Magazine Europa

La Costiera Amalfitana: un tuffo tra cielo e mare

Da Viaggieitinerari
Clicca per vedere lo slideshow. Panorama Costiera Amalfitana

Panorama Costiera Amalfitana

L’azzurro infinito del mare che si confonde con il cielo, gli scorci e gli strapiombi, le stradine strette che si abbarbicano su verdi montagne scoscese, le terrazze coltivate ad agrumi, sono lo sfondo perfetto di uno straordinario angolo di Campania: la Costiera Amalfitana!

Dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco dal 1997, ingloba 13 paesini dalla vista mozzafiato, tra i quali: Vietri sul Mare, rinomata per le sue ceramiche artistiche dipinte a mano, Ravello, nota per il suo festival culturale, Maiori e Minori dall’aspetto tipicamente turistico, Furore e il suo famoso fiordo, Amalfi, con la sua storia e la sua arte, e Positano, perla della Costiera.

Percorrendo la strada litoranea SS163 da Salerno verso Positano, si ha l’occasione di attraversare la maggior parte di questi villaggi e di ammirare la spettacolare panoramica che si apre davanti agli occhi.

Superata una torre di avvistamento sulla destra, subito dopo la curva lo sguardo viene rapito dall’incantevole Amalfi.
Di origini romane, fu una delle quattro Repubbliche Marinare che controllava i traffici commerciali e marittimi con l’Oriente.
Dall’affolattissima marina, si accede, attraverso un arco, al centro storico e alla piazza principale dominata dalla scalinata e dall’inconfondibile facciata del Duomo.
Risalente all’anno 1000 circa, la Cattedrale di Sant’Andrea è stata oggetto di numerosi rimaneggiamenti, visibili nei vari stili architettonici: dal romanico al barocco, dal rococò al neomoresco.

Interni del Duomo di Amalfi

Interni del Duomo di Amalfi

L’attuale Duomo è il risultato dell’unione di due basiliche attigue, realizzate in epoche diverse, in una unica a 5 navate. L’interno con rivestimenti in marmo, colonne in granito, soffitto a cassettoni, altari barocchi, è sontuoso.

Amalfi è uno dei centri più noti e più grandi della costa, da cui prende anche il nome, e una passeggiata per le vie del suo borgo antico potrà essere certamente un piacevole momento di relax e svago, tra negozi di souvenir e artigianato locale, vicoli e casette, musei ed edifici storici.

Dai primi del ‘900, Positano è stata scelta come meta di vacanze al mare in Italia soprattutto dagli americani, inglesi e tedeschi, e tutt’oggi è frequentata da stranieri e italiani più facoltosi.
Difatti, il suo fascino d’elite non è alla portata di tutti.

Conosciuta in tutto il mondo per le sue ripide scalinatelle, le sue casette multicolori addossate alla roccia, costruite una sull’altra e una accanto all’altra, Positano ha saputo conservare la sua caratteristica a sviluppo verticale.
Camminare per il paese non è impresa facile, infatti: salite e discese, scale e vicoli strettissimi mettono alla prova la forma fisica e le gambe (se non lo siete, state certi che alla fine della vostra vacanza lo sarete). :-)
Ma questa è anche la particolarità che rende Positano unica ed esclusiva.

La Marina di Positano

La Marina di Positano

E poi ancora boutiques di abiti in stile Moda Positano, negozietti di souvenir, di prodotti gastronomici come il limoncello e la pasta fatta in casa, di artigianato come i sandali in pelle e i vestiti in tessuti naturali, e ristoranti e locali eleganti…
Da visitare senza dubbio il lungomare gremito a tutte le ore del giorno e della notte, la spiaggia di ciottoli antestante detta Marina o Spiaggia Grande, e la Chiesa di Santa Maria Assunta con l’inconfondibile cupola maiolicata. All’interno custodisce l‘icona della Madonna Nera del XIII secolo di chiara ispirazione bizantina.

Dal punto di vista paesaggistico, la Costiera Amalfitana offre panorami di assoluta bellezza che vale la pena di visitare e osservare.

Il “Sentiero degli dei” è un tratto di montagna a 600 mt s.l.m., che parte da Agerola nei pressi del comune di Furore e arriva a Nocelle, sulle colline di Positano.
Il percorso di circa 7 km si snoda lungo un sentiero roccioso e di boschi di lecci, a tratti un pò impervio e con scalinate, che regala emozionanti scorci a picco sul mare blu, fino a perdere lo sguardo nell’orizzonte.

Sentiero degli Dei tra Agerola e Nocelle

Sentiero degli Dei tra Agerola e Nocelle

La fatica del trekking sarà totalmente ripagata dalla suggestione dei paesaggi, dall’aria pulita che si respira in pieno contatto con la natura mediterranea.
Arrivati a Nocelle si può raggiungere Positano scendendo i 1500 gradini fino alla località di Arienzo, dove si trova una bella spiaggia, oppure prendere il bus fino al centro.

Acqua e terra sono i due elementi della Costiera Amalfitana: perciò, dopo l’impegnativo trekking, si potrà godere di una nuova e inconsueta prospettiva con una rilassante gita in barca.
Che sia una visita nelle grotte marine che costellano la costa, o un semplice giro in traghetto da Positano ad Amalfi, il colpo d’occhio che si avrà sarà a dir poco affascinante e suggestivo.

Paesaggio di Positano

Paesaggio di Positano

Uno scenario naturale unico al mondo, che colora i ricordi del blu intenso del mare, del verde lussureggiante della vegetazione mediterranea, dell’acceso fucsia delle bouganvilles e del profumato giallo dei limoni. Ma anche un luogo intriso di storia, arte e cultura…: la divina Costiera Amalfitana.

 

Valeria Dicarlo


Tagged: amalfi, costiera amalfitana, duomo di amalfi, grotte marine costiera amalfitana, moda positano, positano, sentiero degli dei, trekking in costiera amalfitana

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • Costiera Amalfitana, itinerario romantico in 5 tappe

    Costiera Amalfitana, itinerario romantico tappe

    Solo 50 chilometri di strada separano Vietri sul Mare da Positano. Ma che strada! Il Nastro Azzurro (così è soprannominata!) si snoda a picco sul mare lungo il... Leggere il seguito

    Da  Compagnia
    VIAGGI
  • La testa

    testa

    Stasera mi devo preparare la cena.Ci credereste mai? Io, Roberta Frulla, alle prese con cucina e fornelli.Proprio così.È perché ho mal di testa.Un mal di testa... Leggere il seguito

    Da  Tuttavitarobi
    DIARIO PERSONALE, RACCONTI, TALENTI
  • Mamma, non la voglio la Porsche!

    Mamma, voglio Porsche!

    I genitori vorrebbero il meglio per noi, ma quel “meglio” è lo stesso che vogliamo noi? Capita (spesso e in particolare a noi quasi trentenni in crisi... Leggere il seguito

    Da  Golemino
    DIARIO PERSONALE, SOCIETÀ
  • La jena

    jena

    di Marc Downass https://www.facebook.com/marco.sottano/about [email protected] In Africa, dicono, il momento migliore della giornata è al tramonto. Leggere il seguito

    Da  Iyezine
    MUSICA
  • La confessione

    confessione

    Il Tacito è l’unico treno intercity che collega l’Umbria al nord. L’unico modo per raggiungere Firenze o Bologna in tempi ragionevoli. Ne passa uno al giorno,... Leggere il seguito

    Da  Peolaborghese
    TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • La Papessa, l'acqua e la luna

    Papessa, l'acqua luna

    Abbiamo analizzato, nel precedente post sulla Papessa, l'analogia con la dea Iside e gli aspetti della divinazione, nel senso di penetrare gli aspetti... Leggere il seguito

    Da  Dhiirananta
    SPIRITUALITÀ
  • La paura. La solitudine. La mancanza.

    paura. solitudine. mancanza.

    Sono sentimenti che ho vissuto molto fortemente, dopo la nascita di Gabriele.Che vivo tutt'oggi, a giorni alterni.Gli amici, quei pochi, hanno preso strade... Leggere il seguito

    Da  Mammeindifficoltà
    BAMBINI, FAMIGLIA, MATERNITÀ, SCUOLA