Magazine Cinema

Il pianeta delle scimmie

Creato il 21 novembre 2014 da Misterjamesford
Il pianeta delle scimmieRegia: Franklin J. Schaffner
Origine:
USA
Anno: 1968
Durata:
112'





La trama (con parole mie): l'astronauta George Taylor ed il suo equipaggio, in viaggio verso lo spazio profondo, si pongono in uno stato di animazione sospesa che possa permettere a tutti loro di superare la prova del Tempo e giungere dove nessun umano era mai stato prima.Precipitati su un pianeta dalle caratteristiche molto simili alla Terra e perso un membro, i tre superstiti si troveranno a lottare per la loro sopravvivenza e libertà in un mondo governato da scimmie umanoidi che, di fatto, ricoprono un ruolo terribilmente simile a quello che sulla Terra hanno sempre ricoperto gli umani.Quando le vicissitudini di questa nuova sfida porteranno alla morte anche gli altri due compagni, Taylor si troverà a doversi affidare alla studiosa locale Zira per poter riconquistare la propria individualità: ma sarà soltanto per andare incontro ad una sorpresa terribile.
Il pianeta delle scimmie
Non troppo tempo fa, ancora freschi di visione del recente e controverso - almeno per quanto riguarda le recensioni che l'hanno avuto come oggetto - Apes revolution, io ed il mio fratellino Dembo ci trovammo nel bel mezzo di una passeggiata al parco con bimbi al seguito da bravi padri di famiglia a chiacchierare a proposito della prima pellicola che originò il successo ormai rispolverato del brand dedicato al futuro dominato dalle scimmie: in quell'occasione fu proprio il mio succitato ed inseparabile compare a giungere in casa Ford con l'omaggio del bluray di quella pellicola datata millenovecentosessantotto, più simile nel suo approccio alla sci-fi alle visioni del Kubrick di 2001 o dei b-movies di Bava che al gusto per l'eccesso e del larger than life attuali, pronto a giurare che la visione valesse non solo più di quelle dei due ultimi capitoli del "brand" - anche se, ormai, varrebbe più parlare di reboot, o ispirazione -, ma anche della maggior parte dei titoli di genere attualmente in circolazione in sala.Ed effettivamente, ancora una volta, finisco per dare ragione al mio fratellino.Il pianeta delle scimmie, a quasi cinquant'anni dalla sua realizzazione, trova ancora non solo un significato ben preciso ed una collocazione, ma risulta - con tutti i limiti realizzativi e di espressione del caso - assolutamente attuale se non addirittura visionario nell'affrontare tematiche che, pur rinnovandosi, all'interno della nostra società continuano ad avere un significato profondo e ben preciso e fornendo allo spettatore la giusta dose di tensione legata allo svolgimento della storia di Taylor fino al clamoroso - anche se intuibile -, disperato finale, tra i migliori che la fantascienza di questo tipo abbia mai regalato al suo pubblico.Certo, vanno messi in conto all'opera di Schaffner una certa retorica molto USA - che, comunque, ha spesso e volentieri il sapore di non troppo celata critica - ed un approccio, in termini di svolgimento e di mezzi, assolutamente naif per lo standard attuale e forse anche quello di allora, eppure l'insieme risulta coeso ed avvincente, non banale - il ribaltamento sociale delle parti tra uomo e scimmia risulta credibile ed in un certo qual modo verosimile -, in grado di tenere ancora inchiodati alla poltrona dal primo all'ultimo minuto: la struttura resta quella del film didattico - in un certo senso, le moderne imprese di Caesar, per quanto evidenti, non sono subordinate ad una sorta di monito da indirizzare alle platee, al contrario di quelle di Taylor, interpretato dal discutibile, umanamente parlando, Charlton Heston - che potrebbe addirittura indispettire i più radical o i meno avvezzi ad un approccio all'apparenza così poco moderno di una pellicola, così come i dialoghi tra il protagonista umano ed i suoi carcerieri pronti a condurre l'audience al drammatico confronto nell'aula di tribunale, teatro di una sorta di sfida quasi filosofica simile a quella che precede la battaglia conclusiva.La tematica, poi, cara alla fantascienza classica, che conduce Taylor all'agghiacciante scoperta dell'epilogo - che non rivelo per evitare spoiler nel caso in cui qualcuno decidesse di vederlo per la prima volta - è funzionale e resa al meglio: un occhio esperto potrebbe riuscire ad intuirlo in anticipo, eppure l'idea di abbandonarsi completamente e vivere le vicende dell'astronauta esule nella loro parte più d'azione funziona almeno quanto riflettere non tanto sul fatto che siano le scimmie a dominare il pianeta sul quale gli uomini giungono, ma che la loro società apparentemente avanzata nasconda falle di sistema pronte ad esplodere alla prima variabile impazzita.Un pò quello che accade anche da queste parti, sulla Terra.La nostra Terra.E chissà poi fino a quando.
MrFord
"Big gorilla at the L.A. Zoo
snatched the glasses right off my face
took the keys to my BMW
left me here to take his place."Warren Zevon - "Gorilla you're a desperado" - 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il confessore

    confessore

    Autore: Jo NesboOrigine: NorvegiaAnno: 2014Editore: EinaudiLa trama (con parole mie): Sonny Lofthus ha trent'anni, e da dodici vive dietro le sbarre di un... Leggere il seguito

    Da  Misterjamesford
    CINEMA, CULTURA
  • Recensione: "Il Superstite"

    Recensione: Superstite"

    Spoiler abbastanza pesanti dopo la linea divisoria nel finaleChe poi in realtà superstiti lo siamo tutti.Essere in vita vuol dire essere superstiti della morte. Leggere il seguito

    Da  Giuseppe Armellini
    CINEMA, CULTURA
  • Il colore dei soldi

    colore soldi

    Paul Newman torna sugli schermi intorno ad un tavolo verde con la sua Balabushka! Titolo: Il colore dei soldi Cast: Paul Newman, Tom Cruise, Mary Elizabeth... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Il ricco, il povero e il maggiordomo

    ricco, povero maggiordomo

    (Movieplayer) Milano, oggi. Giacomo (Poretti) è un disinvolto intermediatore finanziario con la passione per il golf e i testi rari, il quale sta mettendo in... Leggere il seguito

    Da  Af68
    CINEMA, CULTURA
  • Il ricco, il povero e il maggiordomo

    ricco, povero maggiordomo

    TITOLO: IL RICCO, IL POVERO E IL MAGGIORDOMO GENERE: COMMEDIA RATING:  * * * TRAMA: Giacomo è un ricchissimo broker finanziario il cui unico scopo è il successo... Leggere il seguito

    Da  Lamacchinadeisogni
    CINEMA, CULTURA
  • Il trono di spade

    trono spade

    Quarta stagione e nuovi tagli al cast, non per il budget ma per prematura scomparsa. Titolo: Il trono di spade: stagione 4 Cast: Peter Dinklage, Nikolaj... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • Il ragazzo invisibile - Il fumetto

    ragazzo invisibile fumetto

    IL RAGAZZO INVISIBILE 3 Numeri17x26, B., 48 pp., col.PANINI COMICSDisponibile dal 11/12/2014prezzo: € 3.50 cad.Il ragazzo invisibile. Leggere il seguito

    Da  Flavio
    CINEMA, CULTURA, FUMETTI, LIBRI

Magazines