Magazine Diario personale

La necessità d'una divinità specializzata

Da Carlo Tosetti @TosettiCarlo
La necessità d'una divinità specializzata
Uno dei miei crucci è l’impossibilità di potersi rivolgere a Dei specializzati (uso definirli “competenti”). La limitazione del Dio unico è senza dubbio la dispersione di forze, una sorta di accidente aristotelico della totipotenza; perdonate la blasfemia… Non a caso, in una delle celeberrime canzoni che ho scritto, cantavo: “Oh Signore guarda giù, subito però! Il mio tempo stringe, il tuo no!”. Se avessimo una folta schiera di Dei e Deucoli, indolentemente assisi su troni e tronetti, sopra le nostre teste, allora avremmo sì degli Dei (pochi) di straordinaria potenza e importanza, ma anche altri, destinati a ruoli secondari. Avrebbero più tempo. Sarebbero annoiati, ma anche più rapidi. Ci sarebbe il Dio delle porte dei treni e quello dei trinciapolli, la Dea delle matite per occhi, ma anche quella delle ossidoriduzioni, e così via… Ammetto che nel mio caso (avrei bisogno di un sole cocente o di una tempesta, per domani) potrei rivolgermi agli Spiriti della Natura (chi ha orecchie, bla bla bla…), ma la riflessione è d’obbligo. Allora:  industriosi calabroni hanno costruito la loro piccola città nella canna fumaria del mio camino. Ho atteso a lungo, per cercare una soluzione ragionevole e pacifica, ma non posso più attendere: ricorro all’arrogante arma della disinfestazione. L’impresa (specializzata, per l’appunto) sarà domani pomeriggio da me, per liberami dagli intrusi. Disinfestazione: 150€ (più IVA) Piattaforma per raggiungere il comignolo: 130€ (più IVA) Il mio desiderio è quello di poter invocare il Dio competente che scateni, in un baleno, mentre gli addetti della disinfestazione stanno operando, a scelta del Dio, o un caldo assassino (minimo 50 gradi centigradi all’ombra), o una pioggia torrenziale, amazzonica; alla Marquez, per capirci. Gli addetti, ermeticamente protetti da tute impenetrabili, morirebbero disciolti dal gran caldo, collasso cardiocircolatorio, oppure scivolerebbero, si spiaccicherebbero in cortile, in un giorno di gran pioggia d’agosto… Cadrebbero come fichi maturi. Questo avrebbe una doppia valenza simbolica: la fine dell’avido, tout-court, ed il bagno di sangue, il ringraziamento, il pagamento del Dio specializzato intervenuto. Insomma: Per 280€ (più IVA), che almeno facciano una fatica boia… maledetti cani infedeli…   Share

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La vacanza in Sicilia

    vacanza Sicilia

    Queste le immagini del mio soggiorno in Sicilia. Siamo partiti, mio marito la chicca ed io, il 2 settembre alla mattina prima dell'alba dopo ad una notte insonn... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La mia solitudine

    solitudine

    Avere l’anima lacerata da ferite incessanti, mi sconvolge il mio essere, intorno a me è solo e soltanto vuoto... v’è però un velo di solitudine colorato... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La Paura

    Paura

    Ricordo di quando calava la sera, quando ogni uscio si chiudeva, il cuore già tremava per l'imminente arrivo di...LEI! La Paura. Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • Adoro la tua voce. Zittisce la mia.

    La tua voce mi ricorda le mie mani sporche di vernice. Il colore che macchiava la pelle nello stesso modo in cui macchiava le tela. Adoravo il profumo di... Leggere il seguito

    Da  V
    DIARIO PERSONALE, TALENTI, DA CLASSIFICARE
  • La paura

    paura

    Incessante tormento di una vita che fu, mi avvilisce ed oscura il mio adorato cielo blu. La paura, l'incertezza di ciò che vedo dietro i miei sguardi insicuri... Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La pizza

    pizza

    Forse pochi altri piatti come la pizza riescono a suscitare in me cascate di ricordi. Ricordo le pizze dei miei diciannove/vent’anni. Le pizze con gli amici di... Leggere il seguito

    Da  Aquilanonvedente
    DIARIO PERSONALE, POESIE, TALENTI
  • La banda degli invisibili

    banda degli invisibili

    C’è a Roma, al quartiere Montagnola, una simpatica compagnia di vecchietti, ultrasettantenni e ultraottantenni, alle prese giornalmente con gli abituali problem... Leggere il seguito

    Da  Aquilanonvedente
    DIARIO PERSONALE, POESIE, TALENTI

A proposito dell'autore


Carlo Tosetti 697 condivisioni Vedi il suo profilo
Vedi il suo blog

L'autore non ha ancora riempito questo campo L'autore non ha ancora riempito questo campo

Dossier Paperblog