Magazine Cucina

Io cucino perché: racconti di vita di Aimo Moroni

Da Tery @Tery_PeP
Questo non è un post smielato o polemico in cui voglio dire cosa mi dà cucinare o spiegare alle aziende che non cucino per loro o cose di questo tipo. "Io cucino perchè" è un capitolo magico in cui Aimo, tramite la penna di Paolo Marchi, racconta la sua vita, la sua esperienza e il motivo per cui cucina.

Io cucino perché: racconti di vita di Aimo Moroni

Solo per lasciarvi un pensiero :-)

Questo capitolo è inserito in un libro di racconti legati al cibo, "Storie di Cibo. Racconti di vita", in cui 10 storie raccontano il cibo attraverso le proprie esperienze. Ogni capitolo è una storia a sé, ogni esperienza vede il cibo come una parte importante della propria cultura.
Il libro fa parte di una collana realizzata per volontà di Expo Milano 2015 e da La Triennale di Milano, nel desiderio di dare risalto a una parte fondamentale della nostra vita, il cibo, elemento senza il quale non ci sarebbe vita.
Lunedì sera, nel suggestivo contesto del chiostro del Piccolo Teatro di Via Rovello, una di queste 10 storie è stata narrata dando vita a un momento speciale: la storia di Aimo Moroni.
La suadente voce di Tommaso Minniti dava forma alla vita di Aimo, tramite le parole scritte per mano di Paolo Marchi, portandoci con la forza della sua voce in un'altra dimensione.
Aimo e Nadia, insieme a Paolo Marchi, hanno arricchito i racconti. Non solo di nozioni sulla loro vita, ma di emozione, di commozione al pensiero del proprio passato e della guerra, di consensi che seguivano la voce del narratore.
Alessandro Negrini, chef destinato a prendere le redini de Il luogo di Aimo e Nadia insieme a Fabio Pisani, ha arricchito il racconto con i profumi di uno splendido piatto di Spaghetti, cipollotto e peperoncino, un piatto che Aimo ha creato nel 1965.
Il profumo di soffritto ha stuzzicato il palato del pubblico, ma ha fatto anche viaggiare nella cucina di Aimo e Nadia, mentre Aimo spiegava la storia che c'era dietro questo piatto. Mentre poi la Zuppa Etrusca - "Non chiamatela ribollita" - ha colmato il desiderio del pubblico di godere di un sapore speciale.
Aimo ha raccontato come è arrivato a Milano, durante la guerra, di quando vendeva le caldarroste d'inverno e il gelato d'estate, di come ha rischiato multe salate per acquistare prodotti di prima qualità per non doverci rinunciare mai. Ha raccontato dell'arrivo nel suo primo ristorante e di quando è arrivato in Via Montecuccoli, dove si trova ancora attualmente.
Ha raccontato la sua vita per far capire al pubblico la sua cucina.  La cucina di Aimo è storia, è cultura. E' rappresentazione dei tempi andati e dei piatti poveri della sua vita, piatti in grado di dare tanto.
Può uno spaghetto con il cipollotto emozionare? Assolutamente sì.
Sentire Aimo parlare della sua vita ha fatto rinascere in me la voglia e la nostalgia dei miei nonni.
E' tornata in me la voglia di ascoltare quei racconti che mi sono persa, quelli mai ascoltati perché sono la piccola di casa. Di tutte quelle polpette al sugo che ho mangiato troppe poche volte per essere sufficienti a non averne voglia ancora e ancora. Come Aimo non si stancherà mai del suo pane e pomodoro.
Non credo che mai sentirò la mancanza di caviale e champagne, ma delle polpette al sugo della nonna e del pane di casa con il pomodoro schiacciato dentro, certamente sì.
Aimo è stato bravissimo nel far capire l'importanza di quei valori che io ho descritto in 2 righe e a tradurlo in alta cucina.
Cosa sarebbero le polpette al sugo della nonna, tradotte nel linguaggio di Aimo?

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Io e Te

    Andiamo al Cinema.Sono passati nove anni dal suo ultimo film. Dopo il controverso The Dreamers, Bertolucci torna nelle sale con il drammatico Io e Te tratto... Leggere il seguito

    Da  In Central Perk
    CINEMA, CUCINA
  • io spaccio!

    spaccio!

    Il mio lievito naturale è pronto per viaggiare...Ieri, Domenica 12 Febbraio, primo "spaccio" della pasta madre. La pratica di distibuzione della pasta madre è... Leggere il seguito

    Da  Lunatenera
    CUCINA, RICETTE
  • Arista in crosta di pane alle erbe di Anna Moroni.

    Arista crosta pane alle erbe Anna Moroni.

    Questo arrosto è stato per me una vera sorpresa. Il mio forte come avrete visto sono i dolci ma aimè non si può vivere solo di quelli. Leggere il seguito

    Da  Fariapa
    CUCINA, RICETTE
  • Torrone al cioccolato di Anna Moroni .

    Torrone cioccolato Anna Moroni

    Era da un po di tempo che avrei voluto provare a fare il torrone home made... mi sembrava un impresa così ostica che ero già demoralizzata prima ancora di... Leggere il seguito

    Da  Fariapa
    CUCINA, RICETTE
  • Torta di verdure di Anna Moroni.

    Torta verdure Anna Moroni.

    Questa torta di verdure è molto gustosa può essere gustata fredda e calda è l'ideale per le prossime feste natalizie o anche solo per un incontro tra amici. Leggere il seguito

    Da  Fariapa
    CUCINA, RICETTE
  • Io, NeoNarciso

    NeoNarciso

    Quando bello non basta.Scritto da Luca Bartoli per Numéro Beauté – aprile 2007 La nuova vanità al maschile. Verso la fine dell’ottocento Havelock Ellis, medico ... Leggere il seguito

    Da  Copywriter
    INTERNET, MARKETING E PUBBLICITÀ
  • tutto io

    Il mio istinto sarebbe quello di coprirmi le orecchie a intermittenza e lasciar defluire il tuo fiume di inutilità cantando una canzoncina come fanno gli... Leggere il seguito

    Da  Plus1gmt
    SOCIETÀ