Magazine Cultura

La macchina del fango (e degli applausi)

Creato il 09 novembre 2010 da Robomana
La macchina del fango (e degli applausi)Ne hanno già scritto in tanti, per cui non mi dilungo: a me l'intervento di ieri sera di Roberto Saviano è piaciuto non solo per le cose che ha detto, per la passione e la rabbia e il pianto in gola con cui le ha dette - ché si capiva benissimo che ce l'aveva, il tremaginocchia, e se la sentiva la gola pesante e tremolante - ma per il ritmo con cui le ha dette e per le pause che non ha mai fatto. Perché dopo il primo applauso seguito alla citazione del nome di Giovanni Falcone, Saviano ha interrotto il suo discorso per pochissimi secondi, anche dopo gli stacchi video e la lettura della Finocchiaro, e ha fatto in modo che di applausi maledetti e libera coscienza ne arrivasse solo un altro, dopo dieci minuti di monologo durato mezz'ora, perché a me la cosa che sta più sulle palle della tv di oggi non è il Grande fratello o Vespa o X Factor, ma gli applausi continui e invadenti che accompagnano ogni programma, anche i pochi che meritano attenzione, applausi che tutti i conduttori attirano come unica forma di interpuntazione, come mezzo per prendere tempo, per attirare consenso, adulazione, finta ammirazione e naturalmente per creare solo e unicamente rumore. Saviano, invece, ieri sera è stato bravissimo a circondarsi di silenzio, a crearlo e ottenerlo senza neanche chiederlo. Parlava del peso che hanno le parole quando sono usate per fare del male e del silenzio che sotto lo strepito dei titoli di giornale avvolgeva Falcone. Non poteva quindi cercare un baccano contrario ma equivalente: poteva solo rimandare agli spettatori quel silenzio e impedire che fosse spezzato da un applauso fasullo. Alla fine gliele hanno battute le mani, e pure a lungo, ma era per ringraziarlo, non per adularlo.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La pastura

    pastura

    Da un po’ di giorni non faccio altro che leggere articoli sul cosiddetto “ritorno alla realtà” della narrativa italiana contemporanea. Leggere il seguito

    Da  Andreapomella
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La Nostalgia

    Nostalgia

    Qualcuno l’ha chiamata “canaglia” in una popolare canzonetta di qualche anno fa; i Brasiliani ne hanno fatto una filosofia di vita; forse anche gli Argentini,... Leggere il seguito

    Da  Albix
    CULTURA, LIBRI
  • La verita’

    verita’

    Il cielo scuro è diviso in sei quadrati dalle sbarre nere della cancellata. Dal cortile salgono alla cella gli odori grevi e fetidi della prigione, decomposti... Leggere il seguito

    Da  Renzomazzetti
    CULTURA
  • La Papessa

    Papessa

    “E’ un miracolo, Sua Santità aspetta un figlio!” L’annosa leggenda secondo la quale, tra l’anno domini 853 e l’855, sarebbe stata una donna a reggere il soglio... Leggere il seguito

    Da  Terrasiniblog
    CINEMA, CULTURA
  • La Cicogna

    Cicogna

    Vi chiederete come mai un articolo sulla cicogna… Il motivo è semplice, ho iniziato a scrivere una fiaba dal titolo “Viola, la Cicogna” per una nascita che... Leggere il seguito

    Da  Saraconlacca
    CULTURA
  • “La Governante”

    Governante”

    1997: The Governess di Sandra Goldbacher Primo film di Sandra Goldbacher, autrice anche della sceneggiatura (la Goldbacher ha ricevuto al Roma Fiction Fest... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA
  • La dama y la muerte

    Lottare tra la vita e la morte, letteralmente. Questo divertentissimo cortometraggio, già vincitore di un Goya 2010, è stato candidato all’Oscar 2010 per il... Leggere il seguito

    Da  Sushiadv
    CINEMA, CULTURA