Magazine Viaggi

In gita a Salisbury

Creato il 10 marzo 2011 da Vpostulato @luballets
In gita a Salisbury
Appuntamento ore 10.45 alla stazione di Southampton, il treno parte alle 11.05 con tutta la compagnia tranne me, Sofia e Alexandra. Arrivati tardi. Colpa loro.
Così noi aspettiamo il treno delle 11.45 che ci porta nella ridente cittadina di Salisbury. Siamo fortunatissimi: c'è un sole alto, un cielo terso, il freddo è pungente ma lo considero un prezzo assolutamente accettabile per evitarci la pioggia inglese.
In gita a SalisburyAllo Starbucks di Salisbury ci aspettano Marì e il suo ragazzo, Marta e Pachì, quattro spagnoli che abbiamo conosciuto la sera prima, e poi due ragazze greche amiche degli spagnoli e Daniele, il livornese che lavora con me al NOC. Raggiuntili cerchiamo subito l'autobus che secondo la guida ci porterà a Stonehenge, la famosa Stonehenge!In gita a SalisburyL'autista è un tizio simpatico, ci accoglie con un saluto di benvenuto in ognuna delle lingue di cui ci dichiariamo alfieri: buenas dias, kalimèra, buongiorno! Per 15 pound, prezzo studenti, potremo visitare Stonehenge ma anche le rovine di Old Sarum, che sono lungo il tragitto per il sito archeologico.

Saliamo e in un attimo il pullman a due piani ci porta al sito di Old Sarum: sul punto più alto di questa verdissima collina era stato trovato un villaggio già dai romani, poi i normanni e i sassoni vi costruirono un castello per il re ed una cattedrale. In gita a SalisburyIntorno al tredicesimo secolo i dissidi tra vescovi e monarchi sassoni e le difficili condizioni atmosferiche della zona portarono all'abbandono della città. Così, mentre ai piedi della collina nasceva e prosperava Salisbury, le pietre di Old Sarum venivano staccate una ad una a beneficio di altri edifici per la nuova città. Oggi rimangono visibili le fondamenta del castello e della cattedrale, ma niente più. E' comunque un posto molto suggestivo per la sua storia vuoi per il panorama apprezzabile a 360 gradi: la campagna inglese, un sempreverde (ah ah)!
In gita a SalisburyRitorniamo al pullman e partiamo alla volta del più famoso sito archeologico d'Inghilterra... Qui ognuno avrà senz'altro la sua personalissima idea, ma è indubbio che valga la pena vederlo una volta almeno da fuori, per l'importanza storica che riveste. Io mi aspettavo un posto mistico, lontano dalla civiltà, magari in cima ad un colle: lo avrei raggiunto affaticato dalla camminata in salita, un po' sudato, e mi sarebbe costato fatica alzare la testa per vedere la punta delle altissime pietre che i nostri antenati (o gli antenati degli ufo) hanno impiantato per terra! Tutt'altro. Stonehenge è rimasta schiacciata tra due strade piuttosto trafficate che collegano le cittadine della contea, è protetta da recinzione con filo spinato e l'effetto da lontano è di qualche cosa di strano ma modesto, insomma niente capogiri.
In gita a SalisburyL'ingresso è compreso nel prezzo del bus, e vinciamo anche una guida audio a testa... e in italiano!!! (i greci protestano ma si devono accontentare dell'inglese) Un sottopasso decorato con squallidi murales che raffigurano scene primitive ti porta direttamente al tracciato che si srotola intorno alle pietre: no avvicinarsi, no passare in mezzo alle pietre, si può solo seguire il camminamento segnalato e bon. Va beh, forse meglio questo estremo di sicurezza se si pensa che fino a qualche decennio fa i visitatori compravano uno scalpello a Salisbury per portarsi a casa un ricordo di Stonehenge! Sono passati due giorni, ma non mi ricordo una sola parola delle centinaia di informazioni che mi ha dato l'audioguida: forse potevano farle un po' meglio!In gita a Salisbury

E le mie impressioni su Stonehenge finiscono qui, in fondo. Pensavo che sarebbe buffo se gli uomini che l'hanno messa in piedi potessero vedere oggi questi turisti che fanno la coda ai tornelli per entrare, e poi si mettono a girare intorno alle pietre con all'orecchio l'audio guida che spara cazzate, la fotocamera che penzola al collo...
In gita a SalisburyRiprendiamo l'autobus per tornare a Salisbury, che non è solo la stazione del treno più vicina al sito archeologico, ma una bellissima cittadina con una della cattedrali più spettacolari della Gran Bretagna! Il centro è stato mantenuto piuttosto fedele all'originale, con le tipiche casette inglesi di legno scuro e intonaco bianco, qua e là si possono vedere le vecchie mura difensive, chiesette e monumenti, e pure Mc Donald's e Pizza Hut, ma come dicevo poc'anzi, nulla regge il confronto con la cattedrale.
In gita a SalisburyLa si vede già da lontano, col suo altissimo campanile. Per raggiungerla bisogna varcare una porta medievale che, ci giura la Lonely Planet, viene chiusa a chiave ancora oggi tutte le sere alle dieci! A differenza delle chiese italiane, costruite nel centro del paese e soffocate dalle case tutt'intorno, qui le cattedrali nascono in mezzo ai prati, un po' tipo piazza dei miracoli a Pisa. E che prati, ovviamente. Credo che il verde dell'erba inglese sia l'unico vantaggio di un clima così umido e piovoso. La struttura è enorme, magnifica, e il suo essere circondata dal verde la rende ancora più grandiosa: è come se ci ricordasse in ogni momento che ogni singola pietra è stata posata lì per la volontà e per la fatica di uomini.
In gita a SalisburyAnche all'interno si rimane affascinati dagli altissimi soffitti e muri completamente scarni, semplici nella esteriorità di pietre e marmi. Potrò sembrare esagerato a farne tanti elogi, ma io preferisco troppo questo tipo di architettura senza fronzoli ai nostri barocchi o neoclassici.... Va beh, tra l'altro c'è anche l'orologio funzionante più antico del mondo, di cui vi propongo la foto. Ad una domanda non sono riuscito a trovare risposta: ma dove si leggerà l'ora???In gita a Salisbury
C'è un freddo polare, il sole è sparito dietro le colline e tutti vogliono tornare a casa. Il treno è pieno zeppo, io sono stanco morto e soprattutto affamato, perché non ho mangiato quasi niente, apparte una palla di cioccolato che il mio apparato digerente ricorderà per molto tempo! Salisbury è andata, vi aggiornerò sulle prossime domeniche alla scoperta del Wessex!

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • In metro

    Ecco uno dei tanti incontri che si possono fare in metro a Parigi. Leggere il seguito

    Da  Danielepipitone
    ITALIANI NEL MONDO, VIAGGI
  • In adorazione

    Ultimo spot della braun. Un rasoio da uomo dedicato alla depilazione del corpo. Per stare al passo con i canoni estetici odierni che vogliono l’uomo glabro si... Leggere il seguito

    Da  Marypinagiuliaalessiafabiana
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • In pena

    pena

    per un cielo infrantoper la pioggia che ci bagneràvado pensando alla gioia grandeche se vorremo ci prenderà.Tra dovere ed inquietudineesita quasta vita rude. Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA, POESIE
  • In quota

    Ci sono calabresi e calabresi. C’è la comunità sangiorgiogiacomese che è la più numerosa, quella cosentina, quella di Melito Porto Salvo e quella sidernese. Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • In autobus

    La condizione principale richiesta perchè uno straniero sia un bravo straniero, cioè integrato perfettamente, è che non sia rumoroso, faccia silenzio, non... Leggere il seguito

    Da  Federicobollettin
    SOCIETÀ
  • In-Differenze

    In-Differenze

    Sabato 16 ottobre 2010 si inaugura alle ore 18.30 presso lo spazio Vista Arte e Comunicazione, in Via Ostilia 41 (zona Colosseo) a Roma, la mostra... Leggere il seguito

    Da  Fasterboy
    ARTE, CULTURA
  • In uscita

    uscita

    ‎ "Le emozioni si posano su di noi come fossero note all'orecchio e incuranti di ogni impedimento scendono giù fino al cuore,anche per un attimo.Poi,lasciando u... Leggere il seguito

    Da  Maluna
    TALENTI

Dossier Paperblog

Magazine