Magazine Società

La cagna, la traditrice, la killer, la fotografa

Creato il 21 novembre 2010 da Speradisole

LA CAGNA, LA TRADITRICE, LA KILLER, LA FOTOGRAFA

In questi giorni abbiamo avuto modo di assistere ad alcune performance delle “signore” che siedono al governo e che dovrebbero rappresentare “il femminile”, quel garbo e quello stile che dovrebbe distinguere una donna, diciamo di “classe”, moderna, efficiente e credibile. Non  si pretende una  Angela Merkel, o  Dilma Rousseff, o San Suu Kyi, sarebbe troppo, ma un po’ di dignità, sì,  ci vorrebbe.

Nel partito PDL, sbattezzato, ormai l’amore non circola più, né, per la verità, è mai  circolato,  le donne si distinguono, in particolare, per modi di fare e per comportamenti assai discutibili.

C’è la killer. Quella che, si dice, che ha le palle. La Santanchè quella che è disposta ad uccidere tutti coloro che non condividono il Partito di Silvio e che trafigge, con la sua violenza, tutti quelli che, nel dibattiti, la pensano diversamente da Silvio.

C’è la cagna. Questo è l’epiteto che la gelida Gelmini, ministro senza merito della “distruzione” dell’istruzione pubblica, ha dato alla collega rosso-carota, Brambilla. A svelare questo poco elegante epiteto, con cui l’ha chiamata la Gelmini, è stata proprio la Brambilla stessa. Ha un merito però questa donna rosso-carota è un’animalista, vuol bene agli animali. Diamogliene atto.

C’è la traditrice. Mara Carfagna che vuole abbandonare Silvio e la sua compagnia, per grossi malintesi con Nicola Cosentino in Campania. Non le piacciono gli insulti, non sopporta le insinuazioni  e non le piacciono le compagnie campane del PDL. Preferisce forse, non è sicuro, il Fli di Fini e soprattutto di Bocchino. Si sono aperte le cateratte, una come lei che per entrare al governo ha fatto di tutto e di più, adesso vuole tradire Silvio. Inaccettabile, incredibile, non si ammette che abbia anche cervello.

C’è la fotografa. La Mussolini, la nipotina del nonno. La gelosia la spinge a fotografare la rivale Carfagna, in un atteggiamento losco: “sta chiacchierando con Bocchino”. Questo fatto, nei tempi moderni del partito delle libertà e dell’amore, non è ammesso. Significa tradire Silvio che, si fa per dire, ha tanto bisogno di sostegno e di compattezza dei suoi adulatori.

Le donne sono use a farsi la lotta tra di loro, negli ambienti di lavoro, nelle compagnie, nelle discoteche ed in politica, ma arriva sempre il giorno che qualcuno le mette al loro posto, in seconda fila, se non in cucina.
Le poche che sono sopravvissute, soprattutto al potere maschilista  in politica, confermano che sono un’eccezione.

 



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La bomba

    Corrado Guerzoni, collaboratore di Aldo Moro,l'aveva chiamata la teoria dei cerchi concentrici:"Non è che l'onorevole X dice ai servizi segreti di andare a... Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Vittima fotografa il killer nell’istante dell’omicidio

    Vittima fotografa killer nell’istante dell’omicidio

    I famigliari in posa, sorridenti e, alle loro spalle, un giovane con la pistola spianata: è l’ultimo scatto di Reynaldo Dagsa, politico filippino, trucidato... Leggere il seguito

    Da  Stefanoperri
    SOCIETÀ
  • La Testata

    Cominci la settimana facendo colazione col tg5. Primo servizio, non è proprio un servizio in effetti. È un messaggio del premier che si difende dal caso Ruby.... Leggere il seguito

    Da  Lalternativa
    SOCIETÀ
  • La Testata

    Lunedì di voto. No, niente urne anticipate. È l’insufficienza data al governo dalla Marcegaglia. La presidente di Confindustria, ospite a Che tempo che fa,... Leggere il seguito

    Da  Lalternativa
    SOCIETÀ
  • La Testata

    Nicole Minetti inizia la settimana interrogata dai pm. Anche se per il Corriere sono state tre ore e per Repubblica due, comunque non saranno state belle ore. Leggere il seguito

    Da  Lalternativa
    SOCIETÀ
  • La Testata

    Un milione di donne riempie le piazze di tutta Italia per urlare al premier: Dimettiti. Ci prova pure Fini, come si fa con i bambini per convincerli a fare i... Leggere il seguito

    Da  Lalternativa
    SOCIETÀ
  • La caciotta

    caciotta

    di Gianpiero Caldarella (l’articolo è già apparso qui) Sono belli i pastori. Hanno volti che sembrano resistere al tempo da secoli. Ricordano un passato che... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ