Magazine Cultura

La qualifica di Fenoglio

Creato il 30 novembre 2010 da Andreapomella

La qualifica di FenoglioNegli anni Novanta la riscoperta fra i giovani lettori di un autore come Beppe Fenoglio fu sorprendente. Ricordo in quegli anni una magnifica lezione di Bianca Maria Frabotta all’Università di Roma che verteva su Una questione privata, romanzo postumo pubblicato nell’aprile del 1963 due mesi dopo la morte di Fenoglio, e che registrò la partecipazione appassionata di un gruppo notevole di studenti di Lettere. A quella lezione partecipò in qualità di ospite anche Marco Lodoli di cui avevo appena letto il romanzo d’esordio Diario di un millennio che fugge. Mi sono interrogato spesso sulle ragioni di quella silenziosa adesione di un’intera generazione ai modi letterari di un autore così appartato e la cui opera è per certi versi riluttante alle leggerezze della contemporaneità. Sarà che quel suo carattere riassunto nella famosa frase autografa, “A me basteranno le due date che sole contano e la qualifica di scrittore e partigiano”, ben si addiceva al feroce nichilismo di quegli anni. Per quanto mi riguarda, prendendo in prestito i versi di una canzone di Ivano Fossati, io “non ho mai tradito la mia giovinezza, perché la vita si alimenta di poco, non dura eterna”. E così, ancora oggi, in certi pomeriggi d’autunno in cui il cielo si riversa sulla città, e intorno a me sento stracciare ogni giorno di più i miti della Resistenza e la decenza del cosiddetto popolo italiano, io mi apparto sul divano e frugo tra le pagine de Il Partigiano Johnny, e trovo frasi come questa, che a parer mio andrebbero vergate a chiare lettere sulla Costituzione italiana:

“E pensò che forse un partigiano sarebbe stato come lui ritto sull’ultima collina, guardando la città e pensando lo stesso di lui e della sua notizia, la sera del giorno della sua morte. Ecco l’importante: che ne restasse sempre uno”



Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La Crisi.

    Crisi.

    Certe volte ci sono di quei meccanismi perversi che, dio sicofante, ti lasciano veramente lì coll'amaro in bocca.Prendi Morgan.Adesso immagino che a qualsiasi... Leggere il seguito

    Da  Vilipendio
    SOCIETÀ
  • La libertad

    libertad

    Nel fatiscente condominio di Oltre il fondo si spalanca un’altra porta sul cinema d’autore che vi (e mi) farà conoscere un giovane regista argentino praticament... Leggere il seguito

    Da  Eraserhead
    CINEMA, CULTURA
  • La democrazia

    Pericle – Discorso agli Ateniesi, 461 a.C. Qui ad Atene noi facciamo così. Qui il nostro governo favorisce i molti invece dei pochi: e per questo viene... Leggere il seguito

    Da  Speradisole
    POLITICA, POLITICA ITALIA, SOCIETÀ
  • La mente

    mente

    Io, regina in cateneda me stessa forgiate nella notteed in trecce di fiori mutate al mio risveglio,siedo sul trono d'acqua terra fuocoed aria fluttuante tra... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA
  • La morale

    la vita morale dell'uomo è uno dei soggetti che l'artista può trattare, ma la moralità dell'arte consiste nell'uso perfetto di uno strumento imperfetto. (O.... Leggere il seguito

    Da  Gloutchov
    CULTURA
  • La Tabaccheria

    Tabaccheria

    Non sono niente.Non sarò mai niente.Non posso voler essere niente.A parte questo, ho dentro me tutti i sogni del mondo.Finestre della mia stanza,Della... Leggere il seguito

    Da  Linda
    CULTURA, POESIE
  • “La Famiglia”

    Famiglia”

    1987: La Famiglia di Ettore Scola Grande successo al 40° Festival di Cannes, nomination agli Oscar, 5 David di Donatello, 6 Nastri d’Argento per un gioiello... Leggere il seguito

    Da  Cinemaleo
    CINEMA, CULTURA

Magazines