Magazine Cultura

Il viola a teatro, “merda, merda…”, il copione: le superstizioni

Creato il 10 maggio 2013 da Postpopuli @PostPopuli

 

         

di Claudia Boddi

Tra antiche credenze, vere e proprie manie, gesti scaramantici, riti portafortuna e tanto altro ancora, si snoda la vita di coloro i quali abitano l’affascinante mondo teatrale, anche quando il sipario è abbassato e le luci sono spente. Attento a curare tutti i dettagli, affinché il risultato sia perfetto – accanto alla preparazione tecnica e artistica – chi ama la ribalta, è spesso disposto a pagare anche l’inesorabile dazio della superstizione!

Ci sono alcune usanze, infatti, che sono conosciute da tutti, e che vengono riportate anche al di fuori dei contesti professionali, nei circoli di amici che si ritrovano per recitare nel quartiere o nelle compagnie amatoriali. Tra le più famose, c’è l’abitudine di gridare: “Merda, merda, merda!”, prima di ogni performance. Motto d’incoraggiamento o scarica che accende l’adrenalina, quando la tenda rossa è tirata, il cast al completo si stringe in un energico cerchio e, con le mani nelle mani a formare una catena, fa partire l’urlo che sale al ritmo della triplice ovazione. Proclama di buon auspicio dei protagonisti in campo affinché l’impegno profuso nelle prove, nello studio dei personaggi e in tutto il resto, sia adeguatamente ripagato dagli applausi, l’invocazione tripartita deriva direttamente dall’Ottocento. A quell’epoca, le persone erano solite andare a teatro in carrozza e, quanti più escrementi di cavallo c’erano dopo lo spettacolo fuori dall’edificio, tanto più importante era stato il suo successo in termini di pubblico.

Una delle preoccupazioni che più assillano gli attori e le attrici che preparano un’opera, è la caduta a terra del copione durante le prove. Se cade il copione, l’ansia s’impenna. Ovviamente, siamo in presenza di qualcosa di simbolico dal significato metaforico: il tonfo del canovaccio rappresenta il fallimento, la rovina dell’opera, e quindi, ogni volta che finisce a terra, l’attore prontamente è portato (o forse sarebbe più opportuno dire “tenuto”!) a riprenderlo e a batterlo per tre volte consecutive nel punto esatto dov’è caduto, per pareggiare il conto con il destino avverso. I più superstiziosi, a volte, compiono anche tre giri completi su loro stessi, nei pressi del luogo della caduta. Giusto, per essere più sicuri: abundare melius quam deficere! Anche se non c’è certezza sul motivo della scelta del numero tre per le volte necessarie a purificarsi dalla malasorte, è molto probabile che esso sia legato alla rappresentazione della cifra come quella della perfezione, e che quindi vada ad incarnare l’immagine di un glorioso successo per il lavoro in cantiere.

foto it.123rf.com/

foto it.123rf.com/

Ma la più famosa abitudine scaramantica in assoluto è l’idea di sfortuna legata ad abiti di colore viola indossati a teatro. Non solo sul palco, dove abiti di scena di quel colore sono praticamente banditi fin dalla sartoria, ma nella maggior parte delle compagnie è sconsigliato anche solo avvicinarsi alla sala con in dosso un elemento di abbigliamento che richiama il fatidico colore. I portatori di tali affronti potrebbero essere invitati gentilmente (neanche sempre!) a lasciare la stanza o a cambiarsi vestito. Nel mirino della sfiga c’è tutta la gamma delle sfumature del colore: dal vinaccia al lilla, nessuno escluso. Questa tradizione ci arriva direttamente dal Medioevo quando, in tempo di Quaresima, gli ecclesiastici erano soliti indossare delle stole viola e interrompere ogni attività ludica e creativa, costringendo giullari e saltimbanco a uno stop forzato dei loro lavori. Questo significava fare letteralmente la fame per chi viveva di quest’arte, e la sopravvivenza diventava un problema. Da allora fino ad oggi, il viola in teatro viene associato alla malasorte, rimanda alla povertà e alla magrezza in senso lato. Assolutamente sconsigliato quindi vestirsi di viola… anche se siete tra il pubblico, prediligete altri colori, così non urterete la sensibilità degli addetti ai lavori!

Per saperne di più consulta l'articolo originale:

http://www.postpopuli.it/24758-il-viola-a-teatro-merda-merda-il-copione-le-superstizioni/?utm_source=rss&utm_medium=rss&utm_campaign=il-viola-a-teatro-merda-merda-il-copione-le-superstizioni


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Il Teatro Lirico a Nuoro

    Teatro Lirico Nuoro

    L’Orchestra e il Coro del Teatro Lirico di Cagliari protagonisti di quattro serate musicali al Teatro Eliseo di Nuoro Da mercoledì 12 giugno a... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il Teatro in miniatura

    Teatro miniatura

    E’ bellissimo vedere lo stupore negli occhi dei bambini che vengono a Teatro, quando visitano i laboratori della sartoria, dell’attrezzeria, della... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il Teatro aperto alla città

    Teatro aperto alla città

    Il 21 giugno i lavoratori del Teatro lirico di Cagliari organizzano una giornata di musica no-stop gratuita aperta a tutti. Ci sarà musica per tutti i gusti,... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Il teatro deve rifiorire

    Da giorni, anzi da mesi, molti mesi, assisto alla tragica commedia che sta lentamente e inesorabilmente trascinando nel dissesto definitivo la nostra più... Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • Un voto per il teatro

    E la prima volta che in prossimita’ delle elezioni mi ritrovi a non sapere a chi dare il voto. Profondamente delusa da questa politica fatta solo di prese in... Leggere il seguito

    Da  Musicamore
    PALCOSCENICO, TEATRO ED OPERA
  • “sospesi tra terra e cielo”, a teatro il dramma di eluana englaro e piero welby

    “sospesi terra cielo”, teatro dramma eluana englaro piero welby

    a cura della Redazione Il teatro Antigone di Roma sarà palcoscenico importante nel prossimo fine settimana, 7-8-9 giugno. L’Associazione Culturale immaginARTE... Leggere il seguito

    Da  Postpopuli
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Tutti a teatro: il dibattito

    Tutti teatro: dibattito

    In occasione della Giornata Europea della Musica, i Lavoratori della Fondazione Teatro Lirico di Cagliari hanno ideato ed organizzato la manifestazione TUTTI A... Leggere il seguito

    Da  Nonzittitelarte
    CULTURA, PALCOSCENICO