Magazine Cultura

La domenica delle rose

Creato il 16 novembre 2011 da Faprile @_faprile
mercoledì, 16 novembre 2011 La domenica delle rose

Rose. È un refrain che si tende nella calca mediatica di questi giorni salentini, da quando, pochi giorni fa in quei primissimi scampoli di novembre, il venditore di rose bengalese Ilias Miah è stato picchiato a sangue nella zona di piazzetta Carducci, l’area dell’ex Convitto Palmieri. Così, rose, è un refrain che balbetta in questi giorni di nuovi muri, ferrose alzate di lontananze, cancelli e messa in sicurezza. A far da controcoro s’è registrata l’azione del flash mob antirazzismo del 13 novembre, a Lecce in piazza S. Oronzo, dove un ragazzo, fintosi venditore di rose è stato protagonista della messa in scena in cui, con un altro dei ragazzi coinvolti nell’azione di protesta, è arrivato a ‘picchiarsi’ mentre vendeva le sue rose. Fra lo stupore immobile dei passanti, che ignari e stupiti ignoravano – come quella sera al Convitto Palmieri in cui muri e lontananze si sono alzati per davvero – sono entrati in ‘gioco’ gli altri protagonisti che armati di rose hanno ‘preso’ la piazza in un coinvolgimento volto a scardinare luoghi comuni e troppo frettolose dichiarazioni che s’annidano fra le strade cittadine, dove troppe volte il monito ed il richiamo alla sensibilizzazione sono pratica tardiva da post-evento traumatico e mai si fanno consuetudine, e di rado si fanno coltivazione di semi che non siano odio e discriminazione. Così, la domenica delle rose ha spezzato l’ignara patina di una cittadina che raramente s’interroga sulle cause e, specchio dell’Italia, si getta sugli eventi a caccia di conclusioni e soluzioni ottocentesche e temporanee, che mal si legano allo sventolare bandiere ideologiche – di volta in volta, nell’occasione, politiche - come Lecce capitale della cultura, che se di cultura bisogna discutere i muri bisogna abbattere. E se Walt Whitman scriveva «Togliete le serrature alle porte! Sollevate anzi le porte stesse dai cardini» l’episodio, increscioso, capitato a Ilias Miah, pone Lecce nella condizione d’interrogarsi – nella speranza che non debbano esser sempre gli effetti eclatanti a generare discussione, ma, anzi, logiche comuni e quotidiane - sulla necessità e legittimità se il trincerare la città sulla falsariga di una recinzione d’intenti mentali, più che materiali, sia la chiave di volta di un problema radicato, forse, nell’assenza di quotidiane pratiche d’inclusione sociale e apertura all’altro che, invece, i ragazzi del flash mob hanno posto in evidenza, ridando dignità ad un spazio pubblico affossato, proprio, nella non apertura del pubblico all’altro.

F.  A.
2011-11-15

postato da: CartaStagna alle ore 00:01 | Permalink | commenti Commenti: La domenica delle rose La domenica delle rose
categoria:

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La gabbia

    gabbia

    Scappando nel vuoto, fluttuando in una rete, intrappolato tra catene e fulmini, scelgo il silenzio, niente urla, niente aiuto, niente inutili richieste. Leggere il seguito

    Da  Emanuelesecco
    CULTURA
  • La quadra

    quadra

    Prendo spunto da una riflessione di Alberto, riguardante uno spot di una nota casa automobilistica, per cercare di trovare la quadra sull'effettiva svolta... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La polka

    polka

    è un ballo in 2/4 che deriva da danze popolari, non necessariamente polacche, ed era caratterizzata da un ritmo molto allegro, sebbene non velocissimo come la... Leggere il seguito

    Da  Mauser
    CULTURA
  • La Gransignora

    Gransignora

    GS-Mi sta scattannu u cori… giusta giusta arrivavu… buonasera… amunì, pronti semu? i capiddri giusti su’? i cosci mi l’è fari a viriri? mi misi i quasietti ri... Leggere il seguito

    Da  Nicolaief
    CULTURA
  • La Commedia

    Wikipedia afferma:Una commedia è un componimento teatrale o un'opera cinematografica dalle tematiche leggere o atto a suscitare il riso, assai spesso tratta di... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • La Bara

    Bara

    REGIA: Ekachai Uekrongtham;ANNO/LUOGO: 2008,Corea del Sud/Thailandia/Singapore/USA;GENERE: drammatico (?)ATTORI PRINCIPALI: Ananda Everingham, Karen Mok,... Leggere il seguito

    Da  Asgarothmidnight
    CINEMA, CULTURA
  • La zingara

    di Iannozzi GiuseppeLa zingara che gl’aveva letto la mano non era stata né affabile né positiva: “Per te, nessuna fortuna.” L’uomo adesso si guardava la mano:... Leggere il seguito

    Da  Iannozzigiuseppe
    CULTURA

Dossier Paperblog

Magazine