Magazine Cultura

la memoria e la storia con i figli

Da Ubik

la memoria e la storia con i figli

Il giorno dopo la ricorrenza che ogni anno ci ricorda quello che successe desidero segnalare questo libro appena uscito e che penso comprerò ai miei figli. Si tratta di “Anne Frank. La biografia a fumetti” di Ernie Colon e Sid Jacobson per la Lizard, Rizzoli.

Non sono tra quelli che enfatizzano ‘La Giornata della Memoria’ anche se poi fnisco per ‘onorare’ la giornata: decido di (ri)leggere un libro o di rivedere un film tra quelli che passano in TV. Io e Woody riprendiamo i fili di alcuni discorsi e torniamo sull’argomento, con suggestioni, tristezze, affinamenti. Non credo molto alle gite scolastiche fatte ad Auschwitz e mi piacerebbe essere smentito su quello strano pellegrinaggio che vede i ragazzi contriti come in preghiera solo in quel momento; allo stesso modo m’infastidiscono le scuole intruppate al cinema di mattina per vedere Schindler’s List con il prevedibile eco di schiamazzi e risate che puntualmente finiscono sui giornali. Non sopporto “la vita è bella” con la gente che si commuove a quel grido: “abbiamo vinto” sul carro armato americano senza neanche chiedersi cosa c’entri se Auschwitz fu liberata dall’Armata Rossa. Consapevole di risultare antipatico non posso farci niente, rimango allergico alla retorica del “ricordiamo tutti così che non si ripeta” perchè si ripete quando la propria “morale è sorda” (come disse la Arendt) .

Però sono di quelli che crede nella utilità del tramandare esperienze e patrimonio. Magari preferisco i lavori e le proposte fatte in piccoli gruppi, con modi creativi e meno scontati. E devo dire che quest’anno mi sono posto il problema con i miei figli. In alcune nostre conversazioni ci siamo chiesti come avremmo trasmesso il rispetto, lo sgomento, la repulsione, l’empatia e l’antipatia riguardo alcune vicende storiche e in particolare la Shoah. Immagino che ogni genitore provi a trasmettere un’etica e un rispetto delle persone e credo che a molti genitori spaventi l’idea di un figlio razzista o indifferente (tralascio per ovvie ragioni i casi contrari che qui non m’interessano).

La cosa affascinante di questa storia è l’inedita corrispondenza che esiste tra memoria storica e memoria biografica. Parlo ovviamente di genitori adottivi. Se vi trovate tra quelli che hanno figli adottivi con qualche anno di età, quale effetto produce nei sentimenti e nei pensieri? Dalla più semplice ‘per così dire’ e banale questione se apparterrà loro quella storia così come la sentiamo noi oppure non li riguarderà visto che ad esempio vengono da paesi che sono stati estranei a quegli eventi (nel nostro caso è il Brasile)? E soprattutto e meno banale come s’integra, come si confronta e come lavora il vissuto talora drammatico e/o violento di un figlio con l’empatia verso chi ha sofferto durante gli anni bui di fascismo e nazismo? Tenderà a minimizzare perchè vittima lui in prima persona di una sofferenza indicibile e permanente oppure comprenderà meglio accogliendo in sè il dolore altrui perchè ha conosciuto vicino qualcosa che gli assomiglia? Avrà fretta di assimilarsi agli altri conformandosi agli sghignazzi e all’indifferenza pensando che certe vite siano “Ausmerzen” (tanto per citare lo spettacolo intenso visto su LA7 di Marco Paolini), cioè ‘degne di non essere vissute’?

Noi ci siamo regolati così: abbiamo fatto merenda al “tavolo della conversazione” che poi sarebbe il tavolo in salone e che viene anche usato quando abbiamo cose importanti da dire in famiglia. Abbiamo spiegato cosa era la “Giornata Della Memoria” (al che ci hanno guardato con stupore per il racconto di quello che era successo misto a incomprensione per quello che era successo), poi gli abbiamo concesso di andare a letto dopo e vedere insieme a noi Paolini. E si sono annoiati, arresi al sonno se ne sono andati a letto. Chissà.

Allo stesso tempo ho visto la segnalazione sul Domenicale del Sole (QUI parte della postfazione di Luzzato) del libro a fumetti tratto dai diari di Anne Frank e mi è venuta l’idea di regalarlo. Molti di noi sono passati per la lettura dei suoi Diari e una Graphic Novel che sembra ben disegnata può aiutare a capire e può incuriosire riuscendo ad eludere la difficoltà di lettura che molti figli adottati da poco hanno e soprattutto se si vuole trasmettere ai propri figli un patrimonio etico necessario. Poi credo si può tentare nel leggere insieme i diari e sperare che la curiosità vinca sulla difficoltà e pigrizia.

Post Scriptum (assolutamente necessario): so di inimicarmi e indispettire alcuni o molti con le affermazioni su certi fastidi. Ma non posso farci molto soprattutto 1) se uno crede alla libertà di poter esprimere la propria opinione pur non disponendo della totalità della informazioni (cosa del resto che succede quasi a tutti); 2) se viene fatto per amore verso l’argomento criticato e non per banale cinismo; 3) se si è consapevoli delle dovute eccezioni che però essendo tali emergono per la loro eccezionalità nei confronti della normalità.

  • condividi e diffondi

Tag:Anne Frank, Ausmerzen, Giornata Della Memoria, LA7, Marco Paolini, Sergio Luzzato


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Giornata della Memoria

    Giornata della Memoria

    Iniziativa dell’Istituto Italiano di Cultura per celebrare la Giornata della Memoria. Il prossimo giovedì 27 gennaio, alle ore 19:00, presso l’Istituto... Leggere il seguito

    Da  Marxell
    CULTURA, EVENTI, SOCIETÀ
  • Noi e la memoria

    La mia generazione è cresciuta nella contrapposizione delle ideologie, nel boom economico, nell'Italia papista, bacchettona ma solidale, ospitale. Leggere il seguito

    Da  Paolob
    FAMIGLIA, SOCIETÀ
  • La memoria della giornata

    memoria della giornata

    Già pubblicato, ma repetita juvant: Roma, qualche anno fa, più o meno di questi tempi. Io e l’amico P. siamo sulla Metro A, diretti verso Ottaviano. Leggere il seguito

    Da  Sogniebisogni
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • Il "Giorno della Memoria" e la questione palestinese

    Mirko Goddi 27 gennaio 2011 17:39Caro prof. Losurdo,nel giorno della memoria constato con estrema tristezza che a sinistra si moltiplicano coloro che mettono... Leggere il seguito

    Da  Domenicolosurdo
    CULTURA, STORIA E FILOSOFIA
  • La memoria di Omero

    memoria Omero

    Dopo aver scoperto che i nomi alle guerre vengono affibiati con la più totale libertà sulla base dei codici affibbiati alle varie parti del mondo dal... Leggere il seguito

    Da  Marcopertutti
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Stracquadanio cancella la memoria

    Stracquadanio cancella memoria

    La crisi dev’essere veramente grande se persino il pasionario di Silvio ha deciso di chiudere il suo blog. Si, Straquadanio getta la spugna e abbandona al suo... Leggere il seguito

    Da  Albertocapece
    CULTURA, SOCIETÀ
  • Con la paura la mafia non si vince

    paura mafia vince

    ” La morte di una qualsiasi persona sarebbe apparsa scontata davanti ai nostri occhi, saremmo rimasti quasi impassibili davanti a quel fenomeno naturale che è l... Leggere il seguito

    Da  Malacarne_nonconunlamento
    CULTURA, SOCIETÀ