Magazine Curiosità

La parola ebreo.

Da Bens
Spero non me ne vorrà la signora Loy se le rubo il titolo di un suo delicatissimo e bellissimo libro, per scrivere quattro pensieri sparsi. Ora, chi mi segue da tempo avrà certamente notato una mia ritrosia nell'affrontare dinamiche politiche di qualsiasi genere, non perché non me ne importi molto, anzi, credo piuttosto che a voi, del mio credo o non-credo politico, importi meno di niente. Qui si è sempre parlato di altro, con toni più o meno seri, ma forse con qualche colorata battuta può essere sia capitato di avervi lanciato nebbiosi indizi su come la penso in generale, del mondo, di me stessa, dei miei libri, delle persone a cui voglio bene, a cui voglio male. Però ieri sera è successa una cosa. E' successo che mentre ero a cena con degli amici (quattro ragazzi, molto diversi tra loro, per studi, interessi, ambizioni) si sia finito per naufragare in quel melmoso campo che è la disquisizione massima di argomenti grossi che rigà dopo du' bocce de vino io ve giuro faccio sempre fatica a seguire. Ma ve la faccio breve: qualcuno tira fuori l'argomento Priebke, un altro lo segue a ruota, scandalizzato dalla proposta di legge a favore del reato di negazionismo, per concludere con una rosea chiosa al grido "ragazzi, il tempo del poro ebreo è finito". La verità è che io non mi sono mai vergognata tanto. Per loro. Il filo apparentemente logico è il seguente: scandalizzarsi per un funerale, eccitarsi per qualche subumano che prende a calci la bara di un morto e scagliarsi contro i paladini dell'immenso progetto sionista brutti e cattivi perché va beh che sono morte un sacco di persone ma sono morte settant'anni fa, mo' basta. Il ché forse ha un suo senso inverso se pensiamo al fatto che io non mi sarei mai sognata di applaudire chi disturba un funerale proprio come ritengo che il negazionismo sia un crimine. Appellarsi alla libertà intesa in senso generale, quindi dalla libertà di pensiero a quella d'espressione e così via, non è esattamente la legittimazione per qualsiasi cosa. Tanto è vero che se offendo qualcuno, questo qualcuno ha il diritto di denunciarmi. Ma se nego sei milioni di morti quella è libertà d'opinione. Ora, vi prego, spiegatemi che opinione è. E non voglio nemmeno stare a sentire la storiella di chi mi propina giudizi di valore del tipo "se la pensa così è solo uno stupido, non un criminale". Eh no belli miei, perché un professore universitario che nega la Shoah non è uno stupido, è uno stronzo; un matematico a cui non bastano le prove che la storia dolorosa dei sopravvissuti ha consegnato a tutti noi, non è uno stupido, è un farabutto. Non sottovalutate la cattiveria, non è mai stupida. Il negazionismo non è un'opinione, è un'offesa, una lurida infamia che cancella la vita di chi è comunque nato ed è comunque vissuto. Il negazionismo non è un'opinione, è un omicidio, uccide due volte e uccide con più astuzia, perché vuole cancellare la memoria e senza qualcosa da ricordare noi non siamo più niente.
Mi piace pensare che qualche volta esista un divisorio tra quello che è giusto e quello che è sbagliato; che non esistano zone grigie. Voglio questo lusso, da italiana, da studentessa, da figlia, da sorella, da amica, il lusso di qualcosa che sia solo bianco o nero.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La schiava

    schiava

    [La storia antica decima parte] ......... fino a fondersi in un sublime legame che li avrebbe uniti per sempre! La sudrha amava Lelay e ne soffriva la mancanza. Leggere il seguito

    Da  Galadriel
    DIARIO PERSONALE, POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • La magia del cioccolato

    magia cioccolato

    Al solo vedere una tavoletta di cioccolato fondente vengo posseduto dal desiderio irrefrenabile di farla mia, tutta, subito, sul posto. Lo confesso: il... Leggere il seguito

    Da  Tanks
    CURIOSITÀ, MEDIA E COMUNICAZIONE, SCIENZE
  • La notte

    è fatta per dormire. Ma anche no. La notte crea suggestioni emotive ed emozionali molto diverse tante quanti sono gli esseri umani, credo.Una volta, di notte,... Leggere il seguito

    Da  Perla
    DIARIO PERSONALE, TALENTI
  • Quando la notizia e’ troppo pompata

    Quando notizia troppo pompata

    A volte, chi scrive una notizia, giornalisti, persone comuni, curatori di blog, ecc, invece di riportare pedissequamente i fatti informando i lettori, si... Leggere il seguito

    Da  Psicosi2012
    CURIOSITÀ, SCIENZE
  • La tac

    TAC Oggi chissà perchè, mi è tornato in mente un episodio di cui sono stata protagonista qualche anno fa, quando fui costretta a farmi una TAC, esame... Leggere il seguito

    Da  Lifarnur
    POESIE, RACCONTI, TALENTI
  • la valigia dell’ANIMA DEL VIAGGIATORE

    valigia dell’ANIMA VIAGGIATORE

    Mosca – piazza del Cremlino : la struttura allestita per ospitare la mostra sul tema del viaggio, e dello spirito che muove (anima) chi si avventura lontano... Leggere il seguito

    Da  Locandadellarte
    CURIOSITÀ
  • GOCE: quando il satellite finisce la benzina

    GOCE: quando satellite finisce benzina

    Qualche tempo fa, abbiamo preso in considerazione il problema dei detriti nello spazio. Come visto, la zona intorno alla nostra Terra e’ ormai piena di oggetti... Leggere il seguito

    Da  Psicosi2012
    ASTRONOMIA, CURIOSITÀ, SCIENZE

Magazines