Magazine Opinioni

La balada del Genesio

Da Loredana V. @lorysmart

E la “Balada del Genesio” è il bilancio della vita…

E la “Balada del Genesio” è una sorta di bilancio dell’anno…

Me ciàmi Genèsio e ho faa un pöë de tütt

puèta, spazzèn, astronauta e magütt

ho pirlàa per el muund fino all’ultimo chilometro

innànz e indree cumè el mercurio nel termometro.

Sun naa in söe la löena dumà cun’t i öcc

ho sparaa cuntra el teemp e ho desfàa i urelòcc

ho pregaa mìla voolt senza nà giò in genöcc

ho giraa cun’t el smoking e a pee biùtt piee de piöcc…

M’è tucaa impara’ che la röeda la gira

che ogni taant se stravàcca el büceer de la bìra

tra furtöena e scarogna gh’è una corda che tira  

quaand el diàvul el pica el ciàpa la mira…

Sun staa l’incüdin e quai volta el martèll

ho dato retta al cuore e quai volta a l’üsèll

e nel böcc de la chitàra ho scundüü questa vita

sia i pàgin in rùss che quii scrivüü a matita…

El curtèll in una man e nell’oltra un màzz de fiuu

perchè l’amuur e la moort i henn sempru lè scundüü

ogni dè nàvi via cun un basèn o una pesciàda

cul destèn de dree di spàll per mulàmm ‘na bastunàda…

E de ogni mia dona se regòrdi el surìis

anca se cun nissöena sun rüvaa ai benìis

tanti donn che in sacòcia gh’eren scià el paradiis

insèma al rusètt hann lassàa i cicatriis…

Scapàvi e inseguìvi senza mai ciapà fiaa

curiàndul nel veent… fiuu senza praa

una trottùla mata sempru in giir senza sosta

un boomerang ciùcch senza mài una risposta…

Zìngher e sciuur sempru söel mè binàri

suta un’alba e un tramuunt püssèe rùss del Campàri

ma i ricordi i hènn smagg e me spècia el dumàn

el me spècia incazzàa cun scià i buumb a màn.

Sigarètt senza nomm e büceer senza storia

hann faa i ghirigori nella mia strana memoria

tatüagg invisìbil che me càgnen de nòcc

e una vita tiràda cumè un nastru de scotch…

La mia ciciaràda làssa el teemp che la tröeva

vardi el cieel de nuvembra cun la sua löena nöeva

sun el Genèsio e questu l’è tütt…

cun qualsiasi vestii, suta … sun biùtt…

Mi chiamo Genesio e ho fatto un po’ di tutto

poeta, spazzino, astonauta e muratore

ho girato per il mondo fino all’ultimo chilometro

avanti e indietro come il mercurio nel termometro.

Sono andato sulla luna solo con gli occhi

ho sparato contro il tempo e ho disfatto gli orologi

ho pregato mille volte senza andare giù in ginocchio

ho girato con lo smoking e a piedi nudi pieno di pidocchi.

ho dovuto imparare che la ruota gira

che ogni tanto si rovescia il bicchiere della birra

tra fortuna e sfortuna c’è una corda che tira

quando il diavolo picchia prende la mira…

Sono stato l’incudine e qualche volta il martello

ho dato retta al cuore e qualche volta all’uccello

e nel buco della chitarra ho nascosto questa vita

sia le pagine in rosso che quelle scritte e matita…

Il coltello in una mano e nell’altra un mazzo di fiori

perchè l’amore e la morte sono sempre lì nascosti

ogni giorno andavo via con un bacio o una pedata

con il destino dietro alle spalle per mollarmi una bastonata.

E di ogni mia donna mi ricordo il sorriso

anche se con nessuna sono arrivato ai confetti

tante donne che in tasca avevano il paradiso

al rossetto hanno lasciato le cicatrici…

Scappavo e inseguivo senza mai prendere fiato

coriandolo nel vento… e fiore senza prato

una trottola matta sempre in giro senza sosta

un boomerang ubriaco senza mai una risposta…

Zingari e signori sempre sul mio binario

sotto un’alba e un tramonto più rossi del Campari

ma i ricordi sono macchie e mi aspetta il domani

mi aspetta incazzato con lì le bombe a mano.

Sigarette senza nome e bicchieri senza storia

hanno fatto i ghirigori nella mia strana memoria

tatuaggi invisibili che mi mordono di notte

e una vita tirata come un nastro di scotch…

La mia chiacchierata lascia il tempo che trova  

guardo il cielo di novembre con la sua luna nuova

sono il Genesio e questo è tutto…

con qualsiasi vestito, sotto… sono nudo…


Archiviato in:Musica Tagged: Davide Van De Sfroos, La balada del Genesio

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La breccia

    breccia

    C'era una volta, tanti anni fa, un 20 settembre: l'estate si attardava su Roma ed al tramonto su di lei si abbatteva l'unità d'Italia, con i suoi moschetti, i... Leggere il seguito

    Da  Greg Petrelli
    ITALIANI NEL MONDO, OPINIONI, DA CLASSIFICARE
  • La merkaba'

    merkaba'

    Con il termine Merkabà si intende l’essere umano, nel suo aspetto energetico/intelligente, con esclusione della caratteristica materiale. Pertanto l’essere in... Leggere il seguito

    Da  Dariosumer
    CURIOSITÀ, OPINIONI
  • La testa

    testa

    Stasera mi devo preparare la cena.Ci credereste mai? Io, Roberta Frulla, alle prese con cucina e fornelli.Proprio così.È perché ho mal di testa.Un mal di testa... Leggere il seguito

    Da  Tuttavitarobi
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • La confessione

    confessione

    Il Tacito è l’unico treno intercity che collega l’Umbria al nord. L’unico modo per raggiungere Firenze o Bologna in tempi ragionevoli. Ne passa uno al giorno,... Leggere il seguito

    Da  Peolaborghese
    TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • La compassione

    Riverso a terra, scomposte le ossa, i nervi scoperti di una vita fallita. Coperto da un lenzuolo bianco, i sampietrini bagnati a fare da bara. Leggere il seguito

    Da  Chiara Lorenzetti
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • La gru

    In una grande città, all’ultimo piano di un palazzone, viveva un uomo con un cane, un gatto e un pappagallo. Si tenevano compagnia e si cacciavano il malumore... Leggere il seguito

    Da  Paolo Statuti
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La Julia..

    Julia..

    Lei è la mia preferita!L'attrice più bella.. una delle donne più belle al mondo!Sono abbastanza criticona quando si tratta di esprimermi sulla bellezza... Leggere il seguito

    Da  Ka_tie
    DIARIO PERSONALE, TALENTI

Magazines