Magazine Cultura

Jim Morrison è vivo!

Creato il 02 febbraio 2011 da Iannozzigiuseppe @iannozzi

a cura di Giuseppe Iannozzi

Jim Morrison è vivo!
Jim Morrison non è morto allora?
Il frontman dei Doors, stando ad alcune indiscrezioni, non sarebbe affatto morto e oggi vivrebbe alle Seychelles.

Si fa fatica ad accettare che Morrison sia realmente morto, così di tanto in tanto ci si inventa lo spettro in carne e ossa del Re Lucertola vangante per chissà quali esotici e romantici spazi.
Morrison avrebbe simulato la sua morte nel 1971 e oggi vivrebbe in incognito alle Seychelles: lo ha rivelato Ray Manzarek, ex tastierista del gruppo rock statunitense, al tabloid britannico «Daily Mail».
Trentasette anni fa il leggendario cantante è stato trovato morto nella vasca da bagno del suo appartamento a Parigi. Le speculazioni su un’eventuale montatura non si sono mai fermate: ufficialmente è morto per collasso cardiaco, ufficiosamente per un’overdose di eroina. Manzarek non la pensa così e ha raccontato la sua teoria al quotidiano britannico: «Jim era un’anima inquieta, era sempre in cerca di qualcosa di diverso nella vita, e anche sei anni di successo e di eccessi con i Doors non erano abbastanza per lui». Un anno prima di morire, Morrison mostrò ai suoi compagni una brochure delle Seychelles e disse: «Non sarebbe un luogo perfetto per fuggire, mentre tutti pensano che sei morto?». Al tempo Manzarek non ci diede molto peso. Quando apprese della morte di Jim si trovava in California. Non prese sul serio la telefonata del manager Bill Siddons, allora come oggi: «La mia prima reazione fu che la morte di Jim era solo un’altra chiacchiera da Rock’n’Roll». Siddons fu spedito a Parigi per scoprire la verità. Troppo tardi, però, perchè Morrison era già stato sepolto da quattro giorni al cimitero parigino di Pere Lachaise. Nessuno ha mai esaminato la salma del cantante di “Light my fire” e “Riders on the Storm”, la bara fu sigillata subito dopo la morte del musicista. «Mi chiedo sempre se la sua morte sia stata una raffinata messa in scena», ha concluso l’ex tastierista.


Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog