Magazine Cultura

L’ Usuraio di Alessio Di Viccaro

Creato il 13 ottobre 2011 da Nictrecinque42 @LositoNicola

 

clip_image001

 

Aveva speso parte della propria esistenza nel costruirsi una fortuna.

Sempre nell’ombra e sempre pronto a mercanteggiare.

Anche con la sua cattiva coscienza.

Un Usuraio che non si rendeva conto dell’inutilità del proprio operato e del male causato a tante, troppe, persone.

Il lungo inverno aveva tirato le cuoia e nell’aria i primi sentori del risveglio primaverile.

Nel cielo celeste, un gorgheggiare continuo di canti d’amore.

Nel ruscello, alimentato dal disgelo delle nevi, guizzi argentati dei muti pesciolini d’acqua dolce.

Nell’Ospizio, i pazienti ammalati e ancora in vita.

Si narra che Qualcuno restò folgorato sulla via di Damasco e si narra anche che Qualcuno si sia pentito dei propri peccati.

Non folgorato, né pentito, il nostro rapace Usuraio giaceva in un cantuccio, aspettando che il cancro, diagnosticatogli, facesse il proprio dovere.

Già! Il proprio dovere.

Si era dato la pena di nascere e imparò presto che era duro vivere in una società egoista e piena di falsi sorrisi.

Imparò a dominare le proprie passioni e imparò anche a trarre vantaggi dalle disgrazie altrui.

Vendeva moneta ed era esoso.

In tanti s’erano arricchiti, comprando il suo danaro e facendo ottimi affari.

Tanti altri, meno fortunati, si erano rovinati per restituire interessi e capitale.

Così vanno le cose della vita e così l’Usuraio si arricchiva.

I prestiti gli erano sempre stati richiesti e mai, Lui, li aveva offerti.

In quel cantuccio rifletteva sugli epiteti di cui lo avevano gratificato.

Licantropo, Vampiro, Succhia-sangue, Avvoltoio, Serpente, Cancro…

Nessuna illusione.

Adesso, il cancro era il suo capitale e quei dolori lancinanti erano i suoi interessi.

A volte, verrebbe da pensare, la Giustizia Divina centra il bersaglio.



Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Dossier Paperblog

Magazines