mettiamo in Rete senza contenuti.
Non sappiamo cosa dire, ma facciamo un sito per dirlo lo stesso. Allora, piuttosto che far tanto e male, conviene limitarsi all'essenziale.
Meglio così riempire il vuoto con notizie inutili, dati vecchi, presentazioni poco coerenti.
[Branding & Marketing Blog / Venturini]

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il concorso esterno non esiste

    Il senatore Dell'Utri tornerà in appello, ha sentenziato la Cassazione:Il procuratore generale Iacoviello nella sua requisitoria ha sottolineano come il concors... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il regalo (non) sono io

    regalo (non) sono

    Foto scippata a Claire Medlars di cui ignoro la provenienza Buona sera a tutti, sebbene questo mio interessantissimo articolo possa sembrare un attacco... Leggere il seguito

    Da  Vomitoergorum
    DA CLASSIFICARE
  • Il senso che non c’è!

    Perplessa. Sull’attuale intervento alla Porta Pretoria sono e rimango perplessa. L’obiettivo è quello di riportare il monumento al livello della strada romana,... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Non solo il lavoro...

    solo lavoro...

    Anche se in questo periodo il lavoro è tanto, non è solo quello che ci tiene impegnati. Le nostre giornate sono piene. Ci sono i spettacoli teatrali da vedere... Leggere il seguito

    Da  Jolesulprato
    HOBBY, MATERNITÀ, PER LEI
  • Il paese non è pronto

    "Se il Paese non si sente pronto per un buon lavoro, non chiederò certo di continuare. "Ecco, se c'è una cosa cui il paese non è pronto, e sottostare altri out... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Monti: il “montismo” non esiste

    MILANO - Il "montismo" "non esiste", e dopo il voto tornerà a governare un governo politico. Lo garantisce, in una lettera al Corriere della Sera, il... Leggere il seguito

    Da  Samalos
    ATTUALITÀ
  • Il non-tempo e l'adesso

    non-tempo l'adesso

    "La lettura potrebbe essere l'ultimo comportamento privato che non sia patologico né perseguibile. È di certo l'ultimo rifugio dall'epidemia del tempo reale.... Leggere il seguito

    Da  Lara
    LIBRI