Magazine Cultura

La domenica, la provincia, febbraio

Creato il 23 febbraio 2014 da Elettra

mare-febbraioMi piace crogiolarmi nella noia della provincia e lamentarmene. Assecondarmene i ritmi lenti, abbassare la guardia, mangiare di più, lamentarmene, essere ancora la figlia che torna, come se tornassi da lontanissimo.
Poi prendo la macchina, con quel lieve timore ogni volta, di non ricordarmi più come si guidi, e inizio a guidare senza meta, mentre il sole bugiardo di febbraio mi stordisce subito attraverso i vetri.
Senza meta ma sempre verso il mare, che mi attira, lune maree e io in mezzo.
Parcheggio e scendo a respirare lo iodio che per me è ossigeno, a prendermi l’umido che si attacca subito ai capelli senza scampo, la salsedine, che pure a febbraio, si poggia sui vetri degli occhiali. Potrebbe essere il posto più bello del mondo, per il solo fatto di avere il mare, ma tutto intorno è solo cemento, puzza di piscio e giardini secchi. Pance grosse, troppo grosse, di uomini che fumano e bevono dando le spalle al mare, uomini dell’est Europa che bevono birra scadente mentre un bambino biondissimo con una tuta acetata degli anni 80 indica il mare. Due uomini si sfiorano la mano, poi smettono e si guardano intorno. Altri mi scambiano per straniera e l’unica spiegazione che sono riuscita a darmi è perché sono da sola e mediamente vestita bene, e cercano di abbordarmi dicendo “Hello baby” e ridacchiano tra di loro dicendo “Questa non ci sente”. Una signora anziana legge il vangelo seduta su una panchina, coriandoli a terra mischiati alla sabbia sporca portata dalle mareggiate. E poi vento, tantissimo vento umido e appiccicoso ma non freddo. Si intravede Capri, la Costiera è coperta da nuvole piene di pioggia. Ma il mare è brillantissimo, nonostante il cemento, le pance, la puzza di piscio e le persone di spalle.


Archiviato in:Parole

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Zona

    Zona

    Dopo quattro anni non è più un caso, è sistema. Mi riferisco al blog. A giugno scorso, talmente complicato è stato il periodo che ho vissuto (e per fortuna... Leggere il seguito

    Da  Elgraeco
    CINEMA, CULTURA
  • La religiosa

    religiosa

    Complice una recensione un po' ambigua de L'internazionale, sono andata a vedere La religiosa, un film che si inserisce appieno nel filone di quelli che... Leggere il seguito

    Da  Lo Sciame Inquieto
    CINEMA, CULTURA
  • La Linea

    Linea

    Titolo: La Linea Regia: James Cotten Cast: Ray Liotta, Andy Garcia, Danny Trejo Protagonisti: Criminali, Killer Materia: Criminalità Organizzata Energia: Lotta... Leggere il seguito

    Da  Sbruuls
    CINEMA, CULTURA
  • La religiosa

    religiosa

    Regia: Guillaume Nicloux Cast: Pauline Etienne, Isabelle Huppert, Martina Gedeck, Louise Bourgoin Francia 1768. La giovane Suzanne (Pauline Etienne) viene... Leggere il seguito

    Da  Veripaccheri
    CINEMA, CULTURA, OPINIONI
  • La tempesta.

    tempesta.

    dal webMi suda il collo. Me la ricordo da quando ero piccolo questa frase. La ripeteva mio papà, quando qualche cosa che gli sembrava grave e stazionava... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI
  • La crociera.

    crociera.

    Una grande, enorme, bellissima nave da crociera, forse la più bella del mondo, è in mezzo agli scogli, colpita, offesa ed in grave pericolo. Sta imbarcando acqu... Leggere il seguito

    Da  Enricobo2
    CULTURA, VIAGGI

Dossier Paperblog

Magazine