Magazine Politica

KIRGHIZISTAN: La base di Manas tra russi ed americani, un punto della situazione

Creato il 29 agosto 2012 da Eastjournal @EaSTJournal

Posted 29 agosto 2012 in Kirghizistan, Slider with 0 Comments
di Giovanni Bensi

Afghanistan Manas Air Base Bishkek Kyrgyzstan Full 600

# PARTE SECONDA: Kirghizistan

In Asia Centrale gli americani, in sostanza, hanno una base militare, più esattamente il Centro di transito (Transit Center) delle Forze armate USA, situato sull’area dell’aeroporto internazionale “Manas” presso Bishkek, in Kirghizistan. Il Pentagono si serve di questa “facility” a partire dal 2001, però nel marzo di quest’anno il segretario del Consiglio di difesa del Kirghizistan, Busurmankul Tabaldiev, durante un incontro con il capo del Pentagono, Leon Panetta, ha fatto capire che dopo il 2014 non vi dovranno essere militari americani sul territorio della repubblica. Questa dichiarazione era stata preceduta da una campagna pubblica, iniziata dalle autorità, per la chiusura della base, fino al punto che sui media kirghizi erano comparse incitazioni a violenze contro i militari americani e alla depredazione della base.

Gli avvenimenti intorno a “Manas” diedero l’occasione all’ambasciatore USA a Mosca, Michael McFaul per accusare le autorità russe di aver “corrotto” il Kirghizistan al fine di ottenere la liquidazione della base militare NATO. “Il vostro paese ha corrotto il Kirghizistan affinché getti fuori gli americani da Manas”, sostenne l’ambasciatore. A quanto disse il diplomatico, anche gli USA, da parte loro, avevano proposto “bribes” a Bishkek, ma il loro importo era “almeno dieci volte inferiore” a quelle lasciate intravvedere dai russi A che cosa si riferisse McFaul col termine “bribe” (“bustarella”) non è molto comprensibile, ma attualmente i kirghizi ricevono dagli americani per “Manas” 150 milioni di dollari all’anno e quindi, secondo la logica dell’ambasciatore, la Russia sarebbe pronta a proporre per la cacciata degli americani ben un miliardo e mezzo di dollari!

Comunque sia, nonostante tutte le dichiarazioni del governo kirghiso, gli americani non hanno ragione di mettere una croce sulle loro prospettive in questa repubblica. I dirigenti di Bishkek, più che in qualsiasi altro posto, sono facili a cambiare il loro atteggiamento verso i militari stranieri: solo nell’anno in corso il presidente del Kirghizistan, Almaz Atambayev, ha fatto alcune dichiarazioni contraddittorie a proposito degli obiettivi militari russi nella repubblica. Ogni tanto ha preteso la loro completa chiusura, a volte si è lamentato per l’affitto troppo basso, per poi rimangiarsi le sue stesse parole. Alla fine i dirigenti di Bishkek hanno deciso di aumentare ai russi l’affitto per l’utilizzo della base di Karakol (adibita ai test militari subacquei), del centro di comunicazioni militari a Kara-Balt e del laboratorio radiosismico di Mayly-Suu. Attualmente per queste installazioni la Russia deve sborsare 4,5 milioni di dollari all’anno. Perciò nel caso che sorgano delle difficoltà con i pagamenti, i kirghizi possono sempre tornare al prolungamento dell’accordo per “Manas” con gli americani. Se questi, naturalmente, a loro volta non troveranno qualcosa di più interessante.

  • Condividi:

Tags: base americana, corruzione, Giovanni Bensi, Kirghizistan, Leon Panetta, Manas, Miglior offerente, Nato, ritiro soldati Afghanistan, Russia Categories: Kirghizistan, Slider


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La barba. La canna. E la zeppa.

    Uhuhuh. Mi sbagliavo. E’ spuntato un nuovo protagonista sociale, in Egitto. Sociale e politico. La classe medio-alta. Quella che porta le zeppe. Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • La paura

    I giochi cominciano a farsi duri. Il sistema di potere unionista, come lo ha definito il suo presidente Ego Perron, ha paura. Questa maggioranza trema per il... Leggere il seguito

    Da  Patuasia
    INFORMAZIONE REGIONALE, SOCIETÀ
  • La guzzettaredda

    guzzettaredda

    di Nino Fois. Da poggu era passadda la gherra e la genti era ancora aggranfadda da l’ugni iffidiaddi di la fammi. Ca n’abìa cubbiddu un beddu poggu, ca... Leggere il seguito

    Da  Rosebudgiornalismo
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • La luna

    luna

    Quando la sera tinge d’inchiostro le pareti del cielo e le stelle, coriandoli di luce, pungolano il suo nero manto …alta la luna regna, sovrana indiscussa... Leggere il seguito

    Da  Parolesemplici
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La gradisca

    gradisca

    Il viaggio dell’Enterprise grazie al progetto Sapori Reclusi, ogni settimana si presenta sempre più interessante e costruttivo. Leggere il seguito

    Da  Saporireclusi
    CUCINA
  • La Bohème

    Bohème

    La terza puntata della Bohèmeuna puntata speciale con la famosa aria "...che gelida manina"!Rodolfo (sfiduciato) Non sono in vena. (Si bussa timidamente... Leggere il seguito

    Da  Italiabenetti
    ITALIA
  • La Pavlova

    Pavlova

    Il nome ricorda la Russia, ma si tratta di un dolce tipico della cucina australiana. A spiegare questa strana incongruenza c’è un curioso perché. Leggere il seguito

    Da  Redazione
    ASIA, CUCINA, SAPORI DEL MONDO, VIAGGI