Magazine Internet

Il tramonto di MySpace

Da Oblioilblog @oblioilblog

Il tramonto di MySpace

Ha perso perché era molto più difficile da usare. Ed era troppo difficile da usare perché oltre ad esser stato concepito un paio d’anni prima di Facebook, era pensato per consentire molta libertà di personalizzazione del servizio agli utenti. Facebook era, ed (apparentemente ) è ancora più facile da usare anche perché obbliga a comportamenti molto standardizzati: il che paradossalmente si è rivelato vincente in una tecnologia metaforicamente orientata alla comunicazione tra amici.

MySpace dunque, negli ultimi tempi, ha fatto registrare una caduta verticale in termini di numero di visitatori e nuovi utenti registrati, le cause sono da addurre soprattutto all’avanzata del sopraccitato concorrente Facebook, che si evolve a velocità tale, che pochi progetti presenti nel Web oggi riescono a tenere il passo.

Proprio per via di questo declino inarrestabile, a marzo dello scorso anno, il proprietario di MySpace (dal 2005, News Corp. => Murdoch), ha licenziato circa il 30% dei dipendenti, cambiato amministratore delegato, rivisto la grafica del sito e perfino siglato accordi col rivale Facebook, infine ha tagliato un ulteriore 50% del personale, arrivando a chiudere, in alcuni casi completamente, gli uffici nelle varie nazioni (quello italiano è stato completamente chiuso).

Pare però che  oraNews Corp. abbia deciso di uscire definitivamente da MySpace, le ipotesi al vaglio sono una fusione, lo spin-off oppure la cessione diretta. Al nuovo CEO è stato fornito poco tempo a disposizione per trovare la via tra le possibilità proposte, vuoi perchè più  tempo passa più si svaluta il social network, vuoi perchè News Corp sta per lanciare il quotidiano per iPad The Daily e ha bisogno di evitare gli sprechi di risorse per concentrarle sul nuovo servizio.

Un’ipotesi vorrebbe Google fra gli acquirenti, infatti il colosso Big G recentemente non si fa scappare nulla che mostri una parvenza di potenzialità per quanto riguarda il Web, ma sembra che nemmeno gli ingegneri di Google sappiano esattamente come rilanciare MySpace, dunque è davvero arduo predire il futuro di questa vecchia gloria dei social network.


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Monitore

    Ho deciso di proporre una piccola, ma sostanziale modifica a questo spazio. Ve ne sarete già accorti. Da oggi il mio blog si chiamerà Il Monitore. A molti di vo... Leggere il seguito

    Da  Angel
    BLOG, INTERNET, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Ebook fare business con myspace

    La community di MySpace è in continua crescita. Ogni giorno c’è qualcuno che entra in MySpace per condividere informazioni : questo vuol dire che ogni giorno... Leggere il seguito

    Da  Piero Iacono
    MARKETING E PUBBLICITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE
  • Il Festival

    Festival

    Con sessantuno edizioni a quest’anno, Sanremo può essere considerato il Festival per eccellenza. Odiato da molti, atteso da pochi altri, continua a far... Leggere il seguito

    Da  Frankezze
    CULTURA, MEDIA E COMUNICAZIONE, MUSICA, PROGRAMMI TV, TELEVISIONE
  • Il bello, il buono e il piccino

    bello, buono piccino

    di PIERCIRO GALEONE L’Italia è un Paese piccolo. Il suo punto più a nord, la Vetta d’Italia sulle Alpi Aurine, dista 1.291 chilometri da quello più a sud, Punt... Leggere il seguito

    Da  Francesco74
    ITALIA, VIAGGI
  • Il Medioevo.

    Medioevo.

    Con il termine Medioevo, età di mezzo, viene definito il periodo storico che ebbe inizio con la caduta dell’Impero Romano d’Occidente (476) e che terminò intorn... Leggere il seguito

    Da  Iside
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • il viaggio

    viaggio

    Se mi guardo indietro vedo che da poche altre cose la mia vita è stata segnata così in profondità come dall’amore per il viaggio. Mi è sempre stato abbastanza... Leggere il seguito

    Da  Barbini
    CULTURA, VIAGGI
  • “Il Messaggio”

    Messaggio”

    1976: The Message (Al Rasala) di Moustafa Akkad Sicuramente il più grande kolossal libico di tutti i tempi: l’ambizione è di raccontare la storia della religion... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA