Magazine Opinioni

Il film per capodanno

Da Loredana V. @lorysmart

Alla ricorrenza del Natale sono stati dedicate varie pellicole, tra le quali le migliori sono “La vita è meravigliosa” e “Miracolo sulla 34° strada”.

Per quanto concerne il capodanno, secondo il mio giudizio, il più bello in assoluto è senza dubbio “L’appartamento”.

Ho una vera passione per Billy Wilder e Jack Lemmon, affiancato qui da Shirley MacLaine e Fred Mac Murray

La storia è breve.

C.C.Baxter, detto anche Cicci Bello, un piccolo contabile di una grande agenzia di assicurazione, fa carriera grazie alla sua disponibilità a concedere il proprio appartamentino ai superiori per degli incontri extraconiugali. Tutto fila liscio, ma ottenuta la promozione al primo livello dirigenziale, è costretto a trascurare i dirigenti per dare l’esclusiva dell’appartamento a Jeff Sheldrake, capo del personale, e grazie a questa concessione sale ancora di grado diventando il suo assistente personale ed ottenendo un ufficio ancora più prestigioso con l’uso della toilette riservata ai dirigenti. Nel frattempo corteggia timidamente la ragazza dell’ascensore, Fran Kubelik, ignaro del fatto che lei intrattenga una relazione con Sheldrake. La situazione precipita alla vigilia di Natale. Recatasi nell’appartamento di C.C., Fran capisce che Jeff non intende divorziare dalla moglie e rimasta sola in casa tenta il suicidio ingerendo dei sonniferi.

C.C. rientrato dal bar, dove si era recato per lasciare campo libero a Jeff per i suoi maneggi, la trova senza conoscenza nel suo letto e la rianima con l’ aiuto del medico suo vicino di casa, però capisce con disappunto che la ragazza della quale era invaghito era l’amichetta del superiore.

C.C. si sente in dovere di avvisare Jeff dell’accaduto, ma la telefonata viene intercettata dalla segretaria di questi che, gelosa, avvisa la moglie delle scappatelle del marito. Jeff allora, allontanato da casa dalla moglie, decide di riprendere la relazione con Fran e le chiede un incontro per passare con lei l’ultimo dell’anno. Domanda quindi a C.C. le chiavi dell’appartamento, ma questi gli riconsegna invece le chiavi della toilette dirigenziale e si licenzia dall’impiego. Durante il cenone, Jeff si lamenta con Fran di non poterla ospitare nell’appartamento per l’ostinasione dell’ex sottoposto. Lei allora capisce il sentimento che la lega all’uomo e piantato Jeff da solo al ristorante corre a casa di C.C. dove trascorreranno la serata di Capodanno giocando a ramino…

Il film per capodanno



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Declino dell’Horror?

    Si parlava giorni fa con un’amica – che sta tra l’altro curando una rubrica a tema sul suo blog e che vi consiglio di seguire QUI – degli horror di quando... Leggere il seguito

    Da  Bangorn
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, RACCONTI, TALENTI
  • Il genio….

    genio….

    Mi sento un genio… So che i trulli si trovano in Puglia e non in Sardegna; che le lacrime sono salate e non dolci; che l’anguria contiene più acqua della... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Il gesto del rock

    gesto rock

    Nelle drammatiche immagini che seguono il Rock cerca di privarsi dei propri mezzi di sostentamento, con un gesto plateale a metà strada tra la spacconeria e il... Leggere il seguito

    Da  Robyp
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI
  • Il pollaio

    pollaio

    Sono stanca. Vedere che nessuno si interessa dell’Italia, che ciascuno briga solo per i propri affari privati, che tutti, invece di unirsi per il bene comune, s... Leggere il seguito

    Da  Loredana V.
    OPINIONI, TALENTI
  • Il Capitale Umano (recensione)

    Capitale Umano (recensione)

    Il cinema italiano arranca. Il cinema italiano è morto. Il cinema italiano non vale nulla. Queste sono considerazioni che valgono per il 90% della nostra... Leggere il seguito

    Da  Bangorn
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, RACCONTI, TALENTI
  • Il divanismo

    divanismo

    “Bella fregatura, ho sposato uno sgabello e mi ritrovo un divano”. Questo dice mia madre quando guarda le foto di mio padre 30 anni e 30 kg fa, magro e biondo... Leggere il seguito

    Da  Gynepraio
    OPINIONI, TALENTI
  • Il Destino

    Le vie del destino sono davvero difficili a comprendersi. Se non ci fosse una qualche compensazione nell'aldilà, allora questo mondo sarebbe davvero una beffa... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    DIARIO PERSONALE, OPINIONI, TALENTI

Magazines