Magazine Cinema

L'UOMO PUMA (aka The Pumaman)

Creato il 28 gennaio 2011 da Pellicoledallabisso
L'UOMO PUMA (aka The Pumaman)Di Alberto Di Martino, con Walter George Alton, Miguel Angel Fuentes, Donald Pleasance. ITALIA/1980
“Ah! Ho mal di testa! Mi succede sempre quando percepisco un pericolo!”
Come tutti ben sapete gli inca, gli aztechi, i maya e compagnia cantante hanno discendenze aliene. Non lo dico io, ma Alberto Di Martino, regista di questo divertente e allucinato pastrocchio, nato in qualità di “risposta italiana a Superman”. Questa volta non si tratta di un bambino abbandonato da Krypton in un campo di grano, ma bensì di uno stupido paleontologo, Tony, discendente inconsapevole della stirpe extraterrestre degli Aztechi (giunti come si vede nel prologo, a bordo di un lampadario arancione).
Inconsapevole fino all'arrivo di Vadinho, un gigantesco cileno con una faccia a metà tra Frankenstein e Ivan Zamorano, sacerdote degli dei che dopo varie insistenze farà indossare al suddetto paleontologo una cintura magica capace di trasformarlo nell'Uomo Puma. Il nostro “supereroe” avrà il compito di fermare il folle criminale Kobras (l'onnipresente Donald Pleasance), che ordisce un piano politco-internazionale per diventare il capo del mondo. Lo fa con: a)una tuta nera di pelle, b)con una antica maschera d'oro azteca con cui è capace di controllare le menti e che racchiude un'incredibile tecnologia, c)con delle facce di gomma delle persone controllate, attaccate ad un macchinario pseudo-elettrico d)con l'aiuto di una paleontologa bionda, doppiata con la voce e con l'accento finto-olandese più insopportabile della terra e che ovviamente poi si innamorerà dell'Uomo Puma.
Oltre all'assunto ridicolo e inconsistente, il film ha una struttura previdibile e scontata, passando anche dei momenti di fiacca abbasanza lunghi, ma ci sono alcune perle che risollevano decisamente le sorti di questa pellicola.
Innanzitutto la “divisa” da supereroe dell'Uomo Puma è quanto di più ridicolo visto nella storia: una maglietta nera attillata con sopra una faccia azteca, dei pantaloni di tela marroni e un mantello rosso e nero. E poi ci sono gli effetti speciali...roba che avrebbero fatto morire di vergogna i fratelli Lumiere. Le sequenze di volo sono fatte talmente male che non ci si può credere: l'Uomo Puma viene sovrapposto sullo sfondo in modo così casereccio e approssimativo che non potrete non sganasciarvi dalle risate. Stessa sorte vi accadrà, quando vedrete l'incredibile attraversamento delle pareti e le fantastiche scazzottate in stile Bud Spencer e Terence Hill.
Il meglio però arriva alla fine, con l'inseguimento dell'Uomo Puma all'elicottero in cui sta fuggendo Kobras. Le parole non servono, guardate il video qua sotto e giudicate da soli.
In conclusione si tratta di un discreto film trash abbastanza divertente, dove l'infinita bruttezza degli effetti speciali gioca un ruolo decisivo. Consigliato.
Recensito da: Vidur
VOTI
TRASH: 75/100
Noia: 71/100
Ridicolaggine degli effetti speciali: 98/100
Presunzione della regia: 82/100
Incompetenza degli attori: 51/100


SE TI PIACE GUARDA ANCHE: Superman e tutti i film con delle leggende azteche, inca, maya che implicano gli dei animali, cioè quasi tutti.
La fantastica sequenza dell'elicottero

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Un uomo contro

    uomo contro

    Voglio dedicare anch'io una riflessione a Liu, il dissidente cinese a cui è stato dato il Premio Nobel.Ho scritto queste righe durante il mio ultimo viaggio in... Leggere il seguito

    Da  Barbini
    ATTUALITÀ, CULTURA, SOCIETÀ
  • 47. Un uomo libero

    uomo libero

    da qui - Signor Leopoldo! Lui è stufo di essere chiamato. Dall’inizio del romanzo è una altalena ininterrotta di speranze e delusioni e la sua tachicardia... Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA
  • corri, uomo...

    corri, uomo...

    «Ogni volta che passava in macchina per Yorkville, Rosenbaum si arrabbiava, per principio. La zona della 86a Est era l'ultima roccaforte dei mangiacrauti di... Leggere il seguito

    Da  Omar
    CULTURA
  • Un uomo un'avventura

    uomo un'avventura

    "Una serie di volumi cartonati che è andata piuttosto male, pur potendo contare su nomi importanti come quelli di Pratt, Battaglia, Toppi, Crepax e Micheluzzi.... Leggere il seguito

    Da  Chemako
    CULTURA, FUMETTI, LIBRI
  • Pitti Uomo – Moda e magia

    Pitti Uomo Moda magia

    Pitti finalmente ha ceduto. Erano anni che aspettavo l’apertura di un varco negli eventi legati a questa manifestazione in cui, tra vernissage, disco dance,... Leggere il seguito

    Da  Mentalista Darus
    CULTURA, PALCOSCENICO
  • Recensione: "Il cerchio si è chiuso" di Loredana La Puma

    Recensione: cerchio chiuso" Loredana Puma

    Carissimi lettori, oggi vi consiglio un libro che mi è entrato davvero nel cuore! Si tratta del primo capitolo della Trilogia dell'Averon, una saga real... Leggere il seguito

    Da  Alessandraz
    CULTURA, LIBRI
  • Se questo è un uomo

    questo uomo

    Nell’ anniversario della giornata della memoria dal profondo del cuore sento di evitare ( per rispetto alle vittime della Shoa) frasi gonfie e traboccanti di... Leggere il seguito

    Da  Angel
    CULTURA