Magazine Cultura

“io che amo solo te” di Luca Bianchini

Creato il 03 settembre 2013 da Vivianap @vpicchiarelli

41-KD23JRzL._Ninella ha cinquant’anni e un grande amore, don Mimi, con cui non si è potuta sposare. Ma il destino le fa un regalo inaspettato: sua figlia si fidanza proprio con il figlio dell’uomo che ha sempre sognato, e i due ragazzi decidono di convolare a nozze. Il matrimonio di Chiara e Damiano si trasforma così in un vero e proprio evento per Polignano a Mare, paese bianco e arroccato in uno degli angoli più magici della Puglia. Gli occhi dei 287 invitati non saranno però puntati sugli sposi, ma sui loro genitori. Ninella è la sarta più bella del paese, e da quando è rimasta vedova sta sempre in casa a cucire, cucinare e guardare il mare. In realtà è un vulcano solo temporaneamente spento. Don Mimi, dietro i baffi e i silenzi, nasconde l’inquieto desiderio di riavere quella donna solo per sé. A sorvegliare la situazione c’è sua moglie, la futura suocera di Chiara, che a Polignano chiamano la “First Lady”. E lei a controllare e a gestire una festa di matrimonio preparata da mesi e che tutti vogliono indimenticabile: dal bouquet “semicascante” della sposa al gran buffet di antipasti, dall’assegnazione dei posti alle bomboniere – passando per l’Ave Maria -, nulla è lasciato al caso. Ma è un attimo e la situazione può precipitare nel caos, grazie a un susseguirsi di colpi di scena e a una serie di personaggi esilaranti.

Un romanzetto semplice e lineare, senza pretese, denso di luoghi comuni e di situazioni inverosimili infarcite da personaggi dalla caratterizzazione stereotipata e sopra le righe.

A mio avviso, il romanzo porta con sé il senso della disfatta, del treno ormai passato su cui non siamo riusciti a salire, o forse su cui non abbiamo voluto salire. Emblematica la scena finale del desiderato amplesso tra Ninella e Don Mimì, un incontro amaro che sa di tempo ormai scaduto.

Di sicuro, Bianchini scrive in maniera impeccabile e descrive in modo fotografico, il che contribuisce a rendere la lettura piacevole e scorrevole.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :