Magazine Attualità

Il “tu”

Creato il 16 giugno 2010 da Lucas

I critici ripetono,

da me depistati,

che il mio tu è un istituto.

Senza questa mia colpa avrebbero saputo

che in me i tanti sono uno anche se appaiono

moltiplicati dagli specchi. Il male

è che l'uccello preso nel paretaio

non sa se lui sia lui o uno dei troppi

suoi duplicati.

Eugenio Montale, Satura 1962-1970, Meridiani Mondadori, Milano 1984

La lettera di Roberto Saviano a Francesco Schiavone è una lettera potente, così tanto che sarebbe necessario, per motivi di studio, filmare l'espressione del destinatario se questi si degnerà di leggerla. E rileggerla. Sono convinto che per costui essa sarà dolorosa come e più di mille pallottole. Chissà. È uno sforzo difficile entrare nei panni del cosiddetto Sandokan, ma è un esercizio d'immaginazione utile per capire la potenza della lettera. Sinceramente, dopo le prime quattro cinque righe della lettera avrei voluto interrompere la lettura perché m'infastidiva quel “tu” ingiustificato. Ma poi Saviano ha, ed egregiamente a mio avviso, spiegato le ragioni di tale scelta “informale”.

«Ora che ti hanno arrestato anche il primo figlio, è giunto il tempo di collaborare con la giustizia, Francesco Schiavone. Sandokan ti chiama ormai la stampa, Cicciò o' barbone i paesani, Schiavone Francesco di Nicola, ti presentano i tuoi avvocati. E Nicola, come tuo padre, hai chiamato tuo figlio a cui hai dato lo stesso destino. Destino di killer. Accusato di aver ucciso tre persone, tre affiliati che avevano deciso di passare con l'altra famiglia, con i Bidognetti. Nessuno si sente sicuro nella tua famiglia, il tuo gruppo ormai non dà sicurezza. Non ti resta che pentirti. Questa mia lettera si apre così, non può iniziare diversamente, non può cominciare con un "caro". Perché caro non mi sei per nulla. Neanche riesco a porgertelo per formale cortesia, perché la cortesia rischia già di divenire una concessione che va oltre la forma. Scrivendo non userò né il "voi" che considereresti doveroso e di rispetto, né il "lei". Chi usa il "lei", lo so bene, per voi camorristi si difende dietro una forma perché non ha sostanza. Allora userò il tu, perché è soltanto a tu per tu che posso parlarti».

Ora, tutto sta nel come Schiavone interpreterà questo “tu”. Se lo sentirà come uno schiaffo, uno sputo o una ferita da lavare con altro sangue. Oppure se in esso troverà qualche appiglio per ritornare sulla terra, per ritrovare una traccia minima di umanità che lo tenga sospeso dal baratro dove si trova sprofondato. Sarà difficile, forse impossibile ma quella di Saviano è una mano tesa a chi con le unghie sta aggrappato al precipizio. A Schiavone sta afferrarla o lasciarsi definitivamente precipitare nel vuoto.

Foto: flickr

Il “tu”


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il sonno della ragione produce mostri

    sonno della ragione produce mostri

    Ecco cosa è riuscito a produrre il governo Berlusconi con la sua scellerata politica. Complimenti, non c'è che dire... Leggere il seguito

    Da  Flyguyit
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Io, tu ed il Cenacolo

    Cenacolo

    Il Cenacolo di Leonardo da Vinci è opera estremamente delicata, dall’equilibrio fragile ed è vietato fotografarla con o senza flash per evitare stress perchè... Leggere il seguito

    Da  Silvanascricci
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Ddl intercettazioni e il lusso della privacy

    intercettazioni lusso della privacy

    Alla fine il ddl intercettazioni passa al Senato con il voto di fiducia, come dire bavaglio alla stampa e colpo letale alla possibilità per la magistratura di... Leggere il seguito

    Da  Renatocappon
    ATTUALITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SOCIETÀ
  • Il PDL e i trans

    trans

    Scriveva Il giornale (sul caso Marrazzo .. ) che "Al PD non piace la gnocca".Dopo l'episodio di cronaca, trans e coca con comizio incorporato, relativo a Pier... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • IL CONGO è IL PAESE DELLO STUPRO

    CONGO PAESE DELLO STUPRO

    L'età di Shedla Abedi non ha portato protezione ai violentatori quando vennero al suo villaggio."Immaginate - un ragazzo di 20 anni, e me all'età di 62 anni,... Leggere il seguito

    Da  Madyur
    ATTUALITÀ, PARI OPPORTUNITÀ, SOCIETÀ
  • Perchè il vegetarianismo non salva il mondo

    Secondo uno studio della Cranfield University finanziato dal WWF il vegetarianismo sarebbe più dannoso per l’ambiente del consumo di carne. Leggere il seguito

    Da  Giusecipriani
    ATTUALITÀ, ECOLOGIA E AMBIENTE, SOCIETÀ
  • Lancia il Berlu

    Lancia Berlu

    A ben vedere non è Saviano, non sono gli sceneggiati della Piovra, e nemmeno Sabina Guzzanti con il suo Draquila a procurare all’Italia meschine figure in giro... Leggere il seguito

    Da  Eno
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ

Magazines