Magazine Società

La memoria non è un gioco: 23 maggio 1992

Creato il 29 settembre 2011 da Andresilver @VivereaOrecchio
La memoria non è un gioco: 23 maggio 1992Mi è sembrato sempre troppo facile, nonché stucchevole, ricordare personaggi importanti della nostra storia esclusivamente nel giorno della loro scomparsa. Troppo banale: sveglia, caffè, radio e televisione che ti annunciano il triste anniversario e scatta il ricordo immediato corredato da migliaia di link su social network quasi per "fare il compitino".
Ritengo sia quasi irritante ed irrispettoso assistere a questo teatrino di migliaia di persone che rammentano le gesta di questi personaggi, senza avere piena conoscenza di chi sono stati veramente, cosa hanno fatto della loro vita e per cosa hanno combattuto. Preciso: reputo più che corretto e onorabile commemorare questi veri eroi non solo il giorno in cui sono scomparsi ma tutti i giorni; oggi giorno richiamare alla memoria chiunque è diventato veramente troppo elementare e di poca importanza: un "condividi" su facebook e il gioco è fatto. E mentre si pensa di essere a conoscenza di tutto, non si è a conoscenza di nulla.
E' un caso eclatante quello del giudice Giovanni Falcone, su cui puntualmente, ogni 23 maggio si sprecano trasmissioni televisive oltre a migliaia di parole. "Non si combatterà mai la mafia fino a quando non si adotterà un'azione congiunta e continua" diceva proprio lo sventurato giudice. Marcelle Padovani ha condotto, al tempo, una completa intervista al Giudice pochi anni prima dell'attentato di Capaci che è riportata interamente nel libro "Cose di Cosa Nostra".
Sono convinto che non si può avere uno sguardo approfondito sulla mafia fino a quando non ci si immerge in  questa testimonianza in cui Falcone sviscera i meccanismi del potere e spiega in quale modo è riuscito a comprendere gli stessi.
Un vero eroe dei nostri tempi che si è distinto per la reale lotta all'organizzazione mafiosa di origine siciliana, pur non essendo mai stato coadiuvato dallo stato che più di una volta ha, invece, facilitato, avvallato e permesso la perduranza di questo cancro della vita di tutto il bel Paese, garantendogli una strada in discesa e senza ostacoli.
Questo sistema con regole non scritte, valori e tradizioni ben più radicate e importanti di quanto si pensi, ha tracciato un solco nel tessuto sociale italiano, diventando parte di esso e influenzando ogni suo respiro e qualsiasi attività, dalla più piccola alla più grande.
Spesso, erroenamente, quando si parla di mafia si pensa alle violenze perpetrate in molti angoli siciliani, nonostante questa società malavitosa sia ormai distribuita in tutta Italia e agisca in silenzio, a fari spenti e senza clamore, non avendo come mezzo principale la barbaria con cui viene ricordata, a cui ricorre solo in casi eccezionali che fanno parte di ciò che lo stesso Falcone descrive come "rete di terzo livello" di cui è stato vittima nell'attentato di Capaci del 23 maggio 1992 dove perse la vita insieme a sua moglie e a tre agenti della scorta personale.
La memoria non è un gioco: 23 maggio 1992Una società, nonché una struttura intelligente, gerarchica e ben modellata che intreccia e danneggia le nostre vite e non solo ed esclusivamente quelle dei cittadini siciliani. Sono, infatti, tutt'ora tanti i ragazzi a cui non viene data voce ma che lottano giornalmente contro la mafia, diversamente dall'opinione largamente diffusa nel nord Italia, dove troppo spesso questo fenomeno viene osservato con indifferenza e distacco alienante.
Ragazzi e persone che hanno bisogno di risposte e di protezione per agire e collaborare con uno stato che troppo spesso le lascia indifese e solitarie e che non si è mai abbastanza impegnato per combattere realmente questo tarlo.
Cittadini che sono ormai saturi e distrutti da questa associazione malavitosa che li costringe ad osservare con un binocolo tristemente logoro da desideri svaniti in una terra senza fine, una strada priva di destinazione e sbocchi, che non presenta opportunità di scelta e alternative valide di vita.
Persone affamate di speranza che vogliono ed esigono fatti, giustizia e rigore morale, famiglie ostaggi del proprio passato ma nello stesso tempo orfani di un futuro che gli è stato scippato con l'indifferenza, ma sempre e comunque orgogliose della propria storia e vogliose di vincere questa spietata e densa battaglia nella quale chi ha combattuto, fino ad ora, è sempre stato esclusivamente chi ha versato sangue.
"Conoscere i mafiosi ha influito profondamente sul mio modo di rapportarmi con gli altri e anche sulle mie convinzioni. Ho imparato a riconoscere l'umanità anche nell'essere apparentemente peggiore; ad avere un rispetto reale, e non solo formale, per le altrui opinioni. Ho imparato che ogni atteggiamento di compromesso - il tradimento, o la semplice fuga in avanti - provoca un sentimento di colpa, un turbamento dell'anima, una sgradevole sensazione di smarrimento e di disagio con se stessi. L'imperativo categorico dei mafiosi, di « dire la verità », è diventato un principio cardine della mia etica personale, almeno riguardo ai rapporti veramente importanti della vita. Per quanto possa sembrare strano, la mafia mi ha impartito una lezione di moralità. Questa avventura ha anche reso più autentico il mio senso dello Stato. Confrontandomi con lo « Statomafia » mi sono reso conto di quanto esso sia più funzionale ed efficiente del nostro Stato e quanto, proprio per questa ragione, sia indispensabile impegnarsi al massimo per conoscerlo a fondo allo scopo di combatterlo. Certo dovremo ancora per lungo tempo confrontarci con la criminalità organizzata di stampo mafioso. Per lungo tempo, non per l'eternità: perché la mafia è un fenomeno umano e come tutti i fenomeni umani ha un principio, una sua evoluzione e avrà quindi anche una fine. Si muore generalmente perché si è soli o perché si è entrati in un gioco troppo grande. Si muore spesso perché non si dispone delle necessarie alleanze, perché si è privi di sostegno. In Sicilia la mafia colpisce i servitori dello Stato che lo Stato non è riuscito a proteggere."


Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La sponda

    E poi ci sono momenti in cui capisci che tu non puoi far altro che essere una sponda. Un luogo fisico dove lasciar aggrappare con tutte e due le mani e forse... Leggere il seguito

    Da  Anellidifum0
    ITALIANI NEL MONDO, SOCIETÀ
  • La Testata

    Aveva detto che non vedeva l’ora di poter dire la verità in aula e infatti, alla prima udienza del processo Ruby, Berlusconi non si presenta. In nove minuti è... Leggere il seguito

    Da  Lalternativa
    SOCIETÀ
  • La disciplina e la fantasia

    disciplina fantasia

    Oggi soprattutto, dove ognuno è stato indirizzato ad avere un certo ruolo nella società, nascono problematiche in cui pesa fortemente il legame tra l'essere... Leggere il seguito

    Da  Andrea Rattacaso
    SOCIETÀ
  • La convivenza

    convivenza

    In Italia, soprattutto nell'ultimo decennio, la convivenza è diventata una pratica comune anche tra chi, per motivi religiosi, non potrebbe praticarla. Leggere il seguito

    Da  Andrea Rattacaso
    SOCIETÀ
  • La Costituzionedellelibertà

    Costituzionedellelibertà

    "l'Italia è una repubblica democratica, fondata sul lavoro"? No, non funziona più, troppo semplice. Remigio Ceroni (chi?), deputatodellelibertà, propone allora... Leggere il seguito

    Da  Pierotieni
    SOCIETÀ
  • La Testata

    Governo bacchettato dall’Unione europea: i permessi temporanei rilasciati ai migranti, infatti, non sono validi per l’area Shengen. Leggere il seguito

    Da  Lalternativa
    SOCIETÀ
  • La sorpresa la vorrei…

    sorpresa vorrei…

    Katia 23 aprile La sorpresa nell’ uovo di Pasqua piace molto ai grandi, non solo ai bambini. Se i bambini sperano di trovare un giocattolo, il più bello in... Leggere il seguito

    Da  Gianpaolotorres
    SOCIETÀ

Magazine