Magazine Pari Opportunità

IO NON CI STO: una lettera aperta per dire basta al voyeurismo mediatico sui corpi delle donne

Da Marypinagiuliaalessiafabiana

IO NON CI STO: una lettera aperta per dire basta al voyeurismo mediatico sui corpi delle donne

Da Vita da streghe

Dove finisce il corretto dovere di cronaca sulle vicende di chi ci dovrebbe rappresentare politicamente e dove comincia il perverso gioco al solletico del voyeurismo del pubblico?

Vita da streghe insieme con Donne Pensanti, Un Altro Genere di Comunicazione ed Una nuova Era, ha scritto una lettera aperta ai mezzi di informazione italiani per dire basta al voyeurismo mediatico sui corpi delle donne, praticato da sempre ed intensificatosi senza misura in seguito ai recenti scandali politici.

Chiunque può firmare la lettera, che verrà inviata a numerose testate, sia aderendo all’evento su Facebook che inserendo il proprio nome, cognome e città (o sito web) a commento della lettera postata su Donne Pensanti.


Ecco di seguito il testo della lettera:

IO NON CI STO: basta con il voyeurismo mediatico sui corpi delle donne
Lettera aperta ai mezzi di informazione italiani

“Siamo stanche e siamo indignate.

Non solo siamo state offese dai recenti comportamenti dei politici nei nostri confronti, ma anche e soprattutto dall’atteggiamento ipocrita di molti mezzi di informazione che, anziché limitarsi alla denuncia, hanno ossessivamente diffuso immagini e video soft-pornografici, nell’ennesima profusione gratuita di corpi di donne svestite in pasto agli sguardi di tutti.

Ci e vi chiediamo: dove finisce il corretto dovere di cronaca sulle vicende di chi ci dovrebbe rappresentare politicamente e dove comincia il perverso gioco al solletico del voyeurismo del pubblico?

Se non iniziamo a comprendere che è, in primis, attraverso i media che si perpetra la subcultura pruriginosa e sessista che da tempo ci ammorba (siamo al 74° posto per le pari opportunità nel mondo e definirci anche solo civili da questo punto di vista sta diventando un problema), in questo Paese non cambierà mai nulla. Muteranno le facce, ma non la sostanza.

Vi chiediamo di smetterla di sfruttare il corpo delle donne in modo così massiccio e gratuito e vi chiediamo coerenza. Non è mercificando o approfittando dello squallore che lo si potrà combattere, poiché questo è il modo migliore per riprodurlo all’infinito.

Siamo stanche e siamo indignate. Di chi con una mano denuncia e difende i nostri diritti e con l’altra usa il nostro corpo svestito come specchietto per le allodole per attirare il suo pubblico”.

Lettera promossa dalla campagna IO NON CI STO agli stereotipi*

Se anche tu, donna o uomo, condividi queste parole puoi : * firmare la lettera aperta con nome, cognome e città (oppure blog/sito) nei commenti a questo post * non comprare testate o guardare programmi che sfruttano il voyeurismo del corpo delle donne * scrivere alle redazioni ogni qual volta noti un servizio dove il corpo delle donne viene usato in modo gratuito, manifestando il tuo dissenso.

Ti chiediamo inoltre di diffondere questo testo, passando parola. La lettera verrà inviata al maggior numero possibile di testate.

IO NON CI STO: una lettera aperta per dire basta al voyeurismo mediatico sui corpi delle donne

*IO NON CI STO agli stereotipi è una campagna promossa da Giorgia Vezzoli – Vita da streghe, Francesca Sanzo – Associazione Donne Pensanti, Maria Grazia Verderame – Un altro genere di comunicazione e Lorenza Garbolino – Una nuova era.
Lanciata con un’iniziativa di protesta nei confronti del programma tv La pupa e il secchione, la campagna si propone di abbattere le gabbie degli stereotipi di genere presenti sui media per favorire la diffusione di una cultura e di una mentalità paritaria. Manifesto della campagna è un testo poetico che reclama la dignità della donna sui media e che chiunque può diffondere all’interno dei propri blog, siti o nelle inizia tive a favore delle donne.

Firma la lettera aperta: http://www.donnepensanti.net/2010/11/io-non-ci-sto-basta-con-il-voyeurismo-mediatico-sui-corpi-delle-donne-firma-e-passaparola/
Diffondi l’evento su facebook:http://www.facebook.com/#!/event.php?eid=166649126690336
Contattaci: [email protected]



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • “Io non ci sto !”.

    foto da riotclitshave Ricevo per mail e condivido (anche lo sdegno) : “”Inizio citando Nerina Garofalo “Quest’otto marzo siamo ancora qui piene di ferite” e le... Leggere il seguito

    Da  Suddegenere
    PARI OPPORTUNITÀ, PER LEI
  • Io in:"Ci vorrebbe l'amico..."

    Dovrebbe farsi trovare davanti a casa mia per le otto e mezza precise,ora in cui ho già condotto il grande a scuola ed il piccolo dai nonni,corredato del mio... Leggere il seguito

    Da  Silvia
    DIARIO PERSONALE, PER LEI
  • Non ci credo!

    credo!

    e invece è verissimo. Voi riuscite a credere che questi fantastici coloratissimi bouquet sono fatti con la tecnica di origami?nooo dai..il talento non ha mai... Leggere il seguito

    Da  Magnoliawp
    LIFESTYLE, PER LEI
  • Quasi non ci credo

    Qui in Andalucia é diverso, non c'è che dire. Giá l'avevo notato quando ci abbiamo vissuto nel 2008, ma quest'anno, dopo l'anno "sabbatico" di nuovo a... Leggere il seguito

    Da  Selena
    ITALIANI NEL MONDO, PER LEI
  • Com'è cominciata io non saprei

    Com'è cominciata saprei

    Sono sempre stata una molto diffidente e tutt’ora lo sono e con tanti pregiudizi. Oggi dico che avevo i “paraocchi”, che guardavo solo ciò che volevo guardare... Leggere il seguito

    Da  Carrie
    PER LEI
  • io non parlo da sola

    parlo sola

    cerco immagini sulle pieghe del lenzuolo, mentre penso, che non ho più paura di stare sola. la televisione è sempre spenta, questo lo sto pensando a voce alta.... Leggere il seguito

    Da  Carosella
    PER LEI
  • Cosmoprof 2011…quest’anno ci sarò anche io! ^_^

    Come molte di voi sapranno,oggi è iniziato il tanto atteso Cosmoprof di Bologna.Le date sono 18-21 marzo…e quest’anno ci sarò anche io! yeah! Sarò al cosmoprof... Leggere il seguito

    Da  Titty
    BELLEZZA, PER LEI