Magazine Lavoro

Il ricatto del Lingotto

Creato il 15 gennaio 2011 da Angel

Il 54% degli operai dello stabilimento torinese di Mirafiori si è espresso a favore del nuovo piano industriale elaborato dall’ azienda Fiat nella persona di Sergio Marchionne, amministratore delegato del gruppo. Non ci sarebbe nulla da commentare in apparenza. Si è votato. Si è scelto. Tutto finito. In realtà, ciò che si è andato a disegnare in questi giorni è che il cosiddetto referendum ha tutto il sapore di una truffa. Una truffa perpetuata a danno degli operai, dell’ opinione pubblica, del paese. Gli operai non hanno scelto tra la possibilità di un rilancio industriale e la chiusura dello stabilimento di Mirafiori. Al contrario tra il loro posto di lavoro e il nulla. I loro sì sono stati estorti con il più infamante dei ricatti:o lavori o vai a casa. Cosa c’ è di democratico in questo? Quale prospettiva può avere un gruppo storico come la fiat con tali presupposti? Non esistono progetti nè idee di rilancio. Fatta eccezione del modello fabbrica-caserma voluto da Marchionne. Da questa situazione esce con le ossa rotta, soprattutto, il concetto di lavoro. Il modello Marchionne rappresenta, infatti, una forma di adeguamento alla dequalificazione della manodopera e della produzione che ha investito i nostri mercati e l’ occidente tutto a partire dall’ estremo oriente ( Cina, India su tutte). In questo caso la parola rilancio è sinonimo di precarietà, di violazione di diritti, di miopia industriale. Insomma, il referendum al quale hanno preso parte gli operai di Mirafiori, abbandonando ogni utopistica forma di rilancio o di ripresa, si presenta come un “ricatto” sulla falsa riga di un vecchio capitalismo che, in alcune esponenti fiat, si fa ancora fatica ad abbandonare.



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il cv, il lavoro e il GF

    Il Sole24Ore suggerisce come creare il curriculum perfetto. Sono tempi tristi e questi consigli sono i benvenuti. In un mondo di precarial, bisogna essere sempr... Leggere il seguito

    Da  Pkiara
    LAVORO
  • Il direttore

    sa come tenermi sotto pressione. D’altronde è il suo mestiere ottenere il massimo dalle persone. Peccato per gli orari, che sono quanto di più eterogeneo.... Leggere il seguito

    Da  Jollyroger
    LAVORO
  • Il letargo.

    La giustizia come mezzo la libertà come fine.Non è una ossessione. E non è odio.È vergogna e senso di impotenza.Non è invidia e non è alterigia. Leggere il seguito

    Da  Danilo Baccarani
    OPINIONI, SOCIETÀ
  • Il digestivo!

    digestivo!

    "Cosa c'entrano i valori?"“Meno male che in passato non abbiamo seguito i tuoi consigli guidati dai valori, altrimenti oggi non avremmo 17 consiglieri!”... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • Il riassunto

    riassunto

    Una delle colonne portanti su cui è architettato il sistema educativo della civiltà moderna è il riassunto. Ripensando al metodo di studio utilizzato dalle... Leggere il seguito

    Da  Tnepd
    CULTURA, SCUOLA, SOCIETÀ
  • Il principio

    Fermamente convinto, e da sempre, che sia ingiusto condizionare l’esito di un referendum al raggiungimento del quorum, Marco Beltrandi ritiene che... Leggere il seguito

    Da  Malvino
    SOCIETÀ
  • Il gioiellino

    gioiellino

    E in questo film c’è un personaggio parecchio metodico e preciso quando gli chiedono se vuole un passaggio a casa lui risponde No, sono solo 234 passi. Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    SOCIETÀ

Magazines