Magazine Cinema

John Travolto… Da un insolito destino (1979) di Nero Parenti

Da Close2me

john travoltoPrima delle imbarazzanti commedie giovanilistiche di Moccia e Muccino, dopo i tanto bistrattati musicarelli. Si colloca così l’esordio di Neri Parenti alla regia, che dimostra da subito una sensibilità anomala per la commedia: uno stile caratterizzato da ritmo, senso estetico e soprattutto da una cura della messa in scena innegabilmente innovativa per il periodo.
“Tre ragazze – Gloria, Sonia, Deborah – e tre ragazzi sono soliti recarsi al John’s Fever insieme a Gianni, il cuoco dell’albergo in cui tutti lavorano con compiti diversi. Gianni, timido e provinciale, è innamorato di Ilona, la disc-jockey del locale, ma per nulla al mondo riuscirebbe ad alzare lo sguardo su di lei. L’arrivo all’albergo di John Travolta offre un’idea al sestetto che, notata la somiglianza di Gianni con il ballerino americano, decide di presentarlo al John’s Fever in sua vece”
La figura di Travolta è, come per i protagonisti del film, un pretesto narrativo per dimostrare le forti capacità del giovane (al tempo) regista toscano. Parenti ha già perfettamente chiaro cosa e come vuole girare: un occhio nostalgico che rimanda alla commedia brillante americana ed uno attento alle esigenze comiche del pubblico Italiano; scelta oculata che lo incoronerà negli anni sovrano indiscusso del botteghino. Un ruolo che in sostanza sminuirebbe qualsiasi regista, ma non lui.
John Travolto… contiene già, forse scolasticamente, i tratti riconoscibili di un’idea-cinema specifica e definita, indirizzata ad instillare un briciolo di autorialità alla nuova commedia all’italiana, ormai lontana anni luce dai fasti di maestri come Risi o Monicelli. Se quel cinema è scomparso, meglio quindi generarne una forma che non sia filiazione diretta ma frutto di quello che il Paese stava diventando: paratelevisivo, furbo e drammaticamente superficiale (non è casuale che proprio Parenti subentrerà a Salce nella saga filmica del ragionier Ugo Fantozzi). Degne di note nel cast artistico le presenze delle amazzoni Sonia Viviani (Deborah) ed Ilona Staller, castigata e giovanissima.
Da recuperare e riabilitare, nonostante le musiche che plagiano malamente Staying Alive dei Bee Gees, dirette dal maestro Gianni Mazza.


YouTube Video

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • L'uomo nero

    L'uomo nero

    Sergio Rubini salverà il cinema italiano? Probabilmente No! Ma non perchè a Rubini manchi la bravura e il talento, quanto perchè il nostro è un sistema strano,... Leggere il seguito

    Da  Ludacri87
    CINEMA, CULTURA
  • Dear John

    Dear John

    USA - 2010 di Lasse Hallströmcon Channing Tatum, Amanda Seyfried, Richard JenkinsRelazione, per lo più epistolare (da qui il titolo), tra un militare e la sua... Leggere il seguito

    Da  Ivanbenassi
    CINEMA, CULTURA, FILM DRAMMATICO
  • Feast - John Gulager

    Feast John Gulager

    Il banchetto (trad. feast) messo su da Gulager, che segna il suo esordio, è sanguinoso, divertentissimo e dimostra che un'idea non originalissima, se è scritta ... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA
  • Zardoz - John Boorman (1974)

    (Id.)Visto in DVD.In un futuro lontano una stirpe di umani che han scoperto l'immortalità vive la solita vita fricchettona, kitch e senza scopo dentro dei... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA, FANTASCIENZA
  • Un uomo da marciapiede - John Schlesinger (1969)

    (Midnight cowboy)Visto in VHS.Un redneck di belle speranze (Jon Voight) parte dal Texas alla volta di New York, dove ritiene furbo cominciare la sua carriera... Leggere il seguito

    Da  Lakehurst
    CINEMA, CULTURA
  • Halloween - John Carpenter

    Halloween John Carpenter

    Cosa ti puoi vedere ad halloween se non Halloween di Carpenter? Rivederlo è sempre un piacere, ogni volta scopri particolari nuovi, e nonostante oramai gli... Leggere il seguito

    Da  Frank_manila
    CINEMA, CULTURA, HORROR
  • Direttamente da Philadelphia, l'uragano Uri Caine ha travolto i cuori della...

    Direttamente Philadelphia, l'uragano Caine travolto cuori della platea Teatro Donizetti Bergamo, grazie alla Società Quartetto:

    Appena giunta in teatro, ha cercato Giampaolo Rosa (presidente della Società del Quartetto) per farsi accompagnare fino al camerino di: Uri CaineIn tutta... Leggere il seguito

    Da  Milemary
    CONCERTI, CULTURA, EVENTI