Magazine Cultura

La sindrome del viaggiatore solitario

Creato il 23 marzo 2011 da Carlo_lock
Viaggiare? Sìììììì..viaggiare, cantava qualcuno.
Se mi si chiede se amo i viaggi di piacere, quelli turistici, rispondo di sì, certamente. Eppure, non so perché (ecco la pure contraddizioni della vita) non c'è cosa che mi crea più stress di un viaggio, soprattutto se è pianificato e prenotato da troppo tempo, come se il viaggio fosse un "macigno" definito, bell'è pronto, davanti a me, che mi aspetta, da consumare e da erodere. E nel lasso di tempo che mi separa da questo appuntamento col viaggio, m'interrogo se sarò in grado di erodere, di sfondare a poco a poco, diluito nei giorni, questo macigno dalle mille incognite, mi chiedo se non ci saranno traversie che mi impediranno di raggiungere lo scopo.
Poi mi chiedo spesso che senso ha viaggiare da solo...io viaggio solo perché non ho di meglio di fare, non per scelta....e se posso viaggio solo in posti già conosciuti o che mi danno una certa familiarità. Non andrei solo in India, in Islanda, in Turchia, in Giappone, in America e via dicendo. Dovrei crearmi un interesse segretissimo là...ecco, i turisti sessuali devono viaggiare per forza soli...oppure quelli che devono andare in un particolare negozio o visitare un particolare museo che non interessa a nessuno.
Amo, in generale, la condivisione del viaggio, non voglio digerire questo macigno tutto da solo e poi raccontarlo a chi non era con me....qualcuno con me ci deve essere.
Ma anche trovarsi così dei compagni di viaggio di carne, puri oggetti, pure bambole dalla pura compagnia fisica, persone che magari fanno un favore ad accompagnarti? Anche tutto questo, che senso ha? Che senso ha?
Che senso ha elemosinare la compagnia di un viaggio? Ecco, un altro argomento interessante su cui riflettere è: come nasce il progetto comune di un viaggio? Qual è il passaggio vero e proprio che spinge due/tre persone al passare dal fantasticare all'azione ("ok, prenotiamo, andiamo, facciamo). Spesso molta gente perditempo si ferma solo alla fantasia, poi si caga sotto, è distratta o incapace di organizzare. Com'è che è possibile selezionare il giusto compagno di viaggio?
E soprattutto: occorre sempre e soltanto subordinare la meta di un viaggio agli accompagnatori? E se uno non troverà mai qualcuno disposto ad accompagnarlo e non vuole assolutamente viaggiare solo, che può fare? Sì, la risposta è sforzarsi di rimanere da solo, molto semplice. Entrare nella dimensione che è bello essere soli....ma come si può rendere bello qualcosa che forse soggettivamente non è?
La seconda risposta è la rinuncia....Quindi il viaggiatore è spesso anche un esploratore dei propri sogni, un accattone di amicizia, un perenne insoddisfatto. Insoddisfatto anche quando viaggia in posti che non gli interessano granché, solo per il gusto di esplorare il mondo in compagnia.
Insomma, gli accattoni di amicizie saranno sempre insoddisfatti, come chi non ha mai il pane.
E per finire, per tagliare corto, il viaggio è bello, ma forse è bello anche nel suo stress.

Potrebbero interessarti anche :

Ritornare alla prima pagina di Logo Paperblog

Possono interessarti anche questi articoli :

  • La neve

    neve

    Nevica, aspettando che si abbatta la tempesta WikiLeaks. Osservò assonnato i fiocchi, argentei e scuri, cadere obliquamente contro il lampione. Era tempo per lu... Leggere il seguito

    Da  Bourbaki
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La tovaglia

    tovaglia

    Le dicevano: - Bambina! che tu non lasci mai stesa, dalla sera alla mattina, ma porta dove l'hai presa, la tovaglia bianca, appena ch'è terminata la cena!... Leggere il seguito

    Da  Antonio
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La caciotta

    caciotta

    di Gianpiero Caldarella (l’articolo è già apparso qui) Sono belli i pastori. Hanno volti che sembrano resistere al tempo da secoli. Ricordano un passato che... Leggere il seguito

    Da  Pupidizuccaro
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La quadra

    quadra

    Prendo spunto da una riflessione di Alberto, riguardante uno spot di una nota casa automobilistica, per cercare di trovare la quadra sull'effettiva svolta... Leggere il seguito

    Da  Gians
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La Rinascente.

    Rinascente.

    Ok e cosi' l'Italia si e' venduta un altro pezzo della sua storia. Stavolta una societa' che risale al 1865 e il cui nome e' legata a persone importanti come... Leggere il seguito

    Da  Fabiofabbri
    CULTURA, SOCIETÀ
  • La palla

    palla

    La palla rotolada oriente ad occidenterincorsa da piedidi bimbi giocosiche ridono dietro di lei. Chi l'ha inventatasi sarà ispiratoal mondo. Leggi tutto... Leggere il seguito

    Da  Fiaba
    CULTURA, LETTERATURA PER RAGAZZI, LIBRI
  • La riapertura

    Polvere. Dappertutto, sul bancone, sulle sedie e sulla macchina del caffè, sui bicchieri. Polvere, forse sabbia incastrata nelle pagine del romanzo di King che... Leggere il seguito

    Da  Camphora
    CULTURA, LIBRI

Dossier Paperblog

Magazines