Magazine Lifestyle

Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan

Creato il 24 luglio 2012 da Whitecloset @WhiteClosetBlog

Interview to a designer: Futurismo Fashion by Valentina LivanInterview both in english and italian

Pictures of the collection will be revealed in september 2012Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina LivanInterview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina LivanQ.: Hi!Let's start from the beginning. When and how did you understand that fashion was your path?A.: Hi Mauro!I've always been very sensitive about fashion because I see it as an expression of the personality of the individual, I also liked "playing" with clothes, looking for original items or recovering old pieces converting them into new outfits. Since I'm shy, fashion for me has always been an important channel to meet people and circulate in new and creative environments.What school and work path did you follow for your current position?My mom is a seamstress, I grew up between fabrics, needles, thread and patterns! The funny thing is that despite all this, for many years for me clothes were just a passion: I have an economics degree and I worked in the administrative and commercial area of a large company until a few years ago. Then the turning point: the economic crisis and lack of work satisfaction has given me the courage to really get involved in the fashion industry. After a CAD course and a course in textile modeling I worked with some renowned artisans in my area learning a lot about the art of textiles and packaging. Then it came the experience at TakeTwo, which gave me the opportunity to follow the entire process: from the style to the model, from prototyping to pack and finally the preparation of catalogs and fashion shows. As you can see my path does not include renowned schools, everything has been based on what I learned on the "battle-field" and with thirst to learn as much as possible in order to get something of mine; this, from the beginning, gave me that idea and the tenacity needed to recover lost years working in other sectors.

Would you change something or is this a path you'd follow again?My degree and my previous experiences outside fashion world without doubts helped me growing up as a person and as a pro; if I could go back I admit I'd choose a different school path, more specific for what I'm doing nowadays.How would you describe your style?I base all my work on texture and color. I use monochromatic and bright contrast, geometric designs, constantly thinking of how our bodies should be emphasized to make us charming and sure of ourselves.My fashion line could be defined "essential" because of  clean lines and because it lacks any accessory in sight.What does inspire you during the creative phase?From everything that surrounds me: I do not seek inspiration from a specific subject, I prefer to observe, feel, live and develop the ideas of what amazes me. I love art and contemporary dance, indie music and underground forms of architecture, so I find inspiration mainly traveling and being around people.

Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan
Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan
If you had to make a presentation of your  project and your collection, how would you describe and introduce it?Futurismo Project is based on innovation: translated into research and creation of fabrics, the study of structures and models in alternative marketing channels.I wish my first collection was worn by women with strong personalities in order to highlight femininity and elegance of women. Nowadays we no longer have time: being perfect and at ease has become a real challenge, so my items have to be versatile, suitable for all occasions, with no accessories to allow each of us to "play" with their beloved objects, shoes, handbags, jewelry, unique and original, or perhaps rather simple travel memories!What's new about Futurismo Fashion Brand?Without doubt the most important innovation is about fabrics; a lot of hard work led to fuse the qualities of fabrics used in sport with much more elegant and fine fabrics.Futurismo Fashion's fabrics can be worn throughout the year because they adapt to body temperature, they have high breathability, do not rub and they are easily washable. Just a tip, I would avoid my cashmere coats in August! ;-)From some photos seen on your Twitter profile we can see pictures of seamstresses (showing craftsmanship) and on several occasions you touch the theme of 'Made in Italy': what do you think of this? What do you believe are the pros and cons of Made in Italy?Made in Italy is synonymous of quality, and I refer to every aspect of my project. For example, before choosing italian companies for the fabrics I've done a lot of research abroad and the decision was not ideological but rather conditioned by the obvious differences in colors, in the tonicity of materials and willingness of companies to work with an emerging designer. It's not true when people say we (Italy) do not invent anything, there is plenty of virtuous companies, the problems lie elsewhere; I mean that, it is obvious that the choice of quality will result, in my case, to a limited production and for a product not suitable for all budgets. But I strongly believe that the crisis should be fought by giving work to many professionals in our villages, expert tailors "abandoned" by the most famous brands, beautiful italian models , young programmers who are so attentive to new channels of communication.Unity, in this case, is strenght, so I'm proud of the team that has been created: young, successful and full of enthusiasm!
Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan

In other interviews on my blog to other emerging designers a common problem came up: italian fashion system is great for the presence of so many big brands but it is so close to upcoming designers. What do you think about it? What would you change about it?This is the question that haunts me the most; if you will ask me this in 6 months probably I'll have more elements to reply. Presenting the first collection in september, we have already identified a number of buyers, but we must wait for reactions and especially orders. Our business often defines us as "independent", this mainly because we go out in the traditional mold ... I do not really want to be within the usual! The only certainty is that we do not have seasonality, based on the success of the first collection we will present one every two months, 10/15 models in various colors, we could call it "flash collections"... without carrier, seasonal, collections.Favourite designers, and why?I like buying upcoming designers' items, I love their fresh new approach and I love the fact I can wear almost unique pieces. If you refer to "big names" I'd say without doubt Armani for his clean lines and Balenciaga for the particular approach to colors.Trying to know some leakages: what are future expansions of your fashion line?You start from a womenswear collection, do you think there will be also a menswear collection?We are all thrilled and excited, but we keep our feet on the ground; the idea of ​​expanding fastly scares me. I will start by the presence in at least a store in all major Italian cities and then I'll try with European capitals. We have some contacts for further expansions but for now we think about our country!I don't think about menswear but about kidswear: my fabrics are strong and do not stain easily ... Wouldn't I make all moms happy?Thanks for your availability and 'in bocca al lupo' (it stands for 'good luck')!Thank you for attention you pay to emerging designers... and 'crepi il lupo' (it means 'thanks')!§


Buongiorno.Iniziamo dal principio. Quando e come ha capito che la sua strada fosse quella della moda?Buongiorno Mauro!Sono sempre stata molto sensibile alla moda in quanto espressione della personalità del singolo individuo, mi è anche sempre piaciuto “giocare” con gli abiti cercando pezzi originali o recuperando capi per riconvertirli in nuovi modelli. Essendo timida, la moda per me è sempre stato un canale importante per conoscere persone e ambienti nuovi e creativi.

Che percorso scolastico e lavorativo ha svolto per arrivare alla sua posizione attuale?Mia mamma è sarta, sono cresciuta tra stoffe, aghi, filo e cartamodelli! La cosa divertente è che  nonostante questo, per molti anni per me fare abiti è stata solo una passione, ho una laurea in economia ed ho lavorato nel settore amministrativo e commerciale di grandi aziende fino a qualche anno fa. Poi la svolta: la crisi economica e la stanchezza di lavori privi di soddisfazione mi ha dato il coraggio di mettermi in gioco realmente. Dopo un corso CAD e  modellismo tessile ho collaborato con alcune artigiane rinomate della mia zona imparando moltissimo riguardo ai tessuti e all’arte della confezione. Poi l’esperienza in TakeTwo, che mi ha dato modo di seguire tutto il processo: dallo stile al modello, dalla prototipia alla confezione ed infine le sfilate e la preparazione dei cataloghi. Come vede quindi il mio percorso non prevede scuole rinomate, si è svolto più che altro sul campo con una sete di apprendere il più possibile per arrivare a fare qualcosa di mio, idea che mi ha dato fin dall’inizio la tenacia necessaria a recuperare gli anni persi lavorando in altri settori.
E' un percorso che rifarebbe o cambierebbe qualcosa?La laurea e le esperienze precedenti a quelle nel mondo della moda mi hanno sicuramente aiutata a maturare come individuo oltre che come professionista, se potessi tornare indietro però sceglierei una formazione scolastica senz’altro più adatta a quello che sto facendo ora.Com'è il suo stile? Come lo descriverebbe?Baso tutto su struttura e colore. Uso monocromi vivaci e geometrie a contrasto, disegno i modelli pensando costantemente a quali forme del nostro corpo devono essere enfatizzate per renderci affascinanti ma anche sicure di noi stesse. La mia linea si potrebbe definire “essenziale” per la pulizia delle forme e perché priva di qualsiasi accessorio a vista.

Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan

Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan


Da cosa è influenzata? Da cosa s'inspira nella fase creativa?Da tutto ciò che mi circonda: non cerco l’ispirazione rivolgendomi ad un preciso soggetto, preferisco osservare, sentire, vivere ed elaborare gli spunti di quello che mi stupisce. Amo l’arte e la danza contemporanea, la musica indie e le forme di architettura metropolitana, quindi trovo ispirazione principalmente viaggiando e stando in mezzo alla gente.

Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan
Se dovesse fare una presentazione del suo progetto e della sua collezione come la descriverebbe e come la presenterebbe?Il progetto Futurismo si basa sull’innovazione: tradotta nella ricerca e creazione di tessuti, nello studio delle strutture e dei modelli, nei canali di marketing alternativi.Vorrei che la mia prima collezione fosse indossata da donne con una forte personalità, donne di cui esaltare femminilità ed eleganza. Al giorno d’oggi non abbiamo più orari, essere sempre perfette e a proprio agio è diventata una vera sfida, per questo i miei capi devono essere versatili, adatti a tutte le occasioni, privi di accessori per permettere ad ognuna di noi di poter “giocare” con i propri amati oggetti, scarpe, borse, gioielli, magari unici ed originali o piuttosto semplici ricordi di viaggio!Cos'ha di particolare e innovativo il marchio FuturismoFashion?Senza dubbio l’innovazione principale sta nel tessuto, molti mesi di lavoro hanno portato a fondere le doti dei tessuti tecnici utilizzati nello sport con l’eleganza delle stoffe pregiate. I tessuti Futurismo possono essere indossati tutto l’anno perché si adattano alla temperatura corporea, hanno un’altissima traspirabilità, non lasciano aloni, non si stropicciano e sono è facilmente lavabili. Solo un consiglio, eviterei comunque i miei cappotti di cashmere in agosto ;)Dalle foto postate sul suo profilo Twitter si vedono foto di sarte (quindi mostrando l'artigianalità) e in più occasioni tocca il tema Made in Italy, ecco, lei cosa ne pensa di ciò? Quali crede siano i pro e i contro del Made in Italy?Il Made in Italy è sinonimo di qualità, e mi riferisco ad ogni aspetto del mio progetto. Ad esempio prima di scegliere le aziende italiane per i tessuti ho effettuato molte ricerche all’estero,  la scelta non è stata ideologica ma piuttosto condizionata dalle evidenti differenze nelle tinture, nella tonicità dei materiali e nella disponibilità a collaborare con un’emergente. Alla faccia che da noi non si inventa più nulla, di aziende virtuose ce ne sono eccome, i problemi stanno altrove. Intendo dire che è ovvio che la scelta della qualità porterà nel mio caso ad una produzione limitata per un prodotto di valore non adatto a tutte le tasche. Credo però fermamente che la crisi vada combattuta dando lavoro alle tante professionalità presenti nel nostro paese, sarti esperti “abbandonati” dai brand più famosi, modelle italiane bellissime e cariche di personalità, programmatori giovani e attenti ai nuovi canali di comunicazione.L’unione in questo caso fa davvero la forza, per questo sono orgogliosa del team che si è venuto a creare: giovane, vincente e pieno di entusiasmo!
Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan

Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan

Interview - Designer: Futurismo Fashion by Valentina Livan


In altre interviste nel mio blog ad altre stiliste è emerso che il sistema moda Italia è un sistema molto valido per la presenza di grandissimi nomi della moda e molto chiuso ai giovani talenti? Cosa ne pensa a riguardo? Cosa cambierebbe?Questa è la domanda che assilla maggiormente anche me, se me lo richiede tra 6 mesi probabilmente avrò più elementi per rispondere. A settembre presenteremo la prima collezione, abbiamo già individuato numerosi buyers ma dobbiamo attendere le reazioni e soprattutto gli eventuali ordini. Il nostro commerciale ci definisce spesso un marchio “indipendente”, questo principalmente perché usciamo dagli schemi tradizionali…a dire il vero non vogliamo proprio saperne dei soliti schemi!!! L’unica certezza è che non abbiamo stagionalità, in base al successo o meno della prima collezione ne presenteremo una ogni due mesi, 10/15 modelli in varie tonalità, potremmo definirla una flash dietro l’altra…senza una collezione portante. Quali sono i suoi stilisti preferiti, e perché?Mi piace molto acquistare capi di stilisti emergenti, ne amo la freschezza e la possibilità di indossare pezzi unici o quasi. Se poi la sua domanda è riferita soprattutto ai “grandi” nomi, allora scelgo senza dubbio Armani per la pulizia delle linee e Balenciaga per l’approccio con il colore.Tentando di sapere qualche indiscrezione, quali sono i progetti di espansione della sua linea di abbigliamento? Lei inizierà da una linea femminile; pensa di creare in futuro anche una linea d'abbigliamento maschile?Siamo tutti entusiasti ed emozionati ma sappiamo tenere i piedi per terra, anzi, l’idea di un’espansione veloce mi spaventa. Vorrei partire dalla presenza in almeno un negozio delle principali città italiane e poi provare con le capitali europee. Abbiamo qualche contatto anche più in là ma per ora pensiamo a far funzionare le cose a casa nostra!Più che all’abbigliamento maschile penso a quello per bambini, i miei tessuti sono robusti e si macchiano difficilmente…non farei contente tutte le mamme???Grazie della sua disponibilità e in bocca al lupo per la sua attività!!! Grazie mille a lei per l’attenzione che dedica agli emergenti….e ovviamente crepi il lupo!!


§FacebookTwitter Google Plus

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog