Magazine Società

Il titolo dice tutto

Creato il 31 gennaio 2011 da Harlan1985
Il titolo dice tutto
Il nuovo disco dei Verdena si intitola Wow e contiene 27 tracce, distribuite in due cd. Sorge spontanea una domanda: sono scemi? Segue a ruota un altro interrogativo: ma quanto se la tirano?
Bastano un paio di ascolti per capire quanto sia azzeccato il titolo.
Dopo aver ascoltato il primo singolo, Razzi Arpia Inferno e Fiamme, a mio parere una delle canzoni italiane più belle degli ultimi anni, non ho esitato a comprare l'album intero. Ho speso 10 euro, ma dopo averlo ascoltato e riascoltato credo che anche 20 sarebbero stati pochi.
È difficile descrivere un disco così denso, un'autentica, strabiliante scorpacciata di musica che prima stordisce e poi incanta. Stordisce l'abilità tecnica dei tre, che con voci e strumenti fanno letteralmente quello che vogliono. Prendete Loniterp: si passa dal suono new-wave alla Interpol (anagramma di Loniterp), ad una incredibile stratificazione vocale con una naturalezza sconvolgente. È solo un esempio dei tanti di cui l'album è seminato. Per questo Wow non è un genere, è tutti i generi.
Ma una volta metabolizzato lo stupore emergono le canzoni, ed è questa la forza che rende Wow una pietra miliare della musica italiana. Un disco così lungo, di solito, non può evitare qualche scivolone. Io qui non ne ho trovato nemmeno uno. Neppure l'intermezzo di trenta secondi è superfluo, e l'elenco dei gioielli è lunghissimo. Il giro di basso di Miglioramento ti entra in testa e non se ne va più, Tu e Me è un'incantevole, dolcissima scheggia, mentre Sorriso in Spiaggia è un miracolo: mai mi sarei aspettato di sentire la potenza degli Arcade Fire in un disco italiano.
In giro per la rete le recensioni dettagliate ed entusiastiche si sprecano. Io dico semplicemente che Wow è il mio disco del 2011, e difficilmente qualcos'altro gli ruberà il posto. La musica italiana non è morta del tutto, e Wow è il suo grido di battaglia.
Da comprare a scatola chiusa.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il ritardato

    Bello il discorso di Fini eh. Solo che, dice Casini, lui quelle cose le aveva dette due anni fa. Solo che, dice Di Pietro, lui quelle cose le aveva dette due... Leggere il seguito

    Da  Demopazzia
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il lupo e il vizio

    Il lupo perde il pelo ma non il vizio. Potete vedere questa gallery di Repubblica.it come il leader e fondatore della Lega Nord, il senatùr Umberto Bossi, non... Leggere il seguito

    Da  Giba1985
    SOCIETÀ
  • Il vizietto

    vizietto

    IL VIZIETTO Ci fu un tempo tal Igor Marini (riarrestato di recente), un faccendiere che giurò e spergiurò di aver visto Mortadella (Prodi), Cicogna (Fassino) e... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il Finimondo

    foglia di gran fico La signora Baiocchi abita al terzo piano. Sale le scale piano, con le buste della spesa che pesano e il respiro un po’ affannoso. Leggere il seguito

    Da  Hydepank
    SOCIETÀ
  • Il mercato

    Pare che il mercato dei parlamentari sia agli sgoccioli (tanto lì la prostituzione è lecita, no?), dopo gli acquisti di Massimo Calearo, di Michele Pisacane,... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • Il garantista

    Lo sgarbi show, a Novecento, me l'ero perso (ma ieri sera Blob, ne ha riproposto un gustoso pezzo).Di fronte a Pippo, si è lanciato in una una lunga... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Il nemico

    nemico

    La campagna elettorale passa anche da questo: la esclamazioni di vittimismo da parte di esponenti del PDL o di suoi giornalisti. Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ