Magazine Asia

Il sogno della camera rossa

Creato il 25 settembre 2012 da Automaticjoy @nihonexpress
... lo strano non è strano, il semplice non è semplice, il vero non è vero, il falso non è falso.

Il sogno della camera rossa曹雪芹 Ts'ao Hsüeh-ch'in
Il sogno della camera rossa
Titolo originale: 紅樓夢 Hónglóu Mèng
Anno: 1792
Traduzione di Edoarda Masi
BUR
Pao-yu, nato con una misteriosa pietra in bocca all'interno della nobile famiglia dei Chia, ama trascorrere il proprio tempo componendo poesie con le fanciulle della casa, ignorando gli studi confuciani. Con le cugine Tai-yu e Pao-chai, legate a lui dal filo del destino, formerà un triangolo amoroso dall'esito incerto.
È quasi impossibile riassumere in poche righe un romanzo dalla struttura complessa come Il sogno della Camera Rossa, smisurato affresco nel quale tutti i componenti della famiglia Chia trovano spazio e si muovono come figurine osservate dall'alto da Ts'ao Hsüeh-ch'in, capace di tenere insieme in modo assolutamente coerente un intreccio di situazioni e personaggi che raramente trova eguali nella lettaratura mondiale.
Questa comunità matriarcale è l'ambientazione perfetta per analizzare la Cina del tempo, ma l'ampiezza dei sentimenti descritti ha valenza universale, facendosi specchio dell'umanità nella sua interezza.

Il sogno della camera rossa

Una scena dal romanzo, dipinta da Xu Baozhuan (1810-1873)
(da Wikipedia)

Accanto alla descrizione della vita quotidiana dei protagonisti, vincolata dalla burocrazia e da una rigida etichetta che obbliga ad agire rispettando convenzioni rese immutabili dallo scorrere del tempo, l'autore descrive le reazioni diverse di chi si trova incatenato da quegli usi spesso crudeli, con sorprendente attenzione all'individualità dei suoi personaggi.
I più affascinanti e sfaccettati sono sicuramente le donne: padrone o serve, mogli legittime o concubine, si dedicano agli svaghi più vari, compongono poesie e dipingono, amano e soffrono, ma soprattutto stregano il lettore grazie a una toccante dignità alla quale non rinunciano nemmeno nelle situazioni più dolorose. Indimenticabile la bella Tai-yu, in grado di scrivere versi di eccezionale raffinatezza, ma allo stesso tempo gelosa e fragile, orgogliosa e incapace di mostrare i propri sentimenti per paura di essere ferita; a farle da contraltare c'è Pao-chai, altrettanto attraente, ma modesta e umile, per nulla desiderosa di farsi vanto della sua vivace intelligenza. Il protagonista del romanzo, Pao-yu, giovane diverso da tutti gli altri, dotato di una sensibilità particolare, le ammira entrambe e desidererebbe vivere per sempre con loro e le altre fanciulle della casa, evitando i doveri dell'età adulta.
Intorno a loro si muovono centinaia di altri uomini e donne, le cui storie si sovrappongono a quella principale in un quadro estesissimo da osservare fin nel dettaglio più minuto.
Tanto ci sarebbe ancora da dire su un'opera colossale, ricca di un'infinità di spunti, dal contrasto tra la pragmaticità del Confucianesimo e la spiritualità tao-buddhista, all'attenta analisi della società dei tempi dell'autore passando per elementi autobiografici inseriti in un contesto di finzione. L'unico modo per assaporare l'atmosfera rarefatta e coinvolgente de Il sogno della Camera Rossa è prenderlo in mano e sfogliarlo con calma, perdendosi tra i nomi così simili da creare confusione e le stanze appartate e facendosi trasportare come in un sogno nella Cina dei Qing.
Voto: ★★★★★/5

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Dia-logo con... il Giappone

    Dia-logo con... Giappone

    Keiko Ichiguchi (source)In questi giorni Bologna è più che mai ricca di eventi davvero interessanti, tanto che per seguire tutto mi sto cimentando in incastri d... Leggere il seguito

    Da  Automaticjoy
    ASIA, CINEMA, CULTURA
  • Verso il Giappone #1

    Verso Giappone

    Questo blog era praticamente neonato quando accennai per la prima volta alla mia futura esperienza giapponese e spiegai a grandi linee perché sarei andata a... Leggere il seguito

    Da  Automaticjoy
    ASIA, CINEMA, CULTURA
  • Il castello errante di Howl

    castello errante Howl

    ハウルの動く城 Hauru no Ugoku ShiroHayao MiyazakiGiappone, 2004Dopo che l'affascinante mago Howl l'ha salvata dalle attenzioni insistenti di due gendarmi, la giovane... Leggere il seguito

    Da  Automaticjoy
    ANIMAZIONE, ASIA, CINEMA, CULTURA
  • Il primo giorno di scuola

    primo giorno scuola

    Due studentesse si purificano al santuario Kitano Tenman-gūEmozionata e curiosissima di sapere cosa mi aspettava, ieri sono uscita col mio zainetto e sono... Leggere il seguito

    Da  Automaticjoy
    ASIA, CINEMA, CULTURA
  • Autostop con Buddha: viaggio attraverso il Giappone

    Autostop Buddha: viaggio attraverso Giappone

    Mentre parlavamo, i sakura vorticavano intorno alla cabina del telefono in un diluvio di bianco e rosa. Avevo passato più di un mese circondato da quei fiori,... Leggere il seguito

    Da  Automaticjoy
    ASIA, CINEMA, CULTURA
  • Il Restauro

    Restauro

    Avevo intenzione di scrivere un post su Superman, vecchio e nuovo, passando attraverso il fumetto e la “morte”. Perché Superman è il personaggio per ogni autore... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • Il Decameron

    Decameron

    Tra il 1348 e il 1353, Giovanni Boccaccio completò il “Decameron”. Una delle opere letterarie più note al mondo. Boccaccio non avrebbe mai immaginato di... Leggere il seguito

    Da  Annanihil
    CINEMA, CULTURA

Magazines