Magazine Diario personale

Il ragazzo di vinadio

Da Astonvilla

IL RAGAZZO DI VINADIO
Ieri sera ero a casa,cosa abbastanza rara,e cosi' ho guardato la televisione cosa ancora piu' rara visto il nulla che viene trasmesso ma ieri sera ho visto una trasmissione che non avevo mai visto e che mi e' piaciuta molto.Hotel Patria,non casualmente su Rai 3,con un conduttore che non conoscevo,Mario Calabresi e Jovanotti come ospite ma non tanto come cantante ma piuttosto come commentatore.Si e' parlato di giovani talenti italiani che debbono lasciare il paese per il nulla che questa vecchia penisola oggi offre a dei giovani.Solo nei primi 10 mesi del 2010 quasi 70000 giovani al di sotto dei 30 anni,il 70% laureati,hanno lasciato l'Italia per un lavoro all'estero.Come se ogni anno una citta' come Savona,Novara ecc fatta solo di giovani sparisse dal nostro paese.Ogni anno ripeto.Hanno raccontato la storia di Loris,Loris e' un ragazzo di Vinadio,un paesino di 400 anime del cuneese,nel mio Piemonte.Loris a meta' degli anni 2000 si laurea al Politecnico di Torino,per inciso in assoluto una delle migliori facolta' AL MONDO,mette la sua laurea in rete.Un professore 65enne americano,californiano legge la sua tesi e ne rimane affascinato,lo invita ad andare in California per fare qualcosa insieme,lui parte e con questo professore in pensione mettono su una societa',il ragazzino piemontese e il professore americano.Affittano una mansarda senza finestre che sara' la loro prima sede,la prima commessa della loro societa' e' un 13 al totocalcio,e' della Boing che affida loro la progettazione della carlinga del loro ultimo modello di aereo.Devono assolutamente ingrandirsi e il professore chiede al ragazzo se ha qualcuno di valido da portare in Italia,lui chiama un amico del suo corso al Poilitecnico e lo invita in California,per 3 mesi,per vedere come si trovava,nel giro di 2 anni lo raggiungono altri 11,tutti chiamati da Loris,12 laureati del Poli 10 piemontesi e 2 sardi giusto per rimettere in piedi il nostro vecchio Regno.Tutti ingegneri,tutti preparati,giovanissimi,lavorano tutti insieme e formano una comunita',vivono vicini,fanno le ferie insieme,una volta la settimana si ritrovano per mangiare la bagna cauda.Preparare ognuno di quei 13 ragazzi,12 piu' lui,e' costato allo stato italiano dai 500 ai 700 euro e ora lavorano in America e pagano le tasse in America collaborando con i loro cervelli allo sviluppo del paese.Noi paghiamo e l'America usufruisce del frutto delle nostre spese.Nel 2010 il professore vuole smettere e cosi' vendono il tutto per 30 milioni di dollari,ora i ragazzi sono restati la' fanno consulenze e tengono corsi in Silicon Valley.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

Dossier Paperblog