Magazine Cucina

La cuoca di Buenaventura Durruti.

Da Birdin
"Natale è alle porte, abbiamo deciso di preparare un po' di frittelle. E' l'ultima volta che cuciniamo, e molte di noi le impastano di lacrime. Domani si parte per una missione di sangue e speranza, stanotte invece, ci sporcheremo le mani di farina, di zucchero, di cannella e d'amore."
Nadjeta, detta Nadine, lascia gli studi di medicina, decide di non seguire la sua famiglia amata che fugge in Francia e da Bilbao va a Barcellona. E' il 1932 e si combatte contro la dittatura. Nadine si arruola nella colonna Durruti e impara a usare le armi. Arrivano gli opuscoli e i documentari clandestini di anarchici e comunisti, il femminismo si fa strada, si discute su idee vecchie e nuove, sui piani di resistenza, sui pro e i contro Durruti, si studiano i nuovi arrivati. Da tutta Europa arrivano per combattere, ma tra di loro anche possibili traditori. Occorre essere attenti. E intanto i miliziani sparano e bombardano e diffondono morte. Guernica è sotto gli occhi del mondo.Nadine si esercita a tirare con la pistola, canta e canta insieme alle compagne canti di resistenza e di gioia e cucina e scrive raccontando giorni di ordinario coraggio e di sconforto, mentre gli avvenimenti calcano la storia, i cuori della gente sempre di più odiano "la peste fascista" , il fronte popolare francese appoggia la rivoluzione, arrivano da ogni parte per combattere, denunciare, documentare.Nadine cucina per tutti le ricette che troviamo nel diario "La cuoca di Buonaventura Durruti. La cucina spagnola al tempo della 'guerra civile'. Ricette e ricordi", suddiviso, come fosse un menu, in entrate, piatti di mezzo e dessert. 
La cuoca di Buenaventura Durruti.
Questo libro non esisterebbe se non fossero stati casualmente ritrovati dei fogli anonimi, manoscritti, in una vecchia libreria anarchica di Zurigo, la Pinkus, in mezzo a documenti sulla guerra civile spagnola. Era il 1970 e si decise di mettere ordine ai fogli e di ricostruire, senza intervenire troppo, i giorni e la storia di Nadjeta e dei suoi compagni. Nella prefazione di Luigi Veronelli leggiamo che le ricette sono state rimaneggiate solo quel poco che serve a renderle realizzabili per tutti.E lo ringraziamo, perchè poterle mettere in pentola è per me l'occasione di andare in un altro luogo e in un tempo diverso, dove esistevano solo coltelli e colini e passaverdura. E pestai, basta. Così immagino che tutto aveva un aspetto diverso e non tradirò Nadine con niente che non si serva altro che della meccanica delle mie mani e delle braccia, di strumenti semplici e ingredienti semplici e di un cuore grande fatto per condividere, prendersi cura, proteggere.
"Siamo andati all'assalto, cantando, tra i fiori e i venti profumati dell'estate, adesso, stiamo assistendo impotenti, alla fine. E' stato tutto un sogno, un sogno antico e necessario a cui non siamo stati in grado di conferire la saggezza dei fatti e l'evidenza della storia, ma molti un giorno, dovranno chinare il capo e vergognarsi per averci abbandonato. Gli addii sono lunghi e tristi, i compagni delle Brigate Internazionali se ne stanno andando alla spicciolata, di malavoglia, ed è un pò come morire."
Ottantasei portate, altrettanti giorni di vita vissuta tra granate e ideali, mai vinti dentro e sempre pronti a brindare alla libertà di essere umani. Quando Barcellona cade, il gruppo si deve dividere e si beve insieme l'ultimo vino che sa di sangue e anarchia. Insieme per l'ultima volta cantano. We few, we happy few, we, band of brothers(Noi pochi, noi pochi e felici, noi, banda di fratelli).  
Grazie a te per avermelo regalato. Saprò farne buon uso.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Tartiflette

    Tartiflette

    Lo so, questo piatto è tutto fuorché estivo… Patate, cipolle, pancetta, panna e formaggio francese… Una vera bomba di calorie e di calore!! Leggere il seguito

    Da  Pixel3v
    CUCINA, RICETTE
  • La prospettiva

    prospettiva

    Non so da voi ma qui da me alla Lidl è iniziato il periodo dei prodotti francesi, potevo non provarli???? Scrivo di enogastronomia e sono sensibile a tutte le... Leggere il seguito

    Da  Lauradv
    CUCINA, RICETTE, SLOW FOOD
  • La pizza

    pizza

    Impossibile resistere ad una buona pizza, mi piace confezionarla in casa, ingredienti naturali, farine di prima scelta, pasta madre, ed ora veg-formaggio... Leggere il seguito

    Da  Chicca66
    CUCINA, RICETTE, VEGETARIANA
  • La caponata

    caponata

    Vorremmo presentarvi un piatto della cucina siciliana... la caponata...quella che vi presentiamo è la versione data dallo chef Alessandro Borghese. Leggere il seguito

    Da  Ely_e_fabi
    CUCINA
  • La Meringata

    Meringata

    Se guardiamo alla voce "meringata" del vocabolario guariniano troviamo: "dolci frammenti di nuvole che attraversando l'atmosfera siderale fanno breccia nel cuor... Leggere il seguito

    Da  Guarino
    CUCINA, RICETTE
  • La genovese

    genovese

    Questa è la ricetta di un ragù in bianco tipico della tradizione campana una preparazione semplicissima è un ottima alternativa al ragù classico magari da... Leggere il seguito

    Da  Cuochine
    CUCINA, RICETTE
  • La crostata

    crostata

    Siamo anime semplici, un po' di sole e scappiamo fuori, annusiamo l'aria che finalmente sa di sole, di viole, di terra. Mani sporche oggi, giardinaggio duro,... Leggere il seguito

    Da  Duearchitettieunacucina
    CUCINA, RICETTE