Magazine Media e Comunicazione

Il mio lavoro mi fa schifo

Creato il 01 marzo 2012 da Piero Iacono
Non so se avete un amico che parlandovi del suo lavoro vi abbia mai detto una cosa del genere: "Ho orari impossibili."
"Mi pagano poco alla fine del mese."
"Faccio tanti straordinari e non mi fermo neanche a pranzo."
"Eseguo gli ordini del capo anche se non li condivido."
"I clienti sono deficienti."
"Sono talmente stanco e stressato che ho deciso di lavorare qui ancora un anno e poi di andarmene da questo inferno"
Io ho più di un amico in questa situazione.
Questi ragazzi stanno buttando via il loro talento per eseguire gli ordini di persone mediocri, che organizzano il loro lavoro senza valorizzarli.
Tuttavia, nonostante l'insoddisfazione, non scelgono di ascoltare se stessi e mettersi in proprio. Hanno paura. Temono che il lavoro che fanno sia davvero uno schifo ma sia anche meno rischioso.
Se anche voi conoscete persone che vivono questa situazione fategli questa domanda: "E' più rischioso fallire per colpa tua o essere licenziato per colpa di un padrone che non da importanza al tuo impegno ?"

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Oltre il limite.

    Oltre limite.

    Le pubblicità servono per creare in noi spettatori un senso di bisogno che ci spinge a comprare quel particolare bene, per questo sono necessarie tecniche di... Leggere il seguito

    Da  Iaota
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, PER LEI, TECNOLOGIA
  • Ecco il nuovo Skype!

    Ecco nuovo Skype!

    Skype si aggiorna nuovamente e corregge i numerosi bug della versione precedente, rilasciata proprio qualche giorno fa. Dopo l'ultimo aggiornamento si... Leggere il seguito

    Da  Alex
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Il tempo di riflettere

    tempo riflettere

    Mentre Nonciclopedia riapre i battenti dopo essersi riappacificata con Vasco Rossi, l’edizione italiana di Wikipedia si autosospende in segno di protesta... Leggere il seguito

    Da  Db
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TECNOLOGIA
  • Buttate il mouse

    Se avessi parlato di TV avrei detto “Buttate il telecomando”, frase usata da Gerry Scotti per invitare i telespettatori a non cambiare canale durante le pause... Leggere il seguito

    Da  Db
    MEDIA E COMUNICAZIONE, TECNOLOGIA
  • Il deprimente panorama pubblicitario

    deprimente panorama pubblicitario

    Ci sono due modi di rappresentare le donne nella pubblicità italiana: la donna-oggetto e la donna di casa, da cui è difficile sfuggire. Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Il mio prodotto migliore

    Una persona può aver bisogno di ciò che vendiamo e, nonostante questo, acquistarlo da un altro venditore.Compriamo i tablet, ma non tutti acquistiamo quelli... Leggere il seguito

    Da  Piero Iacono
    MEDIA E COMUNICAZIONE
  • dopo il touchscreen arriva il torcischermo

    dopo touchscreen arriva torcischermo

    Cosa puoi fare con un touchscreen? zommare con due dita, fare un "tap", o un doppio "tap", far scivolare il dito e scrollare. E se lo... Leggere il seguito

    Da  Dizeta
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE