Magazine Cinema

Il denaro (L’argent) – Marcel L’Herbier (1928)

Creato il 25 ottobre 2011 da Mutosorriso @emutofu

Il denaro (L’argent) – Marcel L’Herbier (1928)Le opere adattate sono solamente un materiale da cui trarre quello che si vuole“, così aveva detto una volta Marcel l’Herbier, e la cosa traspare ne “L’argent”, omonimo adattamento del romanzo di Zola. Il regista plasma la vicenda originale e la trasporta ai suoi giorni, modernizzandola e plasmandola per i suoi scopi. Il risultato fu ovviamente molto discusso tanto che Antoine arrivò a definire il film “una manipolazione del testo, un sacrilegio commesso da un arrivista ambizioso e incoscente”. Parole forti, che non tengono sicuramente conto del grande valore di L’Herbier e del contributo che aveva dato al cinema francese ed internazionale. Purtroppo la pellicola non ebbe il giusto riconoscimento dal pubblico, sia per la durata, quasi tre ore nonostante la lunghezza della pellicola fosse stata di gran lunga ridotta, sia per l’argomento, un intrigo finanziario, sebbene infarcito di violenze ed amori proibiti, che mal venivano digerito dalla popolazione. A partire dagli anni ’60 il film è stato giustamente riscoperto ed apprezzato, tanto da essere considerato “un faro della modernità“. L’affermazione è certamente esagerata ma fa capire il grande valore che ebbe questo film grazie ai suoi espendienti tecnici, le sue splendide immagini, e le innovazioni nelle inquadrature. Alle soglie del 1930, a questo film sembra mancare solo il suono, ma la sua assenza viene sopperita da uno splendido gioco con le didascalie, ottime inquadrature e scene ben congeniate.

Il denaro (L’argent) – Marcel L’Herbier (1928)
Il Banchiere Saccard (Pierre Alcover) tenta di speculare sulle imprese dell’aviatore Jacques Hamelin (Henry Victor) intenzionato a compiere un proibitivo volo fino in Guyana, ricca di petrolio da sfruttare. Mentre il ragazzo compie la sua missione, il perfido banchiere cerca di sedurne la moglie Line (Mary Glory) con mezzi più o meno leciti. Ma le malefatte vengono sempre pagate: Saccard finisce in prigione dopo che il suo rivale in affari Gunderman (Alfred Abel) con l’aiuto della Baronessa Sandorf (la Brigitte Helm di Metropolis e Atlantide) riesce a convincere Line a sporgere denuncia contro di lui. Il finale lascia intendere che al banchiere non è bastata la lezione appena subita.

Il denaro (L’argent) – Marcel L’Herbier (1928)
Prima della crisi degli anni ’30 e dopo la grande depressione di fine Ottocento, l’Herbier dipinge un ritratto del mondo finanziario dell’epoca, mettendo a nudo la brama di denaro degli speculatori. La morale sembra suggerire che il denaro non permette tutto, anche se nel finale sembra serpeggiare quasi il messaggio contrario. Il denaro è il vero protagonista della vicenda, e porta avanti la narrazione con autorità. Bisogna però puntualizzare che il regista non voleva attaccare il mondo della finanza in generale, ma descriverne la sua degenerazione, raccontando la storia di un uomo divorato dalla brama di ricchezze. L’Herbier ci regala delle inquadrature stupende, ben 1952, per un totale di sette secondi per inquadratura circa, una cifra davvero elevata per l’epoca. La scena più nota del film, quella in cui i finanzieri si affollano nella borsa, consta quasi duemila comparse e venne ripresa da ben quindici fotocamere, di cui una che calava da diversi metri di altezza. Al gran numero di inquadrature si contrappone una recitazione molto semplice, data dalle splendide interpretazioni degli attori, tra cui spicca il massiccio Alcover, che viene valorizzato maggiormente grazie all’espediente della ripresa contre-plongée, che rafforza ulteriormente la sua mole. Al suo fianco figurano attori che non hanno certo bisogno di presentazioni, essendo conosciuti al grande pubblico per aver preso parte a pellicole di grande spessore. Nel complesso, “il denaro” risulta un’opera molto interessante penalizzata della lunga durata. Nonostante questo l’Herbier riesce comunque a catturare l’attenzione dello spettatore con numerosi espendienti. Il film, restaurato nel 1975, non è edito in Italia ma è facilmente reperibile nella sua edizione francese o anglosassone.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il buono il matto il cattivo

    Kim Jee-woonSe qualcuno ancora non credesse che il cinema d'azione del Far East non ha proprio niente da invidiare a Hollywood, anzi semmai è il contrario, gli... Leggere il seguito

    Da  Giorgioplacereani
    CINEMA, CULTURA
  • Il buono il matto il cattivo

    buono matto cattivo

    Regia: Jee Woon KimOrigine: Corea del SudAnno: 2008Durata: 139' La trama (con parole mie): dietro l'assalto ad un treno che pare proprio una comune rapina si... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Il cappotto

    cappotto

    1952, Alberto Lattuada.Secondo molti è il capolavoro di Alberto Lattuada, secondo me sicuramente è un capolavoro di Renato Rascel, che 7 anni prima di... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • Futurismo (L’Inhumaine) – Marcel l’Herbier (1924)

    Futurismo (L’Inhumaine) Marcel l’Herbier (1924)

    Circolato in Italia con il nome di “Futurismo”, l’inhumaine è sicuramente un film dalla forte componente astratta, particolarità che traspare dalle riprese e... Leggere il seguito

    Da  Mutosorriso
    CINEMA, CULTURA
  • Il Padrino

    Padrino

    Leggere il seguito

    Da  Paultemplar
    CINEMA, CULTURA
  • Orfeo negro - Marcel Camus (1959)

    Orfeo negro Marcel Camus (1959)

    (Orfeu negro)Visto in DVD. Quella di Orfeo è forse la storia classica più declinata nel cinema. Anche in questo caso non ci sono delle gran differenze; la... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • Il Doppio

    Doppio

    Il tema, affascinante, è spuntato in una discussione di qualche giorno fa sulla Zona Perturbante. Il doppio, o doppelgänger, pare essere la quintessenza di... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA

Magazines