Magazine Cultura

La bellezza divina che ci salverà

Creato il 24 settembre 2010 da Danielevecchiotti @danivecchiotti

 

Quando tutto va a rotoli, la cosa migliore è confidare negli Dei. E mi riferisco ovviamente a quelli dello Stadio.
Aprire un quotidiano, o un sito web, significa ormai crollare in automatico in un vuoto di senso, e in un trionfo del brutto. Cumuli di spazzatura nelle città, botte da orbi in sala parto, puzza di cloaca che esce fuori da ogni alito della classe dirigente italiana, sia essa politica, economica o culturale.
Ognuno ha i suoi metodi, per rimuovere il turbamento che ci invade l’anima davanti a questi scenari da apocalisse della socialità.
Negli anni ’70, quando esplodevano le bombe, e si sparava come in guerra, e a nascondere gli indirizzi dei mafiosi nel cassetto del comodino era Andreotti, la gente reagiva provando a stare insieme. Si riuniva, cercava obiettivi comuni, inventava ogni giorno una nuova forma di resistenza quotidiana.
Oggi invece ci sono i gruppi su Facebook.
Linki sul tuo profilo il gruppo “Vogliamo un mondo bello e profumato”, clicchi sull’opzione “Mi piace” nel Fan Club di “Amiamoci tutti”, e poi, forte del tuo esserti messo a posto la coscienza in vetrina, torni a fregartene di qualunque cosa stia realmente accadendo fuori.
Io per primo, che tanto sbrodolo anatemi dentro e fuori questo blog, poi non ho nessuna voglia di sbattermi per combattere la solitudine da numeri primi che dilaga come un cancro emotivo. E per salvarmi preferisco rinchiudermi tra me e me, far finta che il mondo stia tutto lì, nel piccolo della mia cappella, e votarmi alle sacre divinità delle chiappe sode.
Così mentre in prima pagina continua la guerra degli escrementi tra Berlusconi e Fini, mentre tutti urlano e le loro facce si contorcono in rabbiose espressioni da mostri affamati, mentre le scuole crollano e ad insegnare la vita compare Noemi Letizia (improvvisamente trasformatasi da diciannovenne in cinquantenne, e da “prenditrice” in “imprenditrice”), mentre insomma l’orrore tracima ed inonda le nostre esistenze sempre meno solide, io sento solo un forte impulso ormonale a guardare verso il futuro, e con i pantaloni gonfi recito un Osanna sulle prime foto del backstage del Calendario Dieux Du Stade 2011.

La bellezza divina che ci salverà
Tenendo gli occhi fissi sui pettorali dei rugbisti più boni e più omoerotici del mondo, mi prostro in un miserere per la mia pochezza umana, e immediatamente sento la mia fede inturgidirsi nella speranza che le omelie vengano ascoltate, e che anch’io possa trovare accoglienza nel regno dell’addominale a tartaruga, ed esser strappato via dalla melma che mi circonda per sprofondare nel fango insieme Denis Dallan.
Sono consolazioni effimere, superficiali e passeggere; me ne rendo conto. Ma, visto che mi si chiede di riporre le mie speranze in un Bocchino, non vedo per quale motivo debba trattarsi di Italo.

 


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La caciotta

    caciotta

    di Gianpiero Caldarella (l’articolo è già apparso qui) Sono belli i pastori. Hanno volti che sembrano resistere al tempo da secoli. Ricordano un passato che... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La rivolta e la rassegnazione

    rivolta rassegnazione

    Eppure in giro non vedo grandi atti di ribellione. La rivolta mi sembra più che altro un argomento invocato da coloro che si annoiano nel tempo che gli resta... Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    SOCIETÀ
  • La citazione, certo, la citazione

    citazione, certo, citazione

    Non ho molto tempo per scrivere a proposito di True Grit dei Coen. L'ho visto solo pochi minuti fa – e di buona norma non si dovrebbe scrivere cosí a ridosso... Leggere il seguito

    Da  Robomana
    CINEMA, CULTURA
  • La classe – la recensione di Sandro

    classe recensione Sandro

    Continuo con piacere a pubblicare le vostre recensioni. Questa volta è ancora Sandro a raccontarci La classe di Laurent Cantet, e vi anticipo che non ne è... Leggere il seguito

    Da  Soloparolesparse
    CINEMA, CULTURA
  • La ragazza con la pistola

    ragazza pistola

    1968, Mario Monicelli.Vincenzo Macaluso non voleva a quella sicca sicca, voleva quella chiù chiatta, ma chilli fitusi di picciotti sbagliarono il ratto, 'sta... Leggere il seguito

    Da  Robydick
    CINEMA, CULTURA
  • La palla

    palla

    La palla rotolada oriente ad occidenterincorsa da piedidi bimbi giocosiche ridono dietro di lei. Chi l'ha inventatasi sarà ispiratoal mondo. Leggi tutto... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La valigia

    valigia

    L’uomo trascina l’enorme valigia con evidente difficoltà. Dev’essere pesantissima, non riesce neppure a sollevarla da terra, la sospinge a fatica. Leggere il seguito

    Da  Fabry2010
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazines