Magazine Società

La mia vita

Creato il 03 dicembre 2013 da Lanterna
A vent'anni me la son proprio goduta al massimo, tra studio, divertimento, lavoro, danza, viaggi e amici. Con un'interruzione di poco più di 3 anni, dedicati a un fidanzato sbagliato, ma anche gli incidenti di percorso aiutano a crescere.
Da circa dieci anni ha preso una piega variabile e non ha ancora smesso di cambiare in continuazione: Luca, campagna, gatti, bambini, lavoro fisso, mille interessi, trasloco. E domani forse un cane, sicuramente un giardino curato da me, sicuramente qualche nuova pazzia con lana & co., spero un nuovo ciclo di viaggi e un nuovo stile di vita che si sta consolidando.
Rimpiango i 20 anni? A volte, sotto ciclo. Sono convinta al 100% di quello che sto facendo con me stessa e la mia famiglia? La maggior parte delle volte sì, altre volte per niente, ma ancora più spesso ho l'impressione di poterci fare poco e quindi va bene così.
Vorrei un lavoro più soddisfacente? Il mio ego magari sì, ma io mi trovo bene anche con questo: è interessante, non ci si annoia mai, l'ambiente è piacevole. Ecco, magari mi pagassero un pochino di più, se proprio devo trovargli un difetto.
Vorrei una casa di proprietà? A volte mi spaventa il fatto di aver investito tanto in una casa non mia. Ma una casa di proprietà non potrei permettermela e comunque non sarebbe quella del polacco, che sembra fatta apposta per me.
Vorrei cose più belle o costose? Magari la prossima auto mi farebbe piacere che non andasse dal meccanico ogni 2-3 mesi e che non avesse la ripresa di una bicicletta, ecco, quello sì. Ma la mia casa arredata con mobili di recupero mi piace da impazzire. L'oro non lo indosso e l'ho messo in banca. Le scarpe di Camper e Naturalista soddisfano i miei desideri. E negli swap party ho trovato veri e propri tesori!
A volte mi sembra di essere la fata del bosco a non invidiare nulla e non desiderare nulla di materiale che sia fuori dalla mia portata.
Intendiamoci: desidero molte cose fuori dalla mia portata, ma con intensità ridotta. E mi consolo facilmente, cercando di guadagnarne in saggezza.
Per dire: la casa di Levanto l'avrei comprata, ad avere 650.000 euro da spendere, ma non possiedo neanche un centesimo di quella cifra in questo momento. L'hanno venduta, non ho potuto farci niente. E pazienza, mi consolerò godendomi la casa nuova.
Vorrei viaggiare di più, ma in quattro è un po' troppo costoso in questo momento. Pazienza, viaggerò di più quando i figli saranno grandi.
Al momento mi fa anche un po' impressione trovarmi così saggia e pacifica, ho sempre pensato che vivere così fosse più una questione di rinunce che di scelte.
E invece mi trovo a non sentire il peso di nessuna rinuncia, solo quello della scelta. Che a volte è ponderata, altre volte obbligata, altre volte ancora di getto. Spesso fortunata, automobili a parte.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La barzelletta

    Il nostro è un paese da barzelletta, come facciamo a prenderci sul serio?Vi ricordate la polemica per l'uscita di Battiato sulle "troie"? Leggere il seguito

    Da  Funicelli
    SOCIETÀ
  • Quale la civiltà e quale la barbarie?

    Quale civiltà quale barbarie?

    (L’articolo si può ascoltare su YouTube). Questa mattina mi sono svegliato pensando alla civiltà occidentale e ai vari Paesi che ormai sempre di più tendon... Leggere il seguito

    Da  Lebarricate
    SOCIETÀ
  • La scienza perde la signora delle stelle

    scienza perde signora delle stelle

    29 GIUGNO – Questa mattina è venuta a mancare Margherita Hack, all’età di ben 91 anni. La grande astrofisica fu la prima donna a dirigere un osservatorio... Leggere il seguito

    Da  Ilnazionale
    ASTRONOMIA, RICERCA, SOCIETÀ
  • La gente scrive la storia

    gente scrive storia

    Alcune immagini per essere insieme dentro quello che sta succedendo in Egitto. Ne scriverò da domani. E scriverò anche del giornalista giapponese in giubbotto... Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • La trappola.

    trappola.

    Eccovi alcune fotografie scattate mentre oggi andavo a filmare le manifestazioni organizzate dai Fratelli musulmani dopo la preghiera. Ci sono stati dei morti,... Leggere il seguito

    Da  Gianlucaweast
    SOCIETÀ
  • La radio abbandonata,come la barca laggiu’.

    radio abbandonata,come barca laggiu’.

    Tieni presente la meta da raggiungere? Si il traguardo da afferrare,con la fatica.Quello per cui ti batti con coraggio e costanza,soffrendo dentro te. Leggere il seguito

    Da  Lucaralla
    SOCIETÀ
  • La sirenetta

    Sofia sta dimostrando una vera e propria passione per il mare. Basta dire "bagno" e lei quasi con un riflesso pavloviano scatta verso l'acqua, che a momenti se... Leggere il seguito

    Da  Stefanod
    FAMIGLIA, SOCIETÀ

Dossier Paperblog

Magazine