Magazine Informazione regionale

La ripa di vieste.

Creato il 21 ottobre 2014 da Garganistan @Garganistan
LIBERO SFOGO SULLA SITUAZIONE ATTUALE DELLA RIPA DI VIESTE.
LA RIPA DI VIESTE.

La Ripa di Vieste è un vecchio molo di pescatori, probabilmente il primo porto di Vieste, situato nel pieno del centro storico,si accede attraverso una scala molto lunga non sempre facile da trovare.Dà uno dei più bei panorami che l’Italia possa offrire, accoglie il visitatore con un scenario mozzafiato e con la vista di Punta San Francesco.LA RIPA DI VIESTE.
E' forse l'unico posto di Vieste che non è stato snaturato dall’uomo nel tempo che, etnologicamente parlando, continua a svolgere la sua funzione originaria perpetrando la cultura del posto e che, pertanto, merita di essere conservato e preservato.LA RIPA DI VIESTE.In antichità, dove ora sorgono i rigogliosi canneti e gli enormi fichi, attraverso un sistema di terrazzamenti, la gente del posto poteva coltivare la terra;ancora oggi,infatti è possibile trovarvi limoni, fichi e fichi d'india.

La zona più attigua al mare offriva un molo e un attracco sicuro ai pescatori viestani che curavano i casotti, il trabucco e gli scogli come fosse casa loro;
Il racconto di un’anziana signora viestana fa sorridere al pensiero che, i bambini che affollavano la ripavenivano sgridati dai pescatori per aver fatto cadere a terra il pomodoro della pizza!!!
Oggi, la Ripaè un posto di cui pochi riescono a vedere la reale bellezza e in cui molti altri non si spingono per via del rischio di crollo della torre sovrastante la scalinatache, tra l’altro è a rischio crollo da più di 20 anni.
I terreni, non più coltivati da decenni, sono abbandonati al loro destino e all'incuria di abitanti e turisti che gettano ovunque rifiuti di ogni genere, infatti, anche la zona degli scogli ne è piena.

A nulla valgono i tentativi di amanti del posto che spesso e “volentieri” cercano di sensibilizzare l’amministrazione comunale e gli abitanti organizzando giornate di pulizia del posto.

LA RIPA DI VIESTE.
Quando si va a fare il bagno alla Ripa passiamo la metà del tempo a raccogliere rifiuti dagli scogli e dal mare, tra l’altro quella non è zona balneare, proprio a causa del rischio di crollo, la segnaletica dice che bisognerebbe stare a 30 metri dalla parete rocciosa, praticamente in mare aperto.
Negli ultimi due anni abbiamo raccolto oltre 20 kg di metalli dalla riva e tra gli scogli, tra cui coltelli, cacciaviti, bulloni, batterie, chiodi e tantissime fascette di piombo per le reti, oltre a bottiglie, buste, reti per le cozze, cicche di sigarette e residui di pesca.
La cosa viene tristemente risolta in due maniere:
  • Nottetempo "qualcuno" accumula e brucia i rifiuti.
  • I rifiuti vengono presi dai luoghi di accumulo e rigettati in mare.

Solo in poche occasioni e attraverso "agganci" al Comune di Vieste si è riusciti a ottenere che venissero a raccogliere qualche busta.
LA RIPA DI VIESTE.
Anche il Trabucco della Ripa, appena ricostruito, è stato ignobilmente bruciato… ma questa è un'altra storia di fondi europei male usati e di scadenze non rispettate.
Un altro infido aspetto è quello della pesca, spesso di frodo, che quotidianamente viene perpetrata, anche durante il fermo biologico imposto. Il punto di vista spiacevole è che si porta in tavola residui di acidi di batterie, metalli pesanti e i risultati degli scarichi di qualche casa o ristorante che dichiarano di aver eliminato ma che continuano a grondare lungo le pareti rocciose, perché fin dall'antichità gli scarichi si gestivano così ma,allora non si usavano tutti i detersivi chimici che utilizziamo oggi.
Il futuro per la Ripa non sembra roseo; pare che qualcuno abbia comprato i gabbiotti dei vecchi pescatori e il terreno antistante.
LA RIPA DI VIESTE.
Tempo fa passeggiando nella zona della Ripa ho incontrato un individuo che stava tagliando il canneto, ho pensato che fosse un operaio del comune e che si fossero finalmente decisi a fare una ripulita per rivalorizzare la storica Ripa, ma la triste realtà era un’altra: si stava spianando di nuovo il terrazzamento con l’intendo di poter aprire un nuovo ristorante.


Sapendo come vanno le cose a Vieste, scommettiamo che in un paio d’anni anche la zona degli scogli verrà data in concessione.

Cosa dobbiamo aspettarci?Spiaggia attrezzata e musica d’animazione anche lì ???
Che tristezza …
di "anonima cittadina viestana"Vieste, 21/10/2014
LA RIPA DI VIESTE.
garganistan 2014

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La notte di natale

    notte natale

    , per abitudine oramai consolidata, vado a sentir messa in quella splendida Cattedrale romanica che è il Duomo di Fidenza. No, non è che sono diventato... Leggere il seguito

    Da  Bernardrieux
    INFORMAZIONE REGIONALE, POLITICA, POLITICA ITALIA
  • La pubblicità di design

    pubblicità design

    La pubblicità e' l'anima del commercio. Questo si sa. Ma in molte città e' anche uno strumento utile alla collettività. Arrivano le "pubblicità urbane", nate pe... Leggere il seguito

    Da  Studioad
    ARCHITETTURA E DESIGN, ARREDAMENTO, LIFESTYLE
  • La versione di Barney

    versione Barney

    Non conoscevo il canadese Mordecai Richler (1931-2001), scrittore in lingua inglese, prima di aver letto "La versione di Barney", che ho terminato da pochi... Leggere il seguito

    Da  Marcodallavalle
    CULTURA, LIBRI
  • La scuola di tutti.

    scuola tutti.

    Un titolo che lascia il foglio bianco, cosa vuoi dire ancora! Un argomento che ti accompagna per tutta la vita: ricordi, emozioni, paure, sogni, sconfitte. Leggere il seguito

    Da  19stefano55
    SALUTE E BENESSERE, SOCIETÀ
  • La Regina di Carnac.

    I Monologhi di Sana – Rubrica Felice Beltane a tutt* voi! Possano i vostri cuori risplendere sotto i fuochi di mezzanotte. Non tutto quel che è oro brilla né gl... Leggere il seguito

    Da  Philomela997
    CULTURA, EDITORIA E STAMPA, LIBRI, STORIA E FILOSOFIA
  • La corsa di Varenne

    corsa Varenne

    A cura di Bruce Wayne Gli amanti dell’equitazione dicono che prima di lui c’era stato solo il grande Ribot. Ma alcuni, tra loro, dicono che lui era più forte. Leggere il seguito

    Da  Simo785
    SPORT