Magazine Società

Io la mia terra la difendo

Creato il 02 febbraio 2011 da Liscadpesce

Io la mia terra la difendo

Capita alcune volte che scrivere sia proprio difficile;
Trovare le parole giuste per raccontare Giuseppe Gatì si sta dimostrando un compito complicato…
Perchè Giuseppe Gatì era un ragazzo davvero speciale, un ragazzo che avrebbe potuto dare tantissimo a quella che lui con affetto definiva la “sua terra”, la Sicilia. Quella Sicilia per la quale aveva deciso di rimanere a combattere, nonostante avrebbe potuto ambire traguardi ben più importanti di quelli per cui aveva deciso di lottare  grazie alle  sue indubbie capacità. Giuseppe Gatì aveva 22 anni quando in una fredda mattina di Gennaio fu folgorato a morte mentre, come sempre, si occupava delle mansioni che il suo umile lavoro richiedeva.
E ci tengo a sottolineare: umile lavoro!
Perchè questa sua capacità di adattarsi, o forse sarebbe meglio dire “di sacrificarsi”, è la caratteristica di lui che più mi ha colpito…
Molti lo ricordano per il coraggio dimostrato nell’ormai famosa contestazione a Vittorio Sgarbi, con la quale aveva voluto difendere Gian Carlo Caselli e gli uomini del Pool Antimafia.
Certo il suo è stato un gesto importante, non tanto per il reale valore che ebbe (sappiamo bene che Sgarbi non è certo la persona più amata del paese) quanto per il significato morale e culturale che un’azione del genere comportava: la ribellione dei giovani Siciliani, di quei ragazzi stufi di sopportare passivamente tutto il marcio che  vedevano crescere intorno a sè, e vogliosi di darsi da fare in prima persona per cambiare le cose… 
Solo in pochi però hanno evidenziato la sua voglia di sacrificarsi.
Giuseppe era senza dubbio un ragazzo intelligente, brillante. Con la sua testa ed il suo carattere avrebbe potuto arrivare davvero lontano. Ma al suo futuro preferì anteporre l’amore per la sua terra, la voglia di non cedere alla tentazione di scegliere la via più facile e fuggire, ma di restare e combattere pur dovendo adattarsi ad uno stile di vita che certamente, viste le sue doti, gli stava stretto.

Giovani come lui, purtroppo, sono più unici che rari.
Il suo ricordo ci dà la forza di provare a fare del nostro meglio per portare avanti le sue idee…

Dal suo blog: La mia terra la difendo

Chi sono

Giuseppe Gati’ Savio, nato ad Agrigento il 18 /10/1986, residente a Campobello di Licata (AG), cittadino libero.

Ho voluto specificare il mio “status”, per combattere il servilismo che ogni giorno di piu’ avvolge il nostro Paese.

Ho scelto di rimanere in Sicilia, di non andare via anche se vivere qui è duro, durissimo.

La Sicilia non è bella, è bellissima, ed io voglio lottare per far si che questa vituperata terra possa rinascere.

Cerco di fare cio’, portando dentro di me il ricordo di gente comeFalcone, Borsellino, Pio La Torre, Peppino Impastato, Pippo Fava, Beppe Alfano….e  tutti coloro hanno dato la vita per ridare dignita’ alla Sicilia e ai Siciliani


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • E che, so' Pasquale io?

    Ospite di Gad Lernerd, Luciano Gaucci fa la parte di quello che non vede non sente non sa.Io latitante a Santo Domingo? Mi reco spesso a Santo Domingo per un... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Io c’ero

    c’ero

    La convergenza planetaria favorevole agli idoli continua in questo autunno 2010 ricco di palpitazioni, e anche questa volta la pioggia scrosciante battezza gli... Leggere il seguito

    Da  Elenatorresani
    CULTURA, EVENTI, SOCIETÀ
  • Io non volevo parlarne ma....

    volevo parlarne ma....

    E va bene! Visto che TUTTI ne parlano, non sono riuscito a trattenermi.Ho appena spedito alla Newsletter dei miei SOSTENITORI ATTIVI un'analisi-oroscopo sulle... Leggere il seguito

    Da  Beatotrader
    ECONOMIA, SOCIETÀ
  • Io ho votato Vincenzo D’Arienzo

    votato Vincenzo D’Arienzo

    Venerdì scorso si è svolto il congresso del Circolo E. Biagi di Verona al quale sono iscritto ed ho votato a favore della candidatura di Vincenzo D’Arienzo a... Leggere il seguito

    Da  Leone_antonino
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • caro sistema, Non io

    Non io pornografia sugli scazzi in famiglia, non io feste B. sessuali, non io governo tecnico per banditi sanguisuga, non io alessia marcuzzi fuori di seno al... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    ATTUALITÀ, SOCIETÀ
  • Piero, io vorrei che tu, Luigi ed io...

    Piero, vorrei Luigi io...

    Stamattina sono stato a ri-trovare Piero. Era tempo che non lo facevo, da quando v'erano i ponteggi per il restauro degli affreschi (lì si che lo potevi vedere... Leggere il seguito

    Da  Lucas
    CULTURA, SOCIETÀ
  • No-io-sooooo!

    No-io-sooooo!

    L'Italia è un paese noioso.Prevedibile, scontato, stupido e inutilmente infervorato, come se potesse cambiare da un momento all'altro se ci si indigna per le... Leggere il seguito

    Da  Tanci86
    SOCIETÀ